Jump to content

Varese giù, pubblico stabile


pxg14
 Share

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]
Nove posizioni e venti punti in meno in classifica, ma solo 126 spettatori di meno in media sulle tribune di Masnago (foto Blitz). Il dato delle presenze al PalaWhirlpool per la stagione 2013/2014 conferma che sono stati i tifosi la vera risorsa della Cimberio, a dispetto di risultati del campo meno brillanti rispetto a quelli del 2012/2013. La media dei paganti per le 15 partite casalinghe si è fermata a quota 4.115: rispetto all'annata degli Indimenticabili la perdita è relativamente modesta (4.292 di media contando anche i playoff, il dato scende a 4.241 limitandosi alla regular season). La differenza vera è in termini di incassi: il totale dell'annata conclusa senza post-season si è chiuso a poco più di 750mila euro lordi, mentre nella scorsa annata il gettito complessivo aveva sfiorato i 1,3 milioni (ma la regular season si era fermata a quota 790mila).[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]

Le presenze di pubblico sono peraltro aumentate sensibilmente nel girone di ritorno, tra i big-match contro Milano e Sassari e i risultati positivi dell'era-Bizzozi: rispetto ai 3.883 spettatori di media dell'andata c'è stato un balzo fino a quota 4.380. Certo, i numeri della fase ascendente erano condizionati dalle prime due gare disputate sul neutro di Casale Monferrato riservate solo agli abbonati; limitandosi alle 13 partite disputate a Masnago la media degli spettatori salirebbe a quota 4.260, facendo registrare addirittura un incremento rispetto alla regular season 2012/2013.
Ma molte delle presenze in tribuna erano legate ad una quota-abbonati da record: le 3.167 tessere staccate in settembre avevano fatto registrare un incremento di oltre 600 fedelissimi rispetto ai 2.533 dell'era Vitucci. Di conseguenza sono diminuiti i biglietti venduti, passati dai 1.711 di media ai 1.086 della stagione appena conclusa; ma è una ricaduta scontata dei risultati inferiori alle aspettative. Così come i mancati incassi playoff, anche se gli oltre 460mila euro delle 7 partite casalinghe della post-season 2012/2013 debbono essere considerati un evento straordinario e non certo un'abitudine (nella singola partita del 2010/2011 Varese aveva incassato circa 45mila euro, nelle due gare con Siena del 2011/2012 era arrivata poco oltre i 70mila).
Dunque, i ricavi da abbonamenti e biglietteria si confermano una voce importantissima - pure in una stagione avara di soddisfazioni - per le casse della società di piazza Monte Grappa. Per questo, al di là di un budget per il 2014/2015 ancora da definire, sarà fondamentale costruire una Varese capace di stuzzicare il palato dei tifosi: puntare su Gianmarco Pozzecco per la panchina è un ottimo punto di partenza, servirà però allestire una squadra adatta alle sue qualità per scaldare l'entusiasmo dei tifosi senza più il traino delle imprese degli "Indimenticabili".
Giuseppe Sciascia[/size][/font][/color]
 

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...