Jump to content

La Openjobmetis non oppone resistenza: Brindisi batte Varese ed è seconda


simon89
 Share

Contro una squadra pensata per fare i playoff da outsider di lusso, non basta presentarsi in campo parlando di buoni propositi. La Openjobmetis, senza più nulla da chiedere al campionato, viene battuta nettamente a Brindisi (108-84), lottando al minimo sindacale e accompagnando la banda di Frank Vitucci al secondo posto – meritato – in classifica quando per la stagione regolare suona il gong. Il risultato del PalaPentassuglia è inappellabile e duro: certo, non ci si aspettava da Varese una resistenza all’ultimo sangue, anche perché la differenza di motivazioni era netta al momento della contesa iniziale. Ma neppure ci si attendeva una partita in cui per lungo tempo Brindisi ha segnato tre punti al minuto (61 nei primi 20′) e la Openjobmetis ha perso un pallone ogni 120”. Cifre che da sole bastano a spiegare la differenza di grinta, caparbietà e fame messa sul parquet dalle due contendenti con i padroni di casa pronti a spendere falli duri per evitare un canestro facile anche con un vantaggio larghissimo sul tabellone.

Un po’ di merito a Varese va ugualmente dato, almeno per aver provato a risalire in un momento – dal finire del terzo quarto alle prime battute dell’ultimo – in cui nessuno si aspettava un risveglio. La squadra di Bulleri è tornata invece sino al -9 con qualche giocata coraggiosa della coppia Ruzzier-Douglas ma poi è stata ricacciata indietro di nuovo da una Happy Casa sempre pronta a correre a velocità doppia dalla difesa all’attacco, dopo palla recuperata o rimbalzo catturato. E poi, una volta schierati, gli uomini di Vitucci hanno tirato divinamente dall’arco e trovato soluzioni vincenti un po’ con tutti i giocatori schierati. Anche Varese ha distribuito bene i suoi punti – 84 sono un bel bottino, per lo meno – ma certi rientri pigri, certi palloni gettati alle ortiche, certe scelte di comodo che non hanno dato frutto hanno permesso ai padroni di casa di scavare un solco incolmabile.

E adesso? Mentre le prime otto si daranno a un playoff folle, con il rischio di giocare una partita ogni due giorni con tante “doppiette” una via l’altra, in casa Varese bisogna necessariamente iniziare a pensare al domani. Capendo innanzitutto le reali intenzioni di Rosario Rasizza e della Openjobmetis spa e agendo di conseguenza, provando a recuperare risorse sul territorio e altrove e lavorando di cesello sulla squadra che verrà. All’ordine del giorno ci sono anche due decisioni attese che verranno prese – crediamo – piuttosto rapidamente: quella sulla guida tecnica (Bulleri) e quella unilaterale di Luis Scola sul prosieguo della sua attività sportiva. Messi a posto quei due tasselli poi si passerà a costruire, sperando di non dover affrontare ulteriori fatiche finanziarie. Il tempo per lavorare, per lo meno, non manca. Si cominci immediatamente, e arrivederci al prossimo campionato di Serie A.

PALLA A DUE

È una Varese al completo quella che si presenta – con i 10 senior – al PalaPentassuglia di Brindisi, impianto intitolato a un allenatore che, come Vitucci e Bulleri, ha unito le due città con il proprio lavoro. Il coach biancorosso sceglie i “soliti 5” per dare il via alla partita; l’ex Vitucci invece sceglie di tenere fuori Krubally, il meno pericoloso dei suoi sette stranieri (uno va per forza in panchina) e schiera un quintetto alto in cui Gaspardo è la guardia e Bostic l’ala piccola. In area il duello iniziale è Egbunu-Perkins.

LA PARTITA

Q1 – L’avvio di Varese è da panico. Dopo un bel canestro in entrata di Ruzzier, la Openjobmetis stende il tappeto rosso davanti a Brindisi che da 2 o da 3 la butta sempre dentro (10-2). Scola è impacciato e i compagni non fanno meglio: per avere una scossa Bulleri deve ribaltare tutto il quintetto e trovare due triple con De Vico e Beane. L’americano però poco dopo si fa male lasciando una caviglia sotto al corpo di un avversario e deve uscire: alla prima sirena il tabellone è impetoso, 30-16 (e solo perché nell’ultimo minuto Varese trova due cesti).
Q2 – Il secondo quarto è indubbiamente più equilibrato anche se la sensazione è che Brindisi sia in totale controllo sul match. Varese per lo meno segna perché i veterani hanno un moto d’orgoglio e regalano sprazzi di classe (15 punti tra Scola e Douglas, si torna sino a -12). Classe che arriva a piene mani anche da Harrison che trova sempre e comunque la maniera di colpire. E non è l’unico, perché nel finale di periodo tocca a Gaspardo ritoccare un punteggio monstre, 61-45.
Q3 – Dopo l’intervallo Brindisi allunga di nuovo mettendo in campo reattività in difesa e sprint in transizione: Thompson si esalta, Gaspardo conferma una mano calda e per Varese è notte fonda con il tabellone che arriva sino al -23. Una “linea del Piave” su cui un quintetto di emergenza di Bulleri prova a costruire un argine e, col passare dei minuti, ci riesce anche: Ruzzier è forse il migliore in questo momento e con i suoi punti consente una risalita che prima della terza pausa porta un parziale di 0-11 per i biancorossi. Ci pensa Bell, con una gran tripla a 5” dalla mezz’ora, a siglare l’81-68.

IL FINALE

Varese non ci sta, ha ancora qualche cartuccia e la spara in avvio di ultimo quarto quando riesce a spingersi sotto le 10 lunghezze di ritardo. Douglas ruba palla, subisce fallo e dalla lunetta fa -9 con il primo libero ma fallisce la replica e allora di nuovo Bell, pur molto nervoso, infila la bomba che ridà certezze ai pugliesi. Poi ci pensa Willis a riaccendere il turbo alla Happy Casa che torna a segnare con regolarità arrivando sino a 108 punti, contro gli 84 di una OJM comparsa nello spettacolo altrui.

Damiano Franzetti

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...