Jump to content

Varese vira sul coach


pxg14
 Share

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]Nicola Alberani esce dal radar degli obiettivi della Pallacanestro Varese. Almeno per il momento, non ci sono le condizioni perché l'auspicato "matrimonio" tra la società di piazza Monte Grappa e il g.m. sotto contratto con Roma possa materializzarsi in tempi brevi. Dunque l'Openjobmetis è pronta a far scattare il "piano B", che però non prevede F ingaggio di un nuovo direttore sportivo - con Bruno Arrigoni in pole position per la scrivania che fu di Cecco Vescovi - come operazione primaria sull' agenda del presidente Coppa. Un piano B con variante, puntando prima suh" allenatore e poi sul manager: tramontata la pista Al-berani, anche la conferma di Attilio Caja - legata a filo doppio all'arrivo di un manager con personalità forte come il forlivese - non sembra più d'attualità per il club biancorosso. Che batte forte le piste Sasha Djordjevic e Paolo Moretti, nell'intento di chiudere rapidamente, una delle due trattative ben avviate con i coach prima dell'ingaggio del direttore sportivo (a questo punto strada spianata per Arrigoni, a meno che Alberani non si liberi - ormai a sorpresa - in tempi rapidi). Trattative in salita con l'attuale Ct in esclusiva della Serbia che fino al 20 settembre non sarebbe disponibile, e con un allenatore vincolato a Pistoia da un contratto a sei cifre? In entrambi i casi gli ostacoli sembrano aggirabili senza eccessive difficoltà. Basterebbe mettere a disposizione di Sasha - disponibile al "part-time" dopo gli Europei 2015, dove sfiderà anche l'Italia - un assistant coach di fiducia che programmerebbe il primo mese di lavoro in attesa del suo ritorno, e un d.s. esperto di mercato - da qui la virata su Arrigoni - in grado di costruirgli una squadra adatta alle sue idee. Mentre Moretti starebbe cercando una soluzione per liberarsi dal club toscano - per il quale il contratto attuale sarebbe un peso difficile da sostenere - e dialogare liberamente con Varese dopo gli abboccamenti iniziali dei giorni scorsi. La sensazione è che la pista Djordjevic - sulla carta la più affascinante - sia anche quella più complicata: il tecnico serbo residente a Milano chiederebbe sicuramente garanzie di un certo tipo per accettare la proposta di una squadra senza vetrina europea come Varese. E se si facesse vivo un club di Eurolega, magari la stessa Olimpia in caso di eliminazione nella semifinale contro Sassari e conseguente riassetto completo dell' area tecnica? Per Moretti invece la soluzione Openjobmetis parrebbe al momento la più appetibile, visto che le opzioni Venezia (resta Recalcati o promozione interna per De Raffaele?) e Reggio Emilia (conferma in vista per Menetti) sembrano poco realistiche. Visto il numero ridottissimo di panchine libere, oggi Varese sembra avere molto più appeal per gli allenatori che per i manager… [/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]
Giuseppe Sciascia[/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...