Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'pagelle'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Solo Basket
    • Varese e il campionato di Basket
    • Il basket dalla B in giù...passando dalle giovanili
    • Archivio articoli
  • Gruppo Vfb.it
    • Divertiti col gruppo di Vfb.it
    • FantaVFB
    • Il gioco dei pronostici

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

  1. Primo atto di una doppia sfida (mercoledì si giocherà per la FIBA Europe Cup) che vede fronteggiarsi Varese e Sassari a Masnago nel match che chiude la seconda giornata di ritorno e che vede gli umori delle 2 squadre diametralmente opposti(Varese viene da 3 stop consecutivi mentre Sassari da 5 vittorie) ma i padroni di casa danno da subito l’impressione di una maggiore intensità e alla fine mantengono il pallino del comando per tutto l’incontro e meritatamente portano a casa i 2 punti. Ma veniamo alle valutazioni: Archie 6,5 : ormai Mr. Smile ci ha abituato al medesimo copione, 3 falli in
  2. Partita, quella giocata questa sera per chiudere il girone d’andata a Masnago, che vede uscire vincitrice la squadra che ha meritato nettamente i 2 punti grazie ad una prestazione altisonante avvalorata da percentuali al tiro mirabolanti e che per i padroni di casa risulta come uno scontro frontale. Varese, pur lottando e cercando di rientrare dopo il massimo vantaggio felsineo che aveva raggiunto anche i 14 punti, riesce anche a mettere la testa avanti di 2 ma poi paga lo sforzo profuso e alla lunga Bologna riallunga e chiude i giochi portando a casa la vittoria e la consapevolezza di poter a
  3. Derby inedito quello che va in scena a Masnago il giorno di Natale tra una Varese sempre più consapevole del suo valore e una Cantù che sta cercando di trovare una minima stabilità prima societaria e poi sportiva per provare a salvare una stagione che si sta sviluppando con un sacco di incognite anche solo per il mantenimento del titolo sportivo. La partita rimane in bilico per poco più di 5 minuti poi una straripante Openjobmetis prende il largo e dopo aver realizzato 37 punti nel primo quarto chiudendo al primo mini intervallo con ben 19 punti, nel restante tempo, gioca come il gatto col top
  4. E’ una Varese che non vuole più fermarsi quella che stasera ha la meglio su una Torino che sembra essere una non squadra, brutta e senz’anima guidata o meglio non guidata da un santone del basket a stelle e strisce che sembra totalmente avulso da quella che è la realtà del campionato italiano. Partita a tratti bruttina ma che resta sempre saldamente nelle mani dei padroni di casa fatta eccezione per l’ultimo quarto, quando i viaggianti approfittano di una impasse prolungata di Varese che non trova più la via del canestro e si portano a meno 3 con circa 5 minuti sul cronometro. A questo punto C
  5. Partita che finisce con un roboante 109 a 74 per Varese e che inaugura nel migliore dei modi l’inizio della seconda fase di FIBA Europe Cup. Risultato che fino a poco dalla fine del secondo quarto era tutt’altro che scontato, tant’è che i ciprioti erano a sole 2 lunghezze dai padroni di casa, ma in un amen il tempo finisce con un parziale di 9 a zero per i biancorossi che a quel punto non si voltano più indietro e alla fine dilagano gestendo al meglio anche le energie fisiche e mentali che saranno fondamentali per lo scontro che gli vedrà opposti alla Fiat Torino domenica pomeriggio. Ma veniam
  6. Quarto successo di fila per Varese che stasera riesce a vincere anche contro la legge degli ex (grande accoglienza per il ritorno di Adrian Banks che forse, perché toccato nel profondo, ci mette quasi 2 quarti per iniziare a giocare ai sui livelli). Il secondo reduce degli “Indimenticabili” Rush fa vedere di essere cresciuto cestisticamente ma loro 2 non possono bastare per tenere in vita una Happy Casa che deve soccombere d’innanzi ad una OpenJobMetis che si issa prepotentemente al terzo posto della classifica dominando la partita dall’inizio alla fine senza dare mai l’impressione di poterla
  7. Per la prima volta quest’anno Varese deve capitolare tra le mura amiche avendo di fronte una delle squadre favorite per competere fino in fondo per il titolo. Gli irpini che hanno tra le loro fila profili che fino all’anno scorso militavano in Eurolega però non hanno vita facile e hanno la meglio grazie soprattutto al maggior talento e all’esperienza dei suoi singoli, il “sistema” cajano questa volta deve alzare bandiera bianca ma i suoi soldati hanno venduto cara la pelle. Ma veniamo alle valutazioni : Archie 6 : voto che per tutto quello espresso durante il match va un po’ stretto all’a
  8. Partita senza storia quella andata in scena a Masnago tra i padroni di casa e la compagine bulgara che rimane fanalino di coda in classifica a zero punti. Gara che inizialmente poteva far pensare a qualche complicazione extra causa l’infortunio dell’ultimo istante al ginocchio di Moore che comunque dovrebbe essere a disposizione di coach Caja per il difficilissimo match contro la corazzata Avellino che andrà in scena domenica sera, ma che alla fine è stata controllata dal primo all’ultimo secondo. Ma veniamo alle valutazioni : Archie 6,5 : l’americano originario della Georgia è autore di
  9. Varese cala il poker di vittorie riuscendo ad avere la meglio su una Trieste volitiva che vende cara la pelle in una partita tutt’altro che spettacolare ma combattuta più dal punto di vista fisico, tant’è che la chiave di volta che fa protendere il risultato finale per i padroni di casa è da ricercare nella netta superiorità sotto le plance (esplicito il computo dei rimbalzi 51 a 31 per Varese); Trieste paga a caro prezzo la mancanza di un vero centro(Knox fermo ai box per problemi fisici). Ma veniamo alle valutazioni : Archie 7 : al caro Dominique evidentemente piace ripetere lo stesso c
  10. Prima stagionale in Europa sotto le volte di Masnago per la OpenJob che mantiene i favori del pronostico e sale in cima alla classifica a punteggio pieno insieme ai magiari del Alba Fehervar. Vittoria che arriva ma i lusitani vendono cara la pelle fino alla fine arrivando a meno 2 a un minuto e mezzo dalla sirena ma Cain dopo aver sofferto per lunghi tratti il centro avversario Borovnjak compie 2 giocate difensive determinanti oltre a mettere 2 liberi decisivi insieme al 2/2 di Avramovic e la bomba per il definitivo più 9 di Archie. Percentuali glaciali da 3 (meno del 19% con 6 su 32) ma quasi
  11. Partita che resta sempre in mano ai padroni di casa e che alla fine hanno la meglio per 8 punti di scarto che sono però bugiardi nello spiegare il divario tra le due compagini che è parso ben più ampio, ma grazie in particolare alla grande prestazione dei due esterni trentini, Flaccadori in qualità di cecchino e Forray nelle vesti di leader carismatico, i danni vengono ampiamente limitati dai viaggianti che trovano il pascolo prealpino troppo magro per poter bivaccare allegramente. Ma veniamo alle valutazioni : Archie 6 : se proprio vogliamo trovare una nota stonata all’interno di un pia
  12. Finalmente si ritorna a giocare e caso vuole si riparte proprio da dove avevamo malinconicamente finito l’anno scorso ma questa volta il risultato sorride a Varese che parte subito col botto, perché questa squadra ha dimostrato, se fosse ancora necessario, che ha nel DNA la mentalità e la grinta per non mollare mai e questa sera, tenendo testa ad una tostissima Brescia, è riuscita ad aver la meglio di misura dopo un’altalena di emozioni fortissime. Ma veniamo alle valutazioni : Archie 7 : ha sempre un’espressione imbronciata e difficilmente regala un sorriso ma se poi, quando c’è da far s
  13. Tanta l’attesa vissuta da tutta la città per gara 3 dei play off 2017 2018 svoltasi tra Brescia e Varese e che determina la fine dell’attività agonistica della compagine biancorossa o di come vogliamo ricordarli, degli Incredibili. E la trama dell’incontro non vuole essere da meno rispetto al soprannome altisonante dei prealpini che a 76 centesimi dalla fine sembrano spacciati ma che grazie ad una magia dell’immenso Cain guadagnano la possibilità di giocare un supplementare che però non avrà altro esito che amplificare la differenza dei rosters tra le 2 compagini. Ma veniamo alle valutazioni :
  14. Partita che sancisce l’aritmetica qualificazione ai playoff dopo 5 anni per Varese che si mette in testa sin dal primo quarto e poi non si gira più indietro a guardare chi la insegue anche se la Vanoli si gioca tutte le sue carte fino in fondo regalando ai 5000 di Masnago uno spettacolo davvero avvincente e divertente. Questa sera per i biancorossi sono diversi i protagonisti ma tutti gli effettivi meritano la standing ovation per il risultato ottenuto con una giornata di anticipo sulla conclusione della stagione regolare. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 8 : parte a razzo come or
  15. E’ la partita più brutta, tecnicamente parlando, quella che va in scena questa sera a Masnago tra OJM Varese a caccia dei play off e Brindisi alla ricerca della salvezza aritmetica. Primo tempo in cui sembra si giochi a “ciapa no” dove anche gli appoggi più semplici non trovano il fondo della retina, ripresa più divertente e valida dal punto del vista del gioco dove Varese scaccia i fantasmi e trova anche 14 punti di vantaggio che però nel finale si assottigliano ma che bastano per portare a casa i 2 punti e continuare a sognare la post season. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 7,5
  16. E’ una partita che viene vinta due volte da Varese quella disputata questa sera a Masnago tra una Openjob alla rincorsa del treno playoff e una Grissin Bon all’ultima chiamata visto il ritardo in classifica. I lombardi partono fortissimo disputando un primo quarto perfetto ma poi devono subire l’inesorabile rimonta di una Reggio Emilia mai doma che sopperisce alle tante assenze con una zona vischiosa che manda in corto circuito gli attacchi di Avramovic e compagni. Ma la voglia di proseguire a sognare la post season e il calore del pubblico di casa fanno buttare il cuore oltre l’ostacolo e per
  17. E’ una partita dominata per lunghi tratti, fatta eccezione l’inizio del terzo quarto con un parziale di 15 a 0 a favore dei pesaresi, quella che si svolge sotto le volte di Masnago alla vigilia di Pasqua. Varese parte fortissimo e mette subito la VL a distanza di sicurezza e non la fa più rientrare in partita nonostante una prestazione sotto tono, per come ci aveva abituato, di Okoye ma come ormai accade sovente se all’appello manca un protagonista ne emerge un altro e questa volta tocca ad Avramovic essere assoluto mattatore dell’incontro. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 9 : esc
  18. Varese torna a giocare sotto le volte del “tempio” di Masnago e impone la sua legge ad un’altra delle grandi del campionato italiano con, a detta di molti, la più bella vittoria di quest’anno considerando la solidità della squadra irpina. I biancorossi riescono a compensare il gap fisico e tecnico conducendo praticamente per tutta la partita e mostrando un carattere cajano reagendo nel migliore dei modi al sorpasso campano sul finale di partita. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 7: partita in cui torna a battere in testa per quanto riguarda il tiro dalla lunga ma compensa con le su
  19. Varese questa sera affrontava la Leonessa Brescia ma a vestire i panni dei predatori sono stati i 12 giocatori biancorossi che per assurdo, nonostante i 100 punti messi a referto, vincono la partita in primis con una difesa granitica e poi con un attacco sempre molto fluido e con percentuali altissime (nel primo tempo 62% )dall’arco. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 9 : questa sera e letteralmente inarrestabile. Partenza a razzo dove segna i primi 8 punti dei suoi in un minuto. Alla fine chiude con 29 punti 2 assist 3 rimbalzi 3 perse e 4 recuperi ed una difesa davvero intensa ed e
  20. Partita perfettamente gestita e portata in porto con una sicurezza forse mai così lampante quest’anno. Varese resta avanti praticamente sempre tranne una piccola parentesi sul finale del primo quarto, guidata in primis da Wells e Avramovic su tutti, ma questa, in realtà, è da ascrivere come una vera vittoria di squadra se ce n’è una, perché con una volontà e un sacrificio così anche le vette inviolabili diventano un obbiettivo realizzabile. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 8 : difficile giudicare chi tra lui e Wells sia il migliore in campo;Avra spezza letteralmente in 2 la partit
  21. Varese nelle vesti del matador viene incornata da Torino proprio sul finale della corrida, che fino a poco tempo prima sembrava in controllo o quasi. Ormai il copione è quello che potremmo recitare a memoria: partita tirata, combattuta, che può essere decisa da episodi e anche questa volta proprio gli episodi condannano una volenterosa compagine biancorossa. Anche un non addetto ai lavori capirebbe, ora come ora, che la vera assenza determinante tra le file lombarde è quella del talento. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 7,5 : Alexa è sicuramente il migliore in campo dei suoi, non c
  22. Partita tiratissima e decisa all’overtime quella disputata alle 15.00 di un Santo Stefano dove la novità più appariscente è senza dubbio il nuovo “cubo” mentre i roster delle 2 squadre sono largamente rimaneggiati con Lafayette ai box per le V Nere e al già risaputo guaio Waller, alle prese con una distorsione al ginocchio, per Varese si aggiunge anche Hollis con una influenza intestinale che non gli permette nemmeno di entrare a referto. Nei 5 minuti supplementari succede un po’ di tutto compreso un pasticcio al tavolo e della terna arbitrale che regala un possesso poi decisivo ai fini del ri
  23. Vittoria scaccia crisi per Varese che si impone su una Capo d’Orlando che resta in partita solo per il primo quarto e poi, complice anche una prestazione con più ombre che luci del grande ex Maynor, rimane in balia di una Varese che scioglie l’empasse iniziale e trova in maniera costante la via del canestro. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 7,5 : è lui con il suo ingresso in campo a dare la prima sferzata e cambio di ritmo ai suoi che fino a quel momento, fatta eccezione per Cain, faticavano in maniera abnorme a trovare il fondo della retina. Ordinato e controllato nelle sua versio
  24. Primo vero e proprio disastro sotto tutti i punti di vista dei varesini che non cominciano mai la partita fatta esclusione per una piccola fiammata sul finale del secondo quarto ma gli isolani conducono le danze da inizio a fine gara senza che il risultato sia mai in discussione. A preoccupare maggiormente sono l’ennesima prestazione incolore di Wells e una gestione di coach Caja che lascia più di qualche dubbio sia per le girandole vorticose dei cambi vuoi per l’utilizzo ridottissimo di Hollis che non ha mai il tempo di entrare nel vivo del match. Ma veniamo alle valutazione dei singoli:
  25. Una Varese determinata ed impietosa abbatte subito le velleità dei vice campioni d'Italia, presentatisi a Masnago con Shields infortunato e con le batterie scariche in seguito alla battaglia combattuta solo qualche giorno fa a Gran Canaria. Pur facilitata da questa fortuita evenienza, la squadra varesina dimostra di farsi trovare pronta e non fa sconti all'Aquila. Avramovic 6,5: entra in campo quando le vacche hanno già dato un giro di chiave al cancello per scappare, però fa il suo senza tirare calci al secchio del latte già munto dai suoi compagni. Il meglio di sè lo fornisce nerlla sec
×
×
  • Create New...