Jump to content
Sign in to follow this  

Varese doma Pesaro, Ferrero è il condottiero


simon89

L'Openjobmetis fa cinquina all'Enerxenia Arena e rimane agganciata al treno delle Final Eight. La formazione di Caja allunga la sua striscia vincente casalinga e tiene a quota zero il fanalino di coda Pesaro, domata con un finale all'insegna dell'aggressività e del sacrificio dopo un'inedita versione "sparatoria all'OK Corral" nei primi 28 minuti.

Varese gioca una partita leggera per lunghi tratti, affidandosi all'attacco (record stagionale i 103 punti a referto) più che alle abituali certezze difensive: il primo tempo chiuso sul 56-54 concedendo il 73% da 2 è totalmente contrario alle abitudini casalinghe biancorosse. Che girano le viti in retroguardia dopo l'intervallo (2/13 da 2 per gli ospiti nella ripresa...) con Simmons dominante sui due lati del campo (5/6 da 2, 5/7 ai liberi, 10 rimbalzi e 2 stoppate) e la coppia Peak-Clark a sfruttare tutta la loro energia nel gioco in campo aperto.

L'eroe della serata è però Giancarlo Ferrero, mattatore sul fronte offensivo per una OJM che manda sul proscenio il meno atteso dei protagonisti nelle pieghe di un collettivo affidabile (6 in doppia cifra). Il primo tempo da 17 punti in 13' del capitano permette a Varese di non deragliare nella sfida tutta punti e triple contro un'avversaria talentuosa in attesa dell'innesto del nuovo straniero Troy Williams. E alla fine le triple della staffa nella ripresa portano ancora la firma dell' ala mancina, che fa le veci di un inconsistente Vene in una prova di rara sostanza al di là del bottino finale (anche 8 rimbalzi e 7 falli subiti oltre al 7/12 totale dal campo).

La spinta giusta per l'OJM arriva dalla panchina, un graffiante Jakovics dà ritmo alla manovra ed alla difesa più di Mayo; nella sua versione casalinga la truppa di Caja ribadisce more solito la maggior propensione alla corsa e al gioco interno (42 punti in area contro i 28 di Pesaro). Non solo servendo finalmente qualche pallone giocabile a Simmons, ma anche cercando punti in avvicinamento con le penetrazioni degli esterni (Peak e Clark, ma pure Mayo e Jakovics).

Oltre al fattore Enerxenia Arena, c'è anche il fattore della difesa della Carpegna Prosciutti, statisticamente la più battuta del campionato; ma il 68% finale nel tiro da sotto fa tutta la differenza del mondo rispetto al 32% nel derby del PalaDesio. Aspettando ancora un Cervi visibilmente in ritardo di condizione nei primi 128 secondi da giocatore dell'OJM, la vittoria oltre quota 100 contro il fanalino di coda ribadisce le distanze ampie tra Ferrero e soci e la bagarre salvezza.

A quattro partite dal termine del girone d'andata, Varese ha sei lunghezze di margine sul penultimo posto e due di ritardo dalla zona Final Eight: per guardare in alto servirà sfatare il tabù esterno nell'anticipo di sabato a Cremona (con l'esordio di Malachi Richardson per sopperire alle tre assenze di Diener, Matthews e Stojanovic). Ma serve anche recuperare l'asse portante Mayo-Vene, ieri poco incisivi e non soltanto perché al servizio di compagni più brillanti...

Giuseppe Sciascia

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...