Jump to content

L’Openjobmetis è pronta ad affidare ad Adriano Vertemati le chiavi del progetto pluriennale di crescita indicato da Rosario Rasizza come conditio sine qua non per rilanciare le ambizioni del club. Varese ha rotto gli indugi e preso la sua decisione sull’erede di Massimo Bulleri: l’uomo nelle cui mani la società biancorossa vuole affidare il timone è il 40enne coach di Cornaredo, attualmente vice di Andrea Trinchieri al Bayern Monaco.

Il profilo di Vertemati, inizialmente indicato dal g.m. Andrea Conti come elemento ad hoc per sviluppare il capitale tecnico della Varese che verrà, sarebbe stato condiviso dalle altre figure dell’area tecnica Ojm. Sia il consigliere delegato Toto Bulgheroni che il futuro “socio d’opera” Luis Scola avrebbero dato l’ok per affondare il colpo ed affidare il mandato ad un tecnico emergente ed affamato come l’ex Treviglio.

L’Openjobmetis ha scelto Vertemati, che però dovrà contraccambiare le attenzioni del club biancorosso: il coach due volte campione d’Italia con le giovanili di Treviso è in scadenza di contratto in Baviera, ma avrebbe la possibilità di rinnovare il rapporto insieme all’head coach che lo ha voluto con sé 12 mesi fa. Toccherà al 40enne allenatore decidere se accettare la sfida di iniziare un percorso pluriennale per provare a riportare Varese verso le zone nobili della classifica italiana, oppure restare al Bayern respirando nuovamente l’aria dell’Europa che conta dopo aver conteso fino all’ultimo secondo le Final Four di Eurolega a Milano? In soldoni, parafrasando Giulio Cesare: meglio il primo a Varese o il secondo a Monaco di Baviera?

Di certo l’OJM non ha più dubbi, e vorrebbe avviare la fase delle negoziazioni con l’agente dell’oggetto dei suoi desideri, mettendo sul piatto un accordo con orizzonte temporale adeguato ai tre anni indicati dal main sponsor biancorosso per rifare grande Varese. Proprio la volontà di mettere a punto un ciclo a lungo termine ha rafforzato ulteriormente l’intendimento iniziale della dirigenza biancorossa nel volersi affidare ad un coach dal profilo considerato come perfettamente calzante alle caratteristiche ricercate dopo la decisione di non confermare Massimo Bulleri. Non significa che nelle idee dell’area tecnica dell’OJM Vertemati sia migliore di Meo Sacchetti, ma semplicemente è considerato più adatto del c.t. dell’Italbasket alle attuali strategie del club del presidente Vittorelli.

Una scelta razionale senza farsi condizionare dal richiamo “di pancia” di una figura iconica per i tifosi come quella dell’ex bandiera della DiVarese degli anni ’80. Sviluppi attesi nei prossimi giorni, tenendo comunque conto degli impegni del coach milanese con il Bayern Monaco: i playoff della Bundesliga tedesca sono soltanto al secondo atto dei quarti di finale.

Qualora filasse tutto per il verso giusto, l’eventuale operatività da nuovo head coach dell’OJM dovrà slittare fino a quando non avrà esaurito i suoi impegni della stagione 2020/21 con la società bavarese.

Giuseppe Sciascia


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...