Jump to content
Sign in to follow this  

Mercato alla Caja: «Vene e Mayo perfetti»


simon89

Attilio Caja promuove a pieni voti l’accoppiata Mayo-Vene come doppio obiettivo primario raggiunto nel mercato dell’Openjobmetis. Il tecnico pavese racconta così il suo stato d’animo dopo l’ufficialità della firma dell’ala estone:

«Sono molto contento di come siamo state condotte queste operazioni - racconta il coach di Varese -: Toto Bulgheroni per il suo input finale ed Andrea Conti per come le ha portate avanti meritano grandi complimenti. Vene volevamo confermarlo anche l’anno scorso, poi abbiamo fatto esperienze diverse ma ci siamo ritrovati con estremo piacere. L’ossatura della squadra è già ben consolidata: un mese fa ci mancavano 7 giocatori da inserire, ora ce ne mancano solo 3...».

Il nuovo play e l’ala forte di ritorno all’OJM saranno i pezzi forti della nuova squadra?

«Si tratta di due giocatori con le caratteristiche perfette per interpretare un certo tipo di pallacanestro. Con Vene ci conosciamo già, mentre Mayo è l’elemento adatto per essere il leader del gruppo. Entrambi hanno capacità individuali importanti che garantiranno anche qualità offensiva, inoltre il loro quoziente intellettivo cestistico è in grado di mettere i compagni nelle condizioni ottimali per rendere al meglio e dare un equilibrio alla squadra».

Il ritorno di Vene sconfessa la vox populi che considera Caja come allenatore bravo ma duro in palestra col rischio fuga dei giocatori?

«Non bado a queste cose, mi importa la crescita dei giocatori e il loro massimo impegno: Siim è tornato perché sa cosa troverà in termini di mentalità ed etica del lavoro, adesso speriamo di trovare altri Okoye ed Avramovic, ossia ragazzi che qui hanno dato il massimo e poi hanno strappato bei contratti a livello più alto. Con Mayo e Vene abbiamo l’ossatura di giocatori di talento ed esperienza per assistere la crescita di altri elementi».

Il prossimo arrivo sarà il cambio del pivot italiano per completare il reparto lunghi?

«L’idea è di non investire eccessive risorse in un ruolo importante ma comunque limitato nel minutaggio. Inutile sovradimensionare l’impegno in uno spot da cambio: la scelta di Iannuzzi è stato un mio errore, del quale mi assumo ogni responsabilità. Ma dagli errori bisogna imparare, dunque sceglieremo un elemento dal valore rapportato al minutaggio che dovrà avere ed in linea agli altri elementi della panchina sia sul piano dell’utilizzo che economico».

Quali caratteristiche dovranno avere gli ultimi due stranieri sul perimetro?

«Su guardia titolare e sesto uomo dietro guardia e play abbiamo idee chiare, in linea di principio vorremmo un elemento emergente e uno più rodato dietro Peak che è un semiesordiente. In ogni caso vogliamo gente entusiasta e motivata: per quelli che ci hanno pensato troppo il tempo è scaduto... All’interno del nostro budget ci siamo mossi molto bene; il mio compito sarà valorizzare quelli che ci sono e di dare chiarezza ai ruoli. Siamo già a buon punto, ora cercheremo di piazzare un altro colpetto per arrivare a quota 8 in un campionato che se davvero va verso le 16 squadre con 2 retrocessioni sarà ancora più impegnativo».

Giuseppe Sciascia

 

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...