Jump to content

La Openjobmetis non graffia in difesa: il derby-salvezza è di Cantù


simon89
 Share

Varese 6, Cantù 10 con lo scontro diretto a favore. Il dato peggiore espresso dal derby (97-82) è quello relativo alla classifica, con i brianzoli che staccano la Openjobmetis e la rendono l’ancor più solida candidata all’ultimo posto della Serie A. Quello che significa retrocessione, per intenderci, se non cambieranno le regole e le decisioni. Il confronto diretto di Desio non fa che confermare i timori della vigilia: una Varese tutto sommato volenterosa non si sottrae al confronto e anzi regge il match praticamente alla pari fino alla terza sirena, come era accaduto mercoledì a Trieste.

Poi la benzina finisce nelle gambe di un gruppo che prima della fatica e della delusione deve ancora smaltire il Covid-19, e per Cantù è piuttosto semplice allungare il vantaggio nel quarto conclusivo sino a un +15 che appare il giusto verdetto se pensiamo a quello che si è visto in campo. Paradossalmente, però, la Openjobmetis ha imboccato la strada della sconfitta fin dalla prima metà, palesando – di nuovo – gravi lacune in fase difensiva, soprattutto per quanto riguarda la zona. Troppi i buchi lasciati sul perimetro ai tiratori del neo-coach locale Bucchi, che segnano con il 35% dall’arco nella prima metà di gara e concludono addirittura al 42% al 40′, ennesimo show balistico per una avversaria dei biancorossi.

Al contrario, dalla parte opposta, Varese non ha trovato continuità nel tiro pesante e, anzi, proprio quando si è incaponita a provarci da fuori (come sul finire del secondo quarto o anche nel cuore della ripresa) ha offerto il fianco a Cantù che ha avuto maggiore pazienza e alla fine ha trovato anche protagonisti non così attesi come Jazz Johnson o Gabriele Procida, mattatori rispettivamente del terzo e del quarto periodo. La risposta offensiva della Openjobmetis non è stata malvagia, nel complesso, con De Nicolao autore di una prova perfetta al tiro (3-3 sia da 2 sia da 3 sia ai liberi) a fare la parte inconsueta della prima punta. Chi invece è mancato in modo evidente è stato Luis Scola che, al di là del lavoro a rimbalzo, è andato nettamente calando dopo un buon avvio e con una prestazione sotto lo standard ha condizionato i tentativi di rincorsa biancorossa. Maluccio anche Strautins (a un certo punto si è visto un Bulleri infuriato con l’ala) mentre De Vico e Ruzzier ci hanno provato ma alla lunga sono scesi di quota.

Ora, con una graduatoria che è una palla al piede, Varese dovrà tornare in campo giovedì contro una Brindisi che abita dall’altra parte della classifica ma che giocherà lunedì sera in campionato e che sarà senza il bomber Harrison. La Openjobmetis dovrebbe schierarsi al completo, visto che Egbunu è in arrivo e che Douglas e Beane potrebbero tornare a disposizione, costringendo così Bulleri a un turnover tra gli stranieri. Non importa come, ma ottenere una vittoria sarebbe necessario, perché la discesa libera non accenna a rallentare. E sotto c’è la Serie A2.

PALLA A DUE
Massimo Bulleri recupera Ingus Jakovics per il derby con Cantù, anche se il lettone – appena guarito dal Covid-19 – si presenta con la mano destra fasciata per un piccolo incidente domestico. In quintetto le guardie sono Ruzzier e De Nicolao, le ali Strautins e De Vico con Scola sotto i tabelloni. Bucchi, all’esordio in panchina con l’Acqua San Bernardo, sceglie Bayehe per marcarlo, affidandosi poi allo sprint di Smith, Gaines e Procida sugli esterni e all’esperienza di Leunen.

LA PARTITA
L’avvio di gara è vivace da ambo le parti, anche grazie a difese non certo granitiche: Varese trova gloria in entrata con Ruzzier e alimenta bene Scola sotto i tabelloni (subito due falli per Bayehe), Cantù invece approfitta della zonetta biancorossa per caricare il braccio da lontano, spesso senza contrasto. I padroni di casa prendono il comando dopo diverse alternanze in avvio, però non riescono a scappare: al 10′ è 27-24.
Nel secondo quarto il copione è simile; Smith mena bene le danze, i biancorossi replicano con un Morse presente in area. Dietro però è il solito pianto: Varese è costretta a rincorrere la circolazione di palla, la San Bernardo tira spesso coi piedi per terra e trova in Procida un’arma interessante. Il divario però resta ridotto, perché De Vico (che deve farsi perdonare un contropiede fallito per il possibile -1) replica ai cesti avversari: a metà gara è quindi 48-42, tutto aperto.

E dopo l’intervallo, stavolta, la Openjobmetis non si perde per strada. I biancorossi provano a colmare il divario, scivolano a -10 ma risalgono con una bomba di Jakovics e con le invenzioni di De Nicolao. Però, come nel secondo quarto, Varese si aggrappa troppo spesso al tiro da lontano ed è un errore perché le mani non sono così calde a differenza di quelle di Johnson che negli ultimi minuti piazza lo show personale che vale il 71-66.

IL FINALE
Non c’è però il tempo di sognare il miracolo: Smith allunga e a poco servono le repliche di Denik e Jako o il quinto fallo di Bayehe. Bulleri perde le staffe con gli arbitri e si prende tecnico (dopo un passi netto, ignorato dal permaloso Lanzarini, che poi compenserà inventando un fallo su Strautins) ma non è quella la causa del break di casa. Piuttosto, Bucchi può contare su un Procida che gioca con il piglio del veterano, sigla 8 punti nel quarto e mette la firma su un derby per il quale Varese avrebbe avuto bisogno di un miracolo. Ma le grazie – dice il proverbio – ei fann i sant e i tusànn quand hinn grand. Due categorie che non vestono la maglia biancorossa, purtroppo.

Damiano Franzetti

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...