Jump to content
Sign in to follow this  

Varese la butta via, Avellino ringrazia


simon89

L'Openjobmetis crolla nel finale ad Avellino. Incredibile sconfitta per la formazione di Attilio Caja, che dilapida 24 punti di vantaggio accumulati grazie ad un primo tempo da spellarsi le mani e si fa infilzare in volata da un Sidigas orfana di Nichols, Filloy e D'Ercole. Grande occasione sciupata da una Varese bifronte, tanto lucida e pungente nel primo tempo da 53 punti con 10/17 da 3, quanto inconsistente e senza nerbo in una ripresa nella quale ha prodotto soli 18 punti con un glaciale 6/34 dal campo. Così Avellino, trascinata da un indomabile Caleb Green e dai gregari Harper e Campogrande, punisce una OJM totalmente fuori controllo nella gestione dei possessi dell'ultimo minuto (in serie: persa di Moore su passaggio indietro modello rugby sul più 1, rigore sbagliato da sotto da Avramovic sul meno 1 e persa sull'asse Moore-Scrubb su rimessa laterale sul meno 3).

Una sconfitta che fa malissimo in una partita che poteva girare la stagione di Varese: dopo il primo tempo si pregustava una vittoria dal valore doppio ribaltando anche il meno 4 casalingo dell'andata, invece lo 0-2 negli scontri diretti con Avellino e il fiato sul collo delle inseguitrici playoff a soli 2 punti acuiscono il rammarico per uno stop davvero difficile da digerire. L'OJM dei primi 20' era stata assoluta padrona del campo tra qualità di esecuzioni corali ed efficacia del suo impianto difensivo. Quella del secondo tempo ha smesso di attaccare con aggressività, con la regia di Moore totalmente sfasata; e senza più ritmo nella circolazione di palla, Varese è andata a sbattere contro i muscoli di una Sidigas che ha girato il duello chiave a rimbalzo (14-22 nei primi 20' ma un oceanico 32-16 per gli irpini nella ripresa), e che a suon di secondi tiri ha costruito la parte iniziale della rimonta nel terzo quarto. Poi quando la palla scottava è emersa la maggior qualità di Avellino, che pur senza tre elementi di spessore ha puntato sul talento delle sue individualità. Mentre a Varese è rimasto più volte il colpo in canna con Avramovic, al quale però non è corretto gettare la croce addosso perché tutto il reparto esterni biancorosso (con l'eccezione di un Tambone gravato presto di falli) si è afflosciato nella ripresa.

La sconfitta del PalaDelMauro pone nuovamente l'accento sulla eccessiva prevedibilità di Ronnie Moore in regia; al netto delle questioni economiche voler cambiare ora avrebbe senso per un giocatore interessante anche per l'anno prossimo, in ogni caso i tesseramenti in FIBA Europe Cup sono chiusi e dunque si naviga a vista fino a quando durerà l'avventura europea. Nella quale l'OJM si ritufferà mercoledì col ritorno casalingo contro Prishtina per preparare il derby contro Cremona: nella rivincita dei quarti di Coppa Italia la truppa di Caja non potrà sbagliare per sognare ancora i primi 8 posti; la rabbia per la sconfitta di Avellino andrà incanalata subito nei binari giusti nei prossimi due delicati impegni casalinghi.

Giuseppe Sciascia.

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Member Statistics

    1,373
    Total Members
    1,155
    Most Online
    Simone Colombo
    Newest Member
    Simone Colombo
    Joined
×
×
  • Create New...