Jump to content

Innamorata della sua diversità, allergica alla durezza, sempre più giù


simon89

IL COMMENTO DI FABIO GANDINI

Buttare via una partita dal 50% da 3 con 18 palle perse e con errori difensivi certosini, messi lì con puntualità elvetica ogni volta che la speranza di rimontare si faceva troppo concreta? Fatto

Un replay infinito di cose già viste e riviste in cui Varese e i suoi tifosi sono ormai imprigionati, immagini che si ripetono senza tempo, senza scia, senza sorprese: ogni volta che la Openjobmetis arriva a uno/due canestri dalla parità, subisce un uno contro uno avversario convolato al ferro, in un’evenienza ineluttabile, come se fosse una sentenza di ultimo grado.

E allora -33 o -7 cambia nulla. Cambia nulla durare 40 minuti oppure solo 20. Cambia nulla avere delle giustificazioni, come oggi, o non averle. 

Perché sono passate 24 giornate, è stata rivoluzionata mezza squadra, è arrivato un futuro campione, un centro teoricamente come si deve (che ormai tuttavia scompare sempre di più nella sua solitudine) ed è stato preso pure un altro correttivo, seppur assai tardivo… eppure Varese in fondo è rimasta sempre uguale...

Tenera, sbarazzina, eterea, allergica alla durezza, innamorata della sua diversità. E così è il suo allenatore, nonostante sia il conducente di una plancia sulla quale tanti bottoni hanno recato il monito “vietato toccare”: da lui non uno “scatto in avanti”, non un’uscita dalle righe, non un qualcosa di diverso dal copione, non un’alzata di scudi che gridi al mondo e ai suoi giocatori in primis “io non voglio retrocedere”.

Chi è in grado di far presente - oggi - a coloro che vanno in campo il peso e l’importanza di quello che si sta facendo, di una classifica sempre più deficitaria, del rischio che porta con sé il ripetersi degli errori? Ce lo chiediamo preoccupati e forse rassegnati al fatto che questa squadra non guarirà più. 

Ma la panchina rimane solo una degli artefici di tale caduta verso gli inferi, per noi nemmeno la prima: c’è un sistema, c’è una filosofia, c’è un modo di vedere le cose sul campo che a conti fatti non si sono dimostrati adeguati.

“Qui Varese, G-League, quand’è la prossima?”: lo scrivemmo un girone fa, a denunciare il pericolo di una mollezza cultural-cestistica troppo aliena ai nostri costumi, alle esigenze di questo campionato, a ciò che serve per sopravvivere in queste lande quando non tutto fila liscio come l’anno scorso, penalizzazione a parte. 

Siamo stati delle Cassandre.

Va ammesso: oggi come oggi non siamo sicuri che Varese si salvi da sola... Speriamo che l’aiuti Pesaro…

 Fabio Gandini


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...