Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'avellino-varese'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • News
  • News
  • News

Forums

  • Solo Basket
    • Varese e il campionato di Basket
    • Il basket dalla B in giù...passando dalle giovanili
    • Archivio articoli
  • Gruppo Vfb.it
    • Divertiti col gruppo di Vfb.it
    • FantaVFB
    • Il gioco dei pronostici

Calendars

  • Basket

Found 10 results

  1. Varese fa la partita, la Sidigas la vince. La truppa di Caja si fa sfuggire l'occasione di un colpaccio sull'imbattuto campo di Avellino: i biancorossi non coronano una rimonta furiosa dal meno 10 del 33' al sorpasso dell'ultimo giro di lancetta, finendo infilzati da una tripla di pura classe di Jason Rich, fino a quel momento contenuto alla perfezione dalla difesa ospite (2/14 dal campo, compresala tripla del 62-61 a meno 45"). Legittimi i rimpianti di Varese per non aver raccolto i frutti di una partita tatticamente dominata grazie a un'applicazione in retroguardia oltremodo efficace per togliere dal campo il capocannoniere della serie A (19,3 punti prima della sfida di ieri) e imbrigliare gli irpini con un efficace mix di uomo e zona. Per vincere in trasferta non occorre soltanto distruggere ma anche costruire: e da questo punto di vista la squadra di Caja è mancata all'appello, prima di tutto nel fatturato balistico delle sue punte (4/21 in due per Wells e Waller, che comunque ha saputo farsi valere in altri aspetti del gioco), poi sprecando tante chances tra errori banali da sotto e contropiedi mal gestiti in eccesso di frenesia per coronare l'inerzia favorevole nei primi 20 minuti. A supporto di una difesa praticamente perfetta - impossibile criticarla anche sulla magìa decisiva di Rich, l'unico appunto riguarda i troppi rimbalzi d'attacco concessi - sarebbe occorso qualcosa di meglio rispetto al minimo stagionale dei 61 punti segnati col 43% da 2 e il 27% da 3. Grande opportunità non coronata di sbancare il PalaDelMauro capitalizzando le assenze di Fitipaldo e Fesenko, oppure conferma che il sistema di gioco ha retto al meglio anche allo stress test di un' altra big pur con la necessità di migliorare il rapporto tra quantità e qualità? La verità sta nel mezzo: Varese non avrebbe rubato nulla in caso di vittoria, perchè il team di Caja ha avuto il merito di incanalare la partita sui binari preparati meticolosamente in settimana. Solo a cavallo tra terzo e quarto periodo Avellino ha saputo punire con continuità le scelte difensive biancorosse; e anche in questo caso Ferrero e soci hanno avuto la forza di non crollare sul meno 10 del 33", riannodando i fili del gioco in attacco grazie ad un ottimo Hollis e all'azzeccata mossa dei 3 piccoli proposta da Artiglio. Che solo il precoce quinto fallo di Waller - appena dopo la tripla del sorpasso da parte dell'esterno statunitense - ha disinnescato in un rush finale nel quale i biancorossi hanno pagato dazio sul piano dell'esperienza e della personalità. Se da una parte Rich ha avuto il coraggio di prendersi una forzatura da giocatore di talento puro dopo una partita a dir poco anonima, dall'altro la gestione degli ultimi tre possessi di Varese (passi di Hollis dopo aver rinunciato a una tripla aperta, forzatura di Wells dopo un tiro apertissimo "passato" da Avramovic ed errore da sotto del mancino serbo) è stata quantomeno rivedibile sul piano delle scelte. I prealpini tornano dal PalaDelMauro con tanti complimenti ma con un pugno di mosche in mano; resta però la certezza della solidità dell'impianto di gioco e la volontà di incanalare la voglia di riscatto verso un'altra prova casalinga ruggente. Dopo lo stop in volata coi rimpianti per i 10 liberi sbagliati a Milano, Varese reagì travolgendo Cantù. Domenica arriverà Sassari: Ferrero e soci sapranno fare il bis? Giuseppe Sciascia
  2. Deluso. Ma deluso per il risultato, non da chi ha giocato. Il commento non è nostro: è di un tifoso biancorosso (MarkBuford è il suo “soprannome” online). Lo citiamo perché, anche a distanza di ore, anche a mente raffreddata, non troviamo nulla di più calzante e sensato nel descrivere l’arcobaleno di sensazioni che la sconfitta della Openjobmetis ad Avellino ha lasciato in dote. Delusi da un’occasione persa grande come una casa, non da chi ha mantenuto l’ennesima promessa. Risalire dagli inferi di uno svantaggio in doppia cifra accusato tra le mura di una delle tre squadre più forti del campionato, giocarsela fino alla fine senza vedere il canestro grande come piazza Tienanmen come accaduto invece contro Trento, aver dimostrato di essere ancora una volta competitivi e all’altezza delle aspettative in tutto quello che non si compra al supermercato dell’innato (ovvero grinta, voglia, spirito di sacrificio): sono nodi di fedeltà che questa Varese, per una domenica ancora, non ha sciolto. Constatato questo, pure i bruciori di stomaco degli ultimi 60 secondi della partita di ieri e il conseguente nulla di fatto alla voce “punti in classifica” fanno meno male. Numeri che spiegano Sul maledetto rettilineo finale del match ci si tornerà fra un po’. Prima vale la pena guardare Sidigas-Openjobmetis 65-61 nel suo insieme. E scrivere di una gara offensivamente difficile, a tal punto da essere condizionante. Chi non vuole leggere la sconfitta solo negli episodi conclusivi, la può leggere nelle cifre che sintetizzano la produzione offensiva di squadra: 61 punti segnati (il peggior fatturato varesino di questo 2017/2018), 43,9% da 2 (peggio si è fatto solo a Milano), 27,3% da 3 (in questo caso il 9,5% contro Venezia è - si spera - ineguagliabile). A guardare i numeri dei singoli, poi, non va meglio: 3/11 dal campo per Waller, 1/10 per Wells, 0/4 dai 6,75 combinato di Avramovic e Tambone (tutti tiri aperti). Per pretendere una vittoria esterna i pretoriani dell’Artiglio hanno insomma combinato poco nella metà campo avversaria: se ci sono dei rimpianti, al di là del rush finale, è perché - come sempre - nella propria si sono superati, mettendo alle corde una Scandone che non ha avuto cifre migliori (38,9% da 2, il capocannoniere del campionato Rich lasciato a 2/14, Dezmine Wells a 6/17). Davanti alla costanza offensiva di Ferrero e compagni, Avellino ci ha dovuto mettere la testa per lucrare qualcosa e ha tentato di portare a scuola Varese, girando sapientemente la palla (che ribaltamenti di lato...) nel terzo quarto quando ha capito che talento e balistica non erano sul menu di giornata. Il “memento” di Rich Ci è riuscita ( a tratti hanno colpito le seconde linee segnalate da Caja alla vigilia, su tutti Lorenzo D’Ercole: 3/3 da tre), dall’alto della maggior caratura complessiva. Ma non ci è riuscita fino in fondo e soprattutto non senza cercare di render pan per focaccia quando toccava a lei difendere e andare a rimbalzo (16 quelli offensivi concessi dai biancorossi, mai così tanti in 7 giornate). È stata la Sidigas, insomma, a dover fare la partita della Openjobmetis e non viceversa. È per questo che Varese ha colto la chance di arrivare punto a punto nel finale, trascinata dall’ottima vena di Hollis (14 punti e 6/9 al tiro) e dalla verve di Avramovic, punte di un gruppo ancora una volta bravo a trovare alternative diverse all’interno di se stesso. Quella palla persa dello stesso Damian con poco più di un minuto sul cronometro e avanti di 2 (che giocata difensiva, però, del Wells irpino...), il tiro rifiutato da Avramovic subito dopo (che ha mandato fuori giri l’attacco nella specifica azione) raccontano semplicemente di un paragrafo - decisivo, per l’amor del cielo - di una storia più complessa, più lunga e per l’ennesima volta non certo triste. Poi c’è la bomba di Rich. Quella segnata da un giocatore che fino a quel momento non aveva mai visto il canestro. Quella che ha ribaltato tutto. La giocata del campione. Un memento potente e imperituro per la squadra di Caja, che un uomo solo al comando invece non lo possiede: ogni fortuna, qui, passerà dai tanti che diventano uno, passerà dal lavoro. Continuare così allora, please, senza cedere un centimetro. La cronaca Con Pelle confermato in quintetto, Varese inizia forte: Wells, Waller e Okoye martellano il canestro irpino dalla lunga e dalla media (2-10 al 3’), Avellino risponde lucrando qualche punto con Wells e Leunen davanti alla solita, problematica (per gli avversari) difesa biancorossa. Cameron Wells prende un colpo in entrata e deve tornare in panchina per le medicazioni, Okoye commette il secondo fallo: la Opernjobmetis accusa uno smarrimento (la Scandone rientra: 10-12 al 5’), risolto dalla leadership di Hollis, che serve Cain, va forte a rimbalzo e favorisce il 10-16 della prima sirena. E’ ancora lui a trascinare i suoi al rientro in campo: liberi, entrata, tripla, pregevolezze intervallate dal bel canestro sull’asse Waller-Pelle e dai punti del Wells in maglia verde che scrivono il 19-27 dei primi 5’ della seconda frazione. Gli ospiti, però, con il passare dei minuti non traducono tutto il loro lavoro difensivo: i padroni di casa ringraziano e con un parziale di 8-0 pareggiano, venendo però puniti dalla tripla di Ferrero allo scadere del tempo (27-30 al 20’). Ndyaie fa la voce grossa al ritorno in campo, davanti e dietro: con la collaborazione di Filloy è subito +4 Avellino (34-30). Pelle ed Okoye (da fuori e a rimbalzo) riequilibrano la situazione in difesa, ma in attacco la Openjobmetis spreca tutto ciò che fa di buono dietro: la Scandone, che pure non fa tanto meglio, prova e riprova e alla fine con D’Ercole riesce a scappare (47-41 al 30’). Finita? No: i biancorossi restano all’asciutto anche per i primi 3’ dell’ultima frazione (Zerini da 3: è 53-43 al 33’), ma si ritrovano affidandosi a Hollis e Avramovic e disegnano un parziale di 14-6 (Waller in contropiede e con la bomba, Hollis rubando palla, Avra in penetrazione) che li riporta davanti (59-61) quando manca poco più di un minuto. Qui la palla persa di Hollis, la bomba da campione di Rich e i successivi attacchi non andati a buon fine degli ospiti consegnano la vittoria agli irpini. Finisce 65-61. Fabio Gandini
  3. Avellino: se la conosci… sai cosa ti aspetta. Attilio Caja, forse anche più delle altre volte e più della classica attenzione che va prestata a una delle formazioni sulla carta più forti dell’intero campionato, è ben consapevole del cimento che attende la sua truppa. Alcuni giocatori del roster irpino, infatti, sono passati sotto le sue grinfie da Artiglio nell’arco della carriera: parliamo del capocannoniere del campionato Jason Rich (a Cremona), di Lorenzo D’Ercole (ancora alla Vanoli, sempre del 2011/2012) e parzialmente anche di Benjamin Ortner (uno scampolo di stagione a Udine nel 2008/2009). E se non li ha allenati, avrebbe voluto farlo: è il caso di Ariel Filloy, cercato da Caja per la all’epoca sua Cremona quando il play di Cordoba era il quarto regista a Milano. Un professionista che usa sempre ciò che è stato come magistero, quindi, non può che partire da qui nella sua analisi: «Ho avuto Jason Rich a Cremona dove aveva già dimostrato di essere un giocatore di altissimo livello, tanto da sorprendermi per il fatto che non militasse in squadre più forti. Penso che meriti il palcoscenico del campionato italiano e una realtà di vertice come Avellino: è il capocannoniere della Serie A non a caso. Filloy, invece, non l’ho allenato ma ci sono andato vicino in passato. Oggi è facile parlare bene di lui dopo lo scudetto e l’Europeo: le sue qualità sono evidenti e io sono contento di averle intraviste in passato tanto da volerlo fortemente alla Vanoli. Loro due sono capaci di spostare l’inerzia di una partita: ci vorrà massima attenzione». Le parole su un’avversaria come la Scandone, però, non possono finire con l’elogio a Rich e Filloy: «C’è l’ala Wells, grande uno contro uno e forza fisica in avvicinamento a canestro: un altro giocatore da non sottovalutare. Poi Scrubb, che è un po’ quello che per noi è Okoye: molto dinamico, sempre in movimento, gran tiro da 3 punti, dote che ha aggiunto all’uno contro uno. E a proposito di tiro da 3 c’è anche Leunen, che ha tanto talento individuale. Parlare di tutti questi atleti dà la dimensione delle difficoltà che incontreremo durante la partita. Complimenti al gm Nicola Alberani per la formazione della squadra e a coach Pino Sacripanti per come mette in campo i suoi: penso che Avellino arriverà dove ci si aspetta, cioè nelle prime posizioni». Il primo comandamento davanti a una contendente del genere sarà quello di «controllare le loro bocche da fuoco. La Sidigas tira molto bene da 2 punti (57%, seconda percentuale del campionato dietro Sassari ndr) ed è formata da individualità con un quoziente cestistico molto elevato: questo rende ancora più difficile affrontare una squadra del genere. Hanno gente navigata, con esperienza, dei marpioni che riescono a ritrovarsi anche nelle difficoltà». L’assenza di Fitipaldo? «Possono risentirne a lungo termine - argomenta Caja - ma nelle prime gara, con la panchina lunga che hanno, sarà difficile che ne risentano». E Varese? Varese va avanti per la sua strada, come giusto che sia: «Abbiamo continuato il programma settimanale di lavoro - conclude Caja - Nessun passo indietro dopo la vittoria contro Trento, non ci siamo cullati sugli allori: abbiamo i piedi ben piantati per terra, cerchiamo di migliorarci individualmente, perché sappiamo che ciò comporterà un miglioramento di squadra. Andiamo ad Avellino consapevoli dei loro punti forti, ma anche consapevoli dei nostri e di essere sulla strada giusta: quella cioè di essere competitivi e di potercela giocare con tutti». Fabio Gandini
  4. Attilio Caja punta sulla difesa come chiave di volta della trasferta di domani ad Avellino: contro la Sidigas del capocannoniere Jason Rich la tenuta della retroguardia biancorossa sarà determinante per le chances di conquistare la prima vittoria esterna stagionale. «Ci attende un banco di prova importante per la consistenza della nostra difesa che rappresenta una componente fondamentale del nostro gioco. Ci siamo preparati bene in una settimana di lavoro al livello di quelle precedenti; le ultime due vittorie casalinghe non hanno cambiato la nostra applicazione, abbiamo tenuto i piedi ben piantati per terra». Il tecnico pavese ribadisce la sua fiducia nell'identità corale della sua Varese, in grado di renderla competitiva su ogni campo. «Più va avanti il campionato e più sarà necessario alzare la qualità delle prestazioni corali per fare risultato. Andiamo al PalaDelMauro consapevoli che ci aspetta un test esterno impegnativo: massimo rispetto per i loro punti forti, ma anche fiducia nel nostro sistema che ha già dimostrato la sua solidità nelle partite precedenti. Siamo sulla via giusta, il che non vuol dire vincere o perdere, ma essere competitivi e poter giocare la posta in palio contro qualsiasi squadra». Il coach biancorosso sottolinea comunque la difficoltà dell'impegno di domani contro un'avversaria che considera tra le protagoniste. «Dopo Milano, Venezia e Brescia ce la vedremo con un' altra squadra da vertice. Conosco personalmente molti giocatori della Sidigas per averli allenati nel corso degli anni, e ne apprezzo le qualità tecniche e umane. C'è da fare di nuovo i complimenti a Nicola Alberani per la costruzione del roster ed a Pino Sacripanti per come fa esprimere i suoi giocatori sul campo; se all'inizio Avellino ha avuto qualche difficoltà derivante dai tanti giocatori nuovi, sono certo che il team campano arriverà anche in questa stagione dove gli compete». Infine Artiglio indica in Rich e Filloy gli elementi chiave della Sidigas. «Ho allenato Jason a Cremona e mi era parso un giocatore di grandissima qualità; lo sta confermando in questo scorcio iniziale di campionato nel quale è capocannoniere; inoltre apprezzo tantissimo Ariel che avrei voluto a Cremona quand'era il terzo play di Milano. Si tratta di due giocatori che hanno talento ma soprattutto capacità di risolvere una partita nei momenti chiave. Proprio su loro due dovremo prestare tantissima attenzione e in generale gli esterni avranno grandi sollecitazioni difensive. L'assenza di Fitipaldo? Sul lungo periodo potrà essere un problema, ma Avellino ha comunque tante alternative». Giuseppe Sciascia
  5. L'Openjobmetis più bella della stagione sorprende la seconda forza Avellino con un secondo tempo di grandissimo spessore difensivo. Impresa tanto inattesa quanto meritata per la truppa di Attilio Caja, che espugna il PalaDelMauro con una prova di grande spessore tecnico e mentale e lascia l'ultimo posto della classifica in vista del primo spareggio salvezza di domenica contro Pesaro. Dopo 21 giornate di campionato, Varese festeggia la prima striscia vincente stagionale, dando continuità alla vittoria nel posticipo contro Pistoia su un parquet dove un mese e mezzo fa era caduta la corazzata Milano. Successo fortemente voluto dai biancorossi grazie ad una condotta di gara lucida e grintosa: l'alternanza di uomo e zona 2-3 proposte da Attilio Caja spegne la luce per gli irpini, che dopo i 49 punti col 58% dal campo fatturati all'intervallo ne producono solo 26 con il 29% da 2 e il 31 % da 3 nei secondi 20'. OJM letteralmente rigenerata dopo la pausa lunga, con Ferrero ed Eyenga a sprigionare una quantità inesauribile di energia e sviluppare un ficcante contropiede decisivo per il break di 3-19 con il quale i biancorossi hanno girato il senso del match (dal 49-40 del 20' al 52-59 del 27'). Ma già in avvio la truppa di Caja aveva mostrato un piglio efficace, con il filo tessuto con costanza sull'asse Maynor-Anosike (9 assist per il play; 8/10 da 2 per il centro nigeriano) che aveva messo a nudo i limiti difensivi di Fesenko e l'assenza pesante del suo alter ego Cusin. Avellino aveva però scardinato il primo giro di zona biancorossa con i dardi degli atipici Leunen e Zerini e le folate di un Ragland poi limitato dai falli (49-40 al 20'). Ma la vecchia ricetta "difesa&contropiede" ha permesso all'OJM di ripartire di slancio dopo l'intervallo; e i giochi a due tra Maynor e Anosike (o Pelle), croce offensiva dell'era Moretti, sono diventati delizia anche grazie a qualche invenzione dal cilindro del regista statunitense (tripla da 8 metri ad altissimo coefficiente di difficoltà del 63-72 al 35'). Poi nel finale i quattro piccoli proposti da Caja, con Cavaliero di supporto a Maynor ed Eyenga a farsi valere nell'1 contro 1 contro Leunen (canestro della staffa del 73-80 a meno 19" dopo una sanguinosa persa sulla rimessa a metà campo con 31" da giocare), hanno messo il sigillo ad una vittoria dal peso specifico davvero enorme. Prima di tutto perché dimostra con i fatti la crescita tecnica e mentale della squadra nella gestione-Caja: il tagliando nella pausa per la Coppa Italia ha fatto scattare il click giusto all'interno del gruppo, che ha saputo mettere in atto in maniera ottimale il piano partita - attaccare Fesenko sul pick&roll e togliere ritmo alle punte della Sidigas con una zona mobilissima sui lati ma "flottata" a centro area - preparato dallo staff tecnico. E poi ribadisce la solidità di un impianto di gioco nel quale ognuno sembra aver trovato la sua dimensione nelle pieghe di un collettivo ben oliato: il cammino verso la salvezza è ancora lungo, ma la strada è tracciata con chiarezza davanti a Cavaliero e compagni. Ora arrivano due appuntamenti chiave dentro e fuori dal campo: domenica lo spareggio contro Pesaro, e poi il 16 marzo gli "Stati Generali" del consorzio per decidere se aprire le porte al "socio forte" (sia esso Gianfranco Ponti o altre eventuali alternative al momento "coperte"). Ma arrivarci con mezza salvezza in tasca, in caso di filotto di vittorie a quota 3 con tanto di 2-0 negli scontri diretti sulla Consultinvest, sarebbe il miglior viatico per programmare un futuro meno condizionabile dall'alea delle scelte tecniche... Giuseppe Sciascia
  6. L'Openjobmetis misura la solidità del suo impianto di gioco sul campo della seconda forza Avellino. Oggi al PalaDelMauro (palla a due alle ore 18.15) la compagine di Attilio Caja proverà a sfidare la quotata Sidigas di Pino Sacripanti, che guida il plotone delle inseguitrici della fuggitiva Milano nel rush finale verso i migliori piazzamenti del tabellone playoff. Impegno sulla carta proibitivo per Cavaliere e compagni sul campo di un'avversaria che al gran completo avrebbe fisicità e profondità per provare a sfidare la corazzata EA7 ed a correre sino in fondo nell'avventura in Champions League. Però, Varese ha il dovere e la necessità di cercare punti su qualsiasi parquet nella sua volata-salvezza che riparte dall'ultimo posto nonostante la vittoria scacciacrisi nel posticipo contro Pistoia. Dunque, dovrà provare a mettere granelli di sabbia negli ingranaggi di una Sidigas decisa a consolidare il suo ruolo di seconda forza e sfatare il tabù (tre sconfìtte in fila tra Coppa Italia, campionato ed Europa) legato l'innesto ad effetto di David Logan, la guardia già campione d'Italia 2014/'15 con Sassari, prelevata con un investimento massiccio tra ingaggio e buyout dal Lietuvos Rytas. Più che il risultato finale, conterà l'atteggiamento che la squadra di Caja saprà mettere in campo al PalaDelMauro: servono conferme relativamente capacità di esportare anche lontano da Masnago la mentalità operaia decisiva lunedì scorso, spazzando via i dubbi emersi nell'ultima trasferta di Brindisi con una prova che corrobori l'ambiente in vista dello spareggio casalingo di domenica contro Pesaro. Le chances di fare bottino sul parquet della Sidigas sono poche, ma Varese deve dimostrare il suo spessore mentale ancor prima che tecnico. E farsi trovare pronta a cogliere l'occasione, qualora la truppa di Pino Sacripanti dovesse affrontare con sufficienza l'impegno contro l'ultima della classe, spostando l'attenzione verso il retour-match di mercoledì nel derby italiano degli ottavi di Champions League contro Venezia. Di certo l'Openjobmetis si è preparata al meglio per il match di oggi, con una settimana di allenamenti a ranghi completi per impostare una partita all'insegna di applicazione mentale e sacrificio. La Sidigas ha grande potenziale offensivo col talento perimetrale di Ragland e del neoacquisto Logan, cui abbina la freschezza atletica degli esterni Randolph e Thomas e la potenza fisica del mastodontico Fesenko (64,3% da 2 per il centrane ucraino da 216 centimetri per 130 chili). Ma Pino Sacripanti le ha dato un volto più votato alle esecuzioni e alla lucidità che ai punteggi alti (terza difesa della serie A a 74.7 punti di media). Nelle ultime settimane Avellino sta pagando dazio per l'assenza di Marco Cusin, vittima di una frattura alla mano destra che lo terrà ai box sino a fine marzo: senza il centrane azzurro, Sacripanti deve chiedere sforzi extra a Fesenko, per fermare il quale sembra prevedibile un massiccio uso della difesa a zona anche nell'ottica di proteggere Maynor contro il folletto Ragland. Pronostico chiuso per Varese? No, se la squadra di Caja riuscirà a sorprendere la Sidigas alzando i ritmi grazie all'aggressività della difesa e al presidio dei rimbalzi. Altrimenti il destino dei biancorossi rischia di essere segnato... Giuseppe Sciascia
  7. «Dobbiamo cercarlo questo risultato. Mettiamoci il fisico e usiamo la testa: facciamoci trovare pronti». Sull'onda lunga della vittoria ottenuta lunedì scorso contro Pistoia, la Varese di Attilio Caja prova a sognare un colpaccio che scompaginerebbe le carte della corsa salvezza: rubare due punti alla Scandone Avellino, seconda in classifica. La differenza tra le due squadre, la graduatoria stessa e il buon senso al momento non consentono di andare oltre l'irrazionalità del desiderio: per trasformarlo in realtà servirà la partita perfetta. «Veniamo da una settimana di lavoro corta ma positiva - ha detto Caja nella consueta conferenza stampa del venerdì - iniziata con una vittoria che ci ha dato fiducia e morale, dimostrando che stiamo facendo le cose per bene. Contro Pistoia, la prima di undici finali per noi, l'approccio è stato quello giusto, la difesa è stata solida e attenta: siano queste delle indicazioni per il futuro». A cominciare da quello prossimo: «Siamo consapevoli di come Avellino sia un impegno molto difficile da affrontare - continua il coach - Giocheremo contro una squadra che punta ad arrivare seconda in campionato, che ha fatto un'ottima stagione lo scorso anno e, sull'onda lunga di questa, ha concluso un mercato brillante, ben orchestrato da Nicola Alberane. Il ds forlivese, deus ex machina della Sidigas, che proprio ieri - su queste colonne -aveva elogiato il lavoro di Caja con Varese (nota di servizio: i due erano pronti a collaborare due anni fa, poi qualcuno decise di cacciare Caja dal Sacro Monte e il manager non riuscì a liberarsi dal suo contratto con Roma...), prende giusto merito alle propria bravura nelle parole dell'allenatore pavese: «Ci ha visto ancora bene... Ha perso l'mvp del 2015/2016 Nunnally, che si è accasato al Fenerbahce, ma è riuscito lo stesso a costruire una squadra molto competitiva. Ora ha preso anche Logan, a dimostrazione che Avellino non vuole lasciare nulla di intentato». Insomma: in Irpinia sarà dura. «Hanno grande atletismo tra gli esterni e fisicità sottocanestro, con Fesenko. Noi dovremo metterci il fisico ed essere aggressivi, ma anche usare la testa, per sporcare le tante opzioni della formazione di Sacripanti». Si riparte dalla difesa, chiave di volta, anche psicologica, del successo contro la The Flexx: «Quando a livello di talento sei inferiore agli avversari, e ancora di più quando giochi in trasferta, la difesa diventa fondamentale, insieme al controllo dei rimbalzi. Rispetto alla gara contro i toscani, però, mi aspetto dei miglioramenti in attacco, non solo nella costruzione del gioco, ma anche nella sua finalizzazione, che è questione di fiducia. Sarà questo il passo avanti» La Scandone viene da tre sconfitte consecutive (Sassari in coppa Italia, Brescia in campionato e Venezia in Champions) e vivrà la partita contro Varese come intermezzo tra l'andata e il ritorno dei playoff continentali. Un piccolo vantaggio per noi? «Non credo - conclude Caja - Avellino è squadra abituata a questi ritmi». Fabio Gandini
  8. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3](G.S.) - Sarà Eric Maynor l'uomo della svolta di Varese? Radio-mercato dà per ben avviata la trattativa tra la società di piazza Monte Grappa e il 27enne playmaker (foto) che ha all'attivo 5 stagioni di NBA tra Utah, Oklahoma City, Portland, Washington e Philadelphia (che quest'anno gli sta ancora pagando 2,1 milioni di dollari dell'ultimo contratto, rendendo l'operazione oltremodo appetibile per le casse del club biancorosso). Il regista di 188 centimetri per 80 chili ha all'attivo una carriera NCAA da stella a Virginia Commonwealth University (22,4 punti e 6,4 assist di media nell'anno da senior) che gli sono valsi la scelta al numero 20 del draft 2009 da parte di Utah. Si tratta di un play puro, specialista del pick ma l'obiettivo di Maynor è quello di costruirsi una carriera da protagonista nel "Vecchio Continente", sfruttando le sue doti tecniche e cerebrali a dispetto di un tasso di fisicità ed atletismo non di primo livello per la NBA. L'operazione in entrata potrebbe essere definita all'inizio della settimana, poi ci si muoverà in uscita: l'indiziato maggiore sembra Dawan Robinson, per il quale ci sarebbe un interessamento di Caserta. Ma le strategie in uscita sono ancora da definire sulla base degli "incastri" dei passaporti delle eventuali ed ulteriori mosse di mercato.[/size][/font][/color]
  9. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]Con carte sbagliate fra le mani. Ma non si può barare, dovendo, ogni volta, spiattellarle sul fatidico tavolo da gioco, senza poter calare quell'asso nella manica che cambierebbe la partita ma che non si possiede, facendo magari credere di non poterselo permettere. Qualche cosa di simile riguarda la dirigenza della Pall. Varese, piegata nervosamente in se stessa fra ripensamenti (come implicite ammissioni dei propri clamorosi abbagli di mercato) e dubbi (che fare per far diventare dritto un legno torto?), ovviamente, nell'intento di trovare la carta buona. Eppure quell'indimenticabile stagione, con Green e Dunston, insegna che, al di là di qualche soldone speso in più allora, a fare i colpi di mercato, più che i denari, sono idee chiare e scelte felici. [/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] Tutto sbagliato, tutto da rifare. Dubbi non ve ne sono pensando al misero bottino raccolto ma se idealizziamo l'arrivo di un play capace di scandire armonia e giochi fluidi tra reparti, allora Varese può spendersi con grande dignità nel resto di una stagione, sin qui, si diceva, pressoché fallimentare, pure a tal punto da scavalcare la nostra più pessimistica immaginazione rispetto agli stessi severi (e sgraditi) giudizi d'inizio agosto. A squadra, appena fatta, parve chiara la mancanza di un talento o leader, in grado, per comprovate referenze, di arricchire i valori di un gruppo, ancorché solido e lineare ma privo di potenziali variabili per creatività e inventiva. Soprattutto ci stupimmo per le scelte fatte o condivise da Pozzecco che, furoreggiando da giocatore, per classe innata, avrebbe dovuto prediligere un paio di talenti da calare in un collettivo cui far lievitare i valori, peraltro, dentro una pallacanestro, nel suo complesso, tecnicamente mediocre. Su piazza qualcuno, in una specie di caccia al colpevole, ora sbagliatissima , comincia a mormorare sul conto di Giofré, supponendolo l'artefice principe di questa Varese, probabilmente, per il suo specifico compito di scouting ma se così fosse, bisognerebbe allora riconoscergli, con gli interessi arretrati, l'esclusivo merito di quella favolosa Varese (di due anni fa), invece e giustamente, spartito nelle alte sfere. Questione di gerarchie decisionali. Morale, non si batta la sella per non infastidire o, peggio, colpire il cavallo, intendendo le entità ufficiali più autorevoli del club dovendo badare a remare in ugual direzione, essendo tutti, tifosi compresi, sulla stessa barca. Tanto per ricominciare, un intervento è in atto per dotare il collettivo di un regista, nuovo stampo, capace di aggredire le difese avversarie, creare gioco e variabili offensive tenendo insieme, tra capo e coda, la squadra. Roba da sogno per un tentativo opportuno, purché s'azzecchi la scelta, in ogni caso ardua, di questi tempi, su un mercato che offre soltanto saldi. Dunque, uno fra Robinson e Dean è di troppo. Eccoci ad Avellino, di fronte a Vitucci, che qui non ha lasciato un bel ricordo per aver piantato tutti in asso, quindi a Banks, sempre inneggiato dalla tifoseria biancorossa, ora alfiere di una formazione che, l'estate scorsa, sbandierò grandi ambizioni ma che, oggi, è costretta a rimediare un pass per le finali di Coppa Italia. Varese, seppur fra travagli, nulla ha da perdere potendo sorprendere, come accadde a Brindisi, gli avversari, almeno per chiudere il girone di andata con gli stessi punti della scorsa stagione, il che è già tutto dire  [/size][/font][/color]
  10. [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Ci voleva un'autorità per decretare una così difficile e delicata sentenza. Roba da cassazione, cestistica nel caso di Mike Green il quale, come quel signore d'un famoso spot (più forte del logorio moderno(, non ha fatto una piega nel prendersi tiro e responsabilità che valgono la continuità del potere biancorosso.[/size][/font][/size][/font][/color] [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]S'era detto alla vigilia di un match molto arduo, se non di un vero enigma, vista la nuova faccia di Avellino, malandata in classifica ma pregevolmente rinnovata nei ranghi, nell'occasione pure vicina al successo, tanto da scottarsi. Partisse oggi il campionato, la Sidigas non sarebbe un'accozzaglia di elementi messi insieme tanto per partecipare ma un manipolo abbastanza insidioso come ha dimostrato alla distanza, grazie alla regia di Lakovic (come un cerchio che tiene insieme la botte), contro una Cimberio “grandi rischi”. La quale, però, giusto in tempo, ha trovato il suo risolutore in Green che sta sul parquet più di tutti, forte di una leadership tagliata su misura d'una bella squadra.[/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Sono proprio queste le vittorie che scacciano preoccupazioni in agguato e fortificano ogni convinzione, soprattutto dopo sofferenze al limite di una momentanea e pericolosa involuzione rispetto all'abituale e fluida manovra, pur contro - è giusto ricordarlo - libellule nere e querce d'uomini, tant'è che Dunston, per la prima volta, s'è sporcato i fianchi per svettare tra Johnson e Ivanov.[/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Una volta, in una gara del genere, Varese sarebbe sprofondata in un malinconico abisso, come spesso o quasi le accadeva ad Avellino, al di là di un indimenticabile ma rocambolesco successo allo scadere grazie a un canestro di Gorenc da oltre metà campo. Quelle erano altre storie, da non confondere con questa, nuova e fantastica di una Cimberio che nel suo percorso fa venire in mente la prima vittoriosa DiVarese in regular season, capace di tradurre una sorprendente favola iniziale in una storia vera di uomini e fatti resistenti a ogni pressione.[/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Siamo solo poco al di là del giro di boa, quindi ben dentro l'attesa di nuove verifiche, non senza quell'aspirazione che - non proferibile - resta nel profondo dei cuori dell'entusiastica platea biancorossa a differenza di quella sarda che ha già intonato il fatidico inno del tricolor.[/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ci sembra questa la strada giusta per i tifosi e, soprattutto, per Vitucci e i suoi uomini che, a luci spente, vedono benissimo davanti e intorno a loro.[/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Si diceva di Green, sempre leader, anche all'eccesso, come un testardo “tronista” a dispetto dei cinguettii (che non sono proprio consensi) che talvolta s'odono sugli spalti di Masnago, sicuro com'è della sua forza in rapporto alla propria condizione nonché alla competitività degli antagonisti, quindi provocante e sfacciato in un'insistita sfida sotto casa dell'avversario.[/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Quanti registi del suo spessore troviamo in campionato? È un interrogativo retorico che, a onor del vero, trova immediatamente d'accordo chi mormora. Semmai dovrebbero fischiare le orecchie ai dirigenti di Cantù e, stavolta come non mai, all'illuminato Arrigoni per averlo liquidato due stagioni fa e ritrovarsi (Tabu a parte, partito come cambio) con Smith prima e Anderson poi, i quali in due non fanno Mike. La cui realtà, come altre qui, simboleggia una più grande e unica, d'una squadra ben scelta e valorizzata sul campo, da vivere con passione sino alla fine.[/font][/size][/size][/font][/color]
×