Jump to content

Mercato OJM fermo, ma spunta Tambone


simon89
 Share

La Pallacanestro Varese lavora sottotraccia sul mercato in attesa di notizie definitive sui confermameli stranieri e italiani. Il d.g. Claudio Coldebella è tornato operativo dopo la mini "licenza matrimoniale" del weekend (viaggio lampo a Treviso per convolare a nozze con la compagna Milena), ma ancora nulla di concreto bolle in pentola per quanto riguarda i rinnovi auspicati, a partire da quelli di Chris Eyenga (discorso affrontabile in settimana dopo la chiusura dell'avventura playoff a Malaga) e O.D. Anosike. Solo sondaggi esplorativi anche sul mercato tricolore in attesa che si sblocchi la querelle Ferrerò, rimasta sostanzialmente allo stesso punto di 10 giorni fa: offerta annuale con leggero ritocco al rialzo del salario 2016-17 con l'ala del 1988 che ha preso atto riservandosi di valutare alternative prima di dare una risposta definitiva. Dalla quale dipenderanno le strategie per gli spot di cambi italiani di ala piccola e ala forte: se arrivasse la fumata nera con il mancino di Bra si cercherebbe probabilmente un giocatore di buon profilo che possa dare minuti sia da "3" che da "4".

Ma non sembra esserci particolare fretta di affondare il colpo su nessuna pista, anzi l'ipotesi più accreditata - a meno di altri casi Okoye nel far collimare voglia di emergere e costi accessibili - è quella di attendere le "rimanenze" di luglio per presentarsi come alternativa più allettante rispetto alle attuali sirene economiche delle big di A2. Per quanto riguarda lo spot di cambio degli esterni per completare il "pacchetto" con play e guardia titolari e Alexsa Avramovic dalla panchina a cambiare guardia e ala piccola in una formula con 3 piccoli già usata nel 2016-17 da Artiglio c'è qualche pista aperta in più, a partire da quella che porta a Matteo Tambone. Varese ha chiesto informazioni sul 23enne play-guardia cresciuto alla Virtus Roma ma nelle ultime 4 stagioni in A2 con una crescita costante tra Treviglio e Ravenna (11,3 punti e 2,2 assist nel 2016-17 raggiungendo le semifinali playoff); l'atleta del 1994 - che avrebbe comunque qualche alternativa in A - è sotto contratto per il 2017-18 con l'Acmar, ma può uscire in caso di chiamata in serie A entro il 30 giugno a cifre abbordabilissime (3mila euro).

Si tratta di un altro ex allievo di Attilio Caja in Nazionale Sperimentale, che ha buona complessione fisica (192 centimetri per 87 chili) e ottime doti balistiche pur con un tasso atletico da mettere alla prova degli sprinter statunitensi sul perimetro della serie A. Tra i profili valutati per il play di riserva ci sarebbe anche l'ex legnanese Riccardo Tavernelli, già insieme al neo assistant coach Matteo Jemoli a Trapani nel 2016-17; ma il regista cresciuto a Desio ha già sirene economiche importanti da Latina, alle quali non sarebbe facile rinunciare per giocarsi una chance in serie A. Mentre Tambone potrebbe essere più disposto ad accettare un salario compatibile con le intenzioni di spesa di Varese per provare a mettersi alla prova nella massima serie. Anche per il ruolo da quarto esterno però non c'è fretta, cercando il giusto incastro tra ambizioni e costi tra i giocatori emergenti in A2.

Giuseppe Sciascia

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...