Jump to content
Sign in to follow this  

Varese rimpicciolita dai muscoli di Brescia


simon89

La Leonessa sbrana Varese facendo valere la legge dei muscoli. Secondo viaggio consecutivo a vuoto per la truppa di Attilio Caja, stritolata dall'esperienza della Germani: copione simile a quello del derby di Assago per Ferrero e compagni, spianati dalla fisicità dei padroni di casa in una gara segnata dai precoci problemi di falli di L.J. Peak (solo 16' per l'ala statunitense). Ossia l'unico giocatore biancorosso capace di procurarsi dei vantaggi fisici ed atletici negli 1 contro 1 contro la potente batteria degli esterni di Esposito.

E dunque è diventato facile per la difesa di Brescia concentrarsi sull'obiettivo di fermare la mente biancorossa Mayo (solo 1 assist e una serie di errori nel traffico nel secondo quarto) anche alla luce del pessimo impatto di Clark (meno 8 di valutazione in 10'), ossia l'unica alternativa in grado di saltare l'uomo nell'organico di Varese. Che ha ribadito la sua totale dipendenza offensiva dall'esito del tiro dall'arco (36 tentativi da 3 contro soli 28 da 2), soprattutto contro una Germani che come Milano e Sassari non è punibile sui cambi difensivi perchè le sue guardie sono agevolmente in grado di contenere spalle a canestro la cavalleria leggera dei lunghi OJM.

Ma più che in attacco, ripresosi dopo 10' di blackout a cavallo tra secondo e terzo quarto, il problema della squadra di Caja è stata la difesa. Troppo passiva nell'aggredire le linee di passaggio, troppo spesso battuta negli 1 contro 1 sul lato debole e troppo fragile a rimbalzo: in definitiva troppo remissiva per annullare il gap in termini di stazza fisica ed esperienza contro un'avversaria di rango come la Germani.

Eloquente l'oceanico differenziale di valutazione statìstica complessiva (133-50 per i padroni di casa) con la truppa di Esposito che ha vinto il duello in tutte le voci principali (51% contro 37% al tiro, 39-30 a rimbalzo e 20-10 negli assist). E come già accaduto a Milano, va considerato l'aspetto del differente impatto delle due panchine: la spinta di Abass e Zerini ha dato una marcia in più ai padroni di casa, mentre Caja ha preferito rischiare un Peak con tre falli a carico - che non ha saputo gestirsi commettendo il quarto dopo neppure 3' - per mancanza di alternative in grado di dare supporto atletico all'azione dell'OJM.

Così il promettente avvio biancorosso facendo l'andatura nei primi 15' con una buona gestione dei tempi del gioco è stato vanificato in un amen appena Attilio Caja ha dovuto cercare alternative nel secondo quintetto. Più dei 41 punti di scarto subiti nei due derby di Milano e Brescia, preoccupano i 184 punti concessi: ci sono limiti strutturali di fisicità figli di chiare scelte strategiche di costruzione del roster, per nascondere i quali c'è bisogno di un livello elevatissimo di energia che per ora solo il fattore Enerxenia Arena riesce a far sprigionare. Domenica si torna nella tana biancorossa: per battere i campioni in carica di Venezia sarà necessaria la voglia di cancellare le ultime due trasferte povere di adrenalina.

Giuseppe Sciascia

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...