Jump to content

Openjobmetis, cuore e rimonta ma contro Tortona non basta


simon89
 Share

Senza più il discusso Roijakkers in panchina, Varese non è una squadra alla deriva, anzi. Chi temeva il crollo dopo l’ennesimo shock in settimana ha tirato un sospiro di sollievo, perché i biancorossi sono vivi e pronti a lottare anche se ciò non è bastato per strappare una vittoria-salvezza sul parquet della Bertram Tortona. La sensazione è che, contro un’altra avversaria, la Openjobmetis avrebbe anche potuto completare un’impresa, ma i piemontesi non hanno avuto tremori quando si è trattato di chiudere i conti.

Ovvero quando una rimonta furiosa nell’ultimo periodo, caratterizzata soprattutto dalle prodezze di Sorokas, aveva riportato Varese in parità dal -19. Una rincorsa notevole cui hanno partecipato a vario titolo anche Librizzi e Woldetensae, Reyes e Keene, giunta fino all’89 pari. Ma non è bastato contro un’avversaria che ha tirato a tratti con percentuali divine, il 54% da 3 alla fine. E contro un giocatore, Mike Daum, che di punti ne ha messi 33 con 7/9 nelle triple e 11 rimbalzi: prestazione mostruosa (46 di valutazione) per di più contro Vene (una delle certezze biancorosse, stasera demolito). Senza l’americano staremmo parlando d’altro, ma il basket è anche questo.

Varese ha anche pagato a caro prezzo qualche amnesia difensiva, specie nel secondo periodo, quando i bianconeri hanno creato il break che poi si è trascinato per il resto della partita. E anche dopo l’intervallo qualche meccanismo è saltato, con palle perse in modo banale. Però su quegli errori è stata anche costruita una risalita che, fosse arrivata con Treviso o Trieste, avrebbe portato a ben altri risultati. Ora i biancorossi dovranno conservare quello spirito di lotta e quella volontà di reagire al caso-Roijakkers, lavorando inoltre su quei dettagli che hanno permesso a Tortona di punire la difesa.

Contro la Fortitudo sarà una finale: Seravalli (oggi in tribuna) dovrà ricaricare due giocatori chiave come De Nicolao e Vene, oggi in crisi netta, e magari anche Beane che si è acceso all’inizio per poi sparire lentamente. Chi invece ha dato prova di voler lasciare il segno è stato Justin Reyes: il “casus belli” principale dell’esonero di Roijakkers ha portato in campo voglia, energia e punti (al di là di una schiacciata fallita nel momento decisivo). Servirà di nuovo così nelle tre partite mancanti.

PALLA A DUE

Senza più Roijakkers e con Seravalli che non può sedersi in panchina per motivi burocratici, la scelta del tandem Ferrero-Jemoli in panchina è quella di mandare in campo fin da subito Marcus Keene con Librizzi dalla panchina. Per il resto non ci sono variazioni in quintetto: sotto canestro sfida tra due ex di turno, Sorokas e Cain. Tortona affida la regia a un altro “passato biancorosso”, Wright. Non troppi i tifosi sugli spalti in questo caldo Sabato Santo, folta però la rappresentanza da Varese.

LA PARTITA

Q1 – Varese parte contratta e il Derthona ne approfitta spingendo fino al 14-6 (due triple, Keene e Sorokas). La OJM mescola il quintetto ma è Beane a dare la scossa: tripla, due liberi e canestro in entrata per tornare a contatto. C’è anche il sorpasso di Keene, mentre Reyes ha un impatto ottimo in difesa, anche su Daum. Quest’ultimo, con una tripla permette ai suoi di mantenersi avanti dopo 10′ vivaci, 21-22.

Q2 – Il secondo periodo è la fiere degli attacchi, anche se quello piemontese gira meglio. La Bertram si rimette avanti con Filloy, subito ficcante, però deve fare i conti con la replica di un Woldetensae salito nettamente di tono (10 punti nel periodo). La OJM però concede troppo in difesa – Caruso spesso in ritardo – e se da un lato riesce a restare in scia, dall’altro perde il contatto diretto perché Daum è una sentenza. Al contrario di Vene che va al riposo a quota zero, con Varese sotto 54-45 e troppi canestri subiti.

Q3 – Dopo l’intervallo, Varese vede i fantasmi: 2-3 palle perse consecutive, anche in maniera banale, portano il divario sino al 72-53 a favore di un Derthona che ha in Daum e Macura le sue principali bocche da fuoco. Quando la partita sembra però chiudersi in anticipo, la OJM piazza uno 0-11 di parziale con Reyes e con una tripla di Librizzi che vale l’improvviso -6. Arriva un aiutino ai “Leoni” (fallo dubbissimo del Libro sulla tripla di Filloy) che fa respirare i padroni di casa ma la partita è riaperta: la sirena arriva sul 78-68.

IL FINALE

Se Caruso era il lungo in campo nella prima parte del recupero, Paulius Sorokas è l’uomo imprescindibile nel finale: prima Daum replica per due volte ai tentativi biancorossi, poi il lituano si carica sulle spalle Varese e – con un canestro e fallo seguito da una tripla – riesce a raggiungere anche la parità a quota 89. Il timeout di Ramondino però funziona, la Bertram trova due canestri rapidi (Cain, Sanders) e non perde più il vantaggio nonostante una Varese sempre lì. Keene però forza un paio di occasioni, Reyes sbaglia una schiacciata (fino a lì era stato impeccabile) e così Daum dice 33 e insieme ai compagni chiude il match sul 104-99.

Damiano Franzetti

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...