Jump to content
Sign in to follow this  

Ferrero e il senso del gruppo «Qui siamo tutti protagonisti»


simon89

Giancarlo Ferrero si gode il premio di MVP della tredicesima giornata assegnatogli dalla Lega Basket per la prova dei 3 record in carriera - rimbalzi, falli subiti e valutazione - con la quale ha abbattuto Pesaro. All'indomani dei 27 punti scaricati nella retina della Carpegna Prosciutti, il capitano del-l'Openjobmetis focalizza l'attenzione sull'importanza della vittoria per mantenere il ritmo in chiave Final Eight senza dare eccessivi significati alla sua gara nella quale la sua classe operaia ha spedito Varese in paradiso.

«Sono contento per la mia prestazione, ma soprattutto per aver vinto una partita che poteva sembrare semplice ma non lo è stata, perché ci siamo trovati di fronte un'avversaria che è venuta all'Enerxenia Arena con grandi motivazioni. Abbiamo disputato un primo tempo non da noi, poi nella ripresa abbiamo rubato qualche pallone in più e grazie alla difesa abbiamo trovato punti facili. Due punti importanti per la classifica e per ripagare il lavoro quotidiano che portiamo avanti con grande impegno. La mia prestazione conta meno rispetto a tutto ciò...».

Grinta, carica agonistica, difesa ma anche triple e bottino da stella: per una volta l'adrenalina del capitano è andata anche a referto... «Siamo una squadra nella quale tutti possono fare qualcosa di utile: non è solo questione di punti realizzati, a volte è una difesa importante o semplicemente un incoraggiamento quando serve. La nostra identità è basata sul gruppo, a Varese è così da anni e vogliamo portare avanti questo modo di essere perché ci crediamo. Sappiamo che dobbiamo farci trovare pronti perché il momento di essere protagonisti arriva per tutti; quando capita l'occasione bisogna dimostrare di esserci».

E lei domenica ha dimostrato con i fatti cosa significa farsi trovare pronti, complici i falli di Vene... «A volte la palla entra più facilmente, ma farsi trovare pronti a fare qualcosa di utile per la squadra sta anche nelle piccole cose. L'identità della squadra nasce così: una partita nella quale abbiamo commesso qualche errore più del solito in difesa visto gli 87 punti concessi l'abbiamo comunque vinta facendo qualcosa di diverso con l'attacco sugli scudi».

Dal 32% da sotto contro Cantù al 61% dentro il pitturato contro Pesaro: cosa cambia tra casa e trasferta? «Riusciamo ad essere più aggressivi a livello di energia ed attaccare il ferro sfruttando il ritmo più elevato che ci arriva dall'intensità della difesa. Per rompere il ghiaccio fuori casa dobbiamo limare qualche dettaglio e ridurre il numero degli errori: davanti al nostro pubblico è più facile nascondere sbavature con la spinta della gente e le buone percentuali. In trasferta è più difficile, vanno curati tutti gli aspetti nei minimi particolari».

Sabato a Cremona riuscirete a fare quel regalo di Natale chiesto da Andrea Conti a Ville Ponti, sfatando il tabù esterno? «Abbiamo iniziato a lavorarci sopra, ma sono fiducioso perché le motivazioni per questa trasferta sono fortissime. Qui gli stimoli sono a mille per tutti: all'interno del gruppo ognuno di noi ha obiettivi differenti ma condivide lo stessa ambizione di fare il massimo. La stessa spinta è condivisa dallo staff tecnico e dalla società, e questo è il modo giusto per fare le cose...».

Giuseppe Sciascia 

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...