Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'Banks'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Solo Basket
    • Varese e il campionato di Basket
    • Il basket dalla B in giù...passando dalle giovanili
    • Archivio articoli
  • Gruppo Vfb.it
    • Divertiti col gruppo di Vfb.it
    • FantaVFB
    • Il gioco dei pronostici

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 2 results

  1. [font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Idee chiare e motivazioni forti per sfondare in Italia e provare a lasciare il suo segno nella storia di Varese. [/size][/font] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Adrian Banks ha obiettivi e ambizioni per questa stagione nelle file della Cimberio: nessun problema di adattamento con il nostro Paese («Amo la pasta e la pizza, mangiavo spessissimo italiano anche negli Stati Uniti e poterlo fare qui mi rende felice») e tanta energia da portare in dote alla sua nuova squadra. [/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Vedendo tanta gente a seguire gli allenamenti sento l'entusiasmo che c'è attorno a questa squadra; poi vedo le foto in spogliatoio con giocatori che oggi sono in società e questo mi fa capire l'importanza della tradizione. Sono fiero di farne parte e spero di lasciare il mio marchio portando in campo la mia energia: amo correre e fare cose che gasano il pubblico e danno fiducia ai compagni, cercherò di essere più efficace e veloce che posso...». [/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il tatuatissimo atleta statunitense («Sono tutti messaggi positivi che riflettono la mia personalità e la mia religione», spiega in proposito Banks) cercherà di adattarsi in fretta ad un campionato competitivo come quello italiano: «La vostra lega è molto più fisica rispetto a Israele: ci sono più squadre e rotazioni più profonde con gare di livello superiore e maggior preparazione tattica. Sono molto felice di questa opportunità che vedo come un passo avanti per migliorare anche il mio gioco; nelle ultime due stagioni della Loto League ero l'arma principale della squadra e mi trovavo spesso raddoppi e attenzioni difensive particolari, ma questo mi ha fatto crescere e sono contento di tornare a giocare per una squadra dove è possibile dividersi le responsabilità offensive come accadeva tre anni fa a Liegi quando ho conosciuto Mike Green». [/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E il feeling già maturato in Belgio con il playmaker statunitense è una delle ragioni principali che hanno spinto Banks a sposare la causa di Varese: «Una delle ragioni per cui sono venuto è proprio il fatto di poter giocare nuovamente con Mike Green: non è facile trovare in Europa un giocatore americano con le sue doti di passatore nel ruolo di playmaker, tra l'altro negli ultimi due anni in Israele ho affrontato come avversario Bryant Dunston e conoscevo anche le sue qualità sotto canestro. Il fatto di conoscere già alcuni dei miei compagni aiuta molto e il grande affiatamento dentro e fuori dal campo che vedete in questi primi giorni di lavoro è reale e concreto».[/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Di certo il tipo di gioco frizzante impostato da coach Vitucci sembra perfetto per le doti realizzative in campo aperto di Banks, già oggetto di molte attenzioni da parte dei tifosi anche sui social network di cui fa largo uso: «Mi sento molto a mio agio nel sistema di gioco impostato dal coach: al di là del feeling con Green, Vitucci cerca di sistemarci nelle posizioni migliori partendo sempre da una base di gioco in velocità e questa è la condizione ideale per me. Le attenzioni dei tifosi? Mi sono accorto che sono molto caldi ed esigenti: molti mi hanno scritto su Twitter chiedendomi di essere il trascinatore e il punto di riferimento ma queste sfide fanno parte della professione; personalmente sono molto contento che ci sia questo entusiasmo e non vedo l'ora di giocare le partite che contano in campionato».[/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia[/font][/size]
  2. [color=#000000]La Cimberio pesca nuovamente in Israele l'ultimo tassello della campagna-acquisti. Dopo Bryant Dunston, un altro protagonista assoluto del campionato del paese della “Stella di Davide” vestirà la maglia biancorossa: si tratta di Adrian Banks, 26enne guardia di 191 centimetri per 88 chili, capocannoniere dell'ultima stagione della Loto League. La firma del contratto - accordo annuale con opzione per la stagione successiva - è arrivata ieri sera dopo che in mattinata la società di piazza Monte Grappa aveva ufficializzato l'accordo triennale con Achille Polonara.[/color] [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Le caratteristiche di Banks calzano a pennello con quelle dell'esterno prolifico e capace di fungere da “prima punta” della squadra di Vitucci. L'atleta nato a Memphis è un realizzatore puro, capace di mettere punti sul tabellone sia dal perimetro che in avvicinamento al canestro. In tutte le squadre in cui ha militato - dall'università di Arkansas State, alle tappe in Belgio, al Pepinster e a Liegi, e alle due stagioni in Israele, all'Elitzur Netanya - il suo ruolo è sempre stato quello del terminale principe, sino al recentissimo titolo di miglior marcatore del suo campionato chiuso a 21,5 punti col 49% da 2, il 35% da 3 e l'82% ai liberi più 3,2 assist di media.[/font][/size][/size][/font][/color] [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]L'arrivo di Banks è un altro frutto del viaggio negli Stati Uniti della coppia Vitucci-Giofrè: l'atleta del 1986 era già nel taccuino del capo scout della Cimberio dopo le ultime stagioni da protagonista in Israele e la sua presenza a Las Vegas con la maglia dei Memphis Grizzlies (solo 8 punti in 35' nelle file della squadra della sua città natale) ha dato la possibilità al coach veneziano di esporre direttamente al giocatore il suo progetto tecnico. [/font][/size][/size][/font][/color] [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Certamente un ruolo importante nella decisione di Banks di venire a Varese l'ha giocato anche il fatto di ritrovare Mike Green: il play ingaggiato dalla Cimberio ha infatti già fatto coppia con il futuro esterno biancorosso nel Belgacom Liegi, raggiungendo la finale scudetto della Ethias League nel 2009/2010. Di sicuro, dunque, il regista scelto da Vitucci per avere un rendimento garantito e una concreta identità difensiva e la guardia che dovrà dare quel “quid” in più a livello realizzativo e atletico formano un mix già ben affiatato per una squadra che, avendo cambiato nove decimi del roster (unico confermato Janar Talts) avrà bisogno di riferimenti stabili. [/font][/size][/size][/font][/color] [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E a fianco di giocatori di sostanza come Green ed Ere, Banks ha le caratteristiche giuste per essere il leader dell'attacco e regalare emozioni al pubblico di Masnago (nel 2011 ha vinto la gara delle schiacciate all'All Star Game israeliano). Tra le note più interessanti del giocatore statunitense c'è anche il suo impegno sociale, testimoniato dalla raccolta di fondi effettuata lo scorso anno in Israele (1 dollaro per ogni punto segnato, 5 per ogni schiacciata e 10 per ogni vittoria tra ottobre e novembre 2011) devoluta per l'acquisto di materiale scolastico per bambini poveri.[/font][/size][/size][/font] [font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dunque, il mercato in entrata di Varese è chiuso, in attesa dell'annuncio della firma di Bruno Cerella che dovrebbe arrivare più avanti ma è comunque già certa.[/font][/size][/size][/font] [font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia[/font][/size][/size][/font][/color]
×
×
  • Create New...