Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'pesaro-varese'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Solo Basket
    • Varese e il campionato di Basket
    • Il basket dalla B in giù...passando dalle giovanili
    • Archivio articoli
  • Gruppo Vfb.it
    • Divertiti col gruppo di Vfb.it
    • FantaVFB
    • Il gioco dei pronostici

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 18 results

  1. Il contatore delle battute d’arresto arriva a cinque, con la terribile prospettiva di non volersi fermare. La trasferta di Pesaro finisce come tutte le precedenti partite da un mese a questa parte per la Openjobmetis, con una sconfitta sulla quale c’è poco da recriminare: il punteggio finale premia regolarmente gli avversari (85-78 il risultato per la Carpegna Prosciutto) e lascia solo l’amaro in bocca per gli appassionati di fede varesina. Che sono, ancora una volta, costretti a interrogarsi sul rendimento di una squadra dove continuano a emergere i difetti di costruzione a partire – sta
  2. L'Openjobmetis taglia a braccia alzate il traguardo delle Final Eight di Coppa Italia e chiude un 2018 memorabile al secondo posto della classifica. La truppa di Attilio Caja conquista un perentorio successo esterno sul campo della pericolante Pesaro e ribadisce la granitica solidità del suo impianto di gioco con una prova scintillante sui due lati del campo. Maturità da squadra di rango per i biancorossi, che macinano per 40 minuti il loro basket ruvido in difesa e geometrico in attacco; appena i padroni di casa abbassano la guardia Varese piazza un micidiale 0-14 a cavallo tra secondo e terz
  3. La Pallacanestro Varese allunga il suo digiuno esterno anche a Pesaro. Una clamorosa prodezza balistica di Dallas Moore punisce la prestazione dai due volti della truppa di Attilio Caja, che incassa il terzo stop consecutivo - e quarto stagionale lontano da Masnago - finendo risucchiata nella zona bassa della classifica. Due partite in una per Ferrero e soci, invischiati per 25 minuti dalle cadenze sincopate di una Vuelle capace di graffiare a ripetizione dall'arco (7/15 alla pausa lunga) e di nuovo vittime del male oscuro nel tiro dal perimetro (1/11 all' intervallo) che aveva già fatto
  4. ... una squadra in preda agli errori perda totalmente fiducia, diventando l’ombra di se stessa. E poi succede che la stessa ritorni in sè, sfiorando un miracolo “ucciso” da un miracolo degli avversari. A Pesaro finisce 74-71 Succede che il basket sia lo sport più bello del mondo. Ma anche uno dei più spietati nel colpire dove fa male davvero. Succede che la definizione dello sport più bello del mondo abbia una postilla nel finale: “…scopo del gioco è che ogni squadra riesca a mandare il pallone nel canestro avversario”. Succede che quando una squadra, un gruppo di esseri umani p
  5. Pesaro-Varese rientra nella categoria delle partite da non sbagliare: seguendo una ipotetica tabella di marcia, Pesaro è una squadra contro cui Varese può e deve fare punti. Possibilmente quattro da qui al termine della stagione. Alle 18.15 all’Adriatic Arena i biancorossi affrontano per la prima volta in stagione una formazione che sta sotto di loro in classifica, anche se di soli due punti. Si rientra ufficialmente in campo dopo la sosta che ha lasciato spazio agli impegni delle Nazionali, e si rientra con la necessità di mettere un punto, anzi due, e andare a capo dopo la sconfitta cas
  6. Questione di percentuali. Percentuali di vittoria, percentuali di tiro. Le prime sono un azzardo di chi ama predire il futuro o di chi, come Attilio Caja, a domanda deve rispondere. Le seconde, basse, sono una realtà con cui Varese convive e che punta a modificare: ne va del suo futuro. A partire da quello immediato che ha un nome e un cognome: Victoria Libertas Pesaro. «Una squadra che mi ha fatto una buona impressione, indipendentemente dalla classifica che ha in questo momento - spiega Attilio Caja nella classica conferenza stampa del venerdì - Ha vinto solo due partite? In quelle
  7. Massimo Galli respinge l'etichetta di sfida salvezza per il match di domenica tra la sua Pesaro e la sua ex Varese. Il 55enne coach varesino, coach dei Roosters post-Stella che si dimise a Natale del 1999 dopo 4 mesi difficili (ma anche l'ultimo trofeo vinto sul campo e appeso sulle volte del PalA2A), è tornato in serie A nell'estate 2017 come assistant coach della Vuelle, attuale ultima della classe insieme ad altre tre squadre. «Mi sembra prematuro parlare di scontro diretto; di sicuro noi saremo protagonisti fino in fondo della lotta per la salvezza visto che abbiamo il sedicesimo budget de
  8. Cominciamo dalla fine. Ovvero da una delle (poche) buone notizie arrivate sulla riviera adriatica negli ultimi tempi. A Pesaro sta per approdare Rihards Kuksiks, vecchia conoscenza biancorossa con il vizio del canestro (se oltre l’arco da tre punti è meglio: 46% dalla lunga in campionato nella sua parentesi varesina): a ieri mancava ancora il nulla osta della società di provenienza (i lituani del Nevezis) e poi ci saranno anche le visite mediche da superare, ma l’ala lettone potrebbe e dovrebbe fare in tempo a esordire domenica contro la sua ex squadra. L’ormai più che probabile addizione
  9. L'Openjobmetis risorge all'Adriatic Arena. Bella reazione d'orgoglio per la squadra di Moretti che spazza via i venti di crisi delle cinque sconfitte consecutive e della conseguente spirale di tensione con una prova corale di grande spessore tecnico e mentale. Una vittoria del gruppo e dell'allenatore, che cancella l'immagine impiegatizia di Ventspils mettendo in campo con assoluta efficacia tutte le armi del sistema-Moretti. L'eroe di giornata è Aleksa Avramovic, adrenalina pura dalla panchina con le sue incursioni ficcanti e la capacità di mettere pressione sulla palla (21 punti in 21' corre
  10. L'opinione di Giancarlo Pigionatti L’Openjobmetis va in cerca di risposte sul campo di Pesaro. Stasera all’Adriatic Arena (palla a due alle ore 18.15; diretta tv su Telesettelaghi) la squadra di Paolo Moretti proverà a invertire il trend negativo generato da cinque sconfitte consecutive e dimostrare di poter trovare all’interno del gruppo attuale le risorse per guarire dal mal di trasferta costato tre pesantissime sconfitte a Klaipeda, Pistoia e Ventspils. Proprio per questo si tratta di un esame delicatissimo per tastare il polso alla salute psicologica di una squadra in crisi non sol
  11. L’Openjobmetis va in cerca di risposte sul campo di Pesaro. Stasera all’Adriatic Arena (palla a due alle ore 18.15; diretta tv su Telesettelaghi) la squadra di Paolo Moretti proverà a invertire il trend negativo generato da cinque sconfitte consecutive e dimostrare di poter trovare all’interno del gruppo attuale le risorse per guarire dal mal di trasferta costato tre pesantissime sconfitte a Klaipeda, Pistoia e Ventspils. Proprio per questo si tratta di un esame delicatissimo per tastare il polso alla salute psicologica di una squadra in crisi non soltanto sul piano tecnico - vedi i correttivi
  12. Paolo Moretti rinnova la sua fiducia all'Openjobmetis da lui disegnata in estate, pur riservandosi ulteriori valutazioni alla luce di riscontri del campo diversi dalle aspettative di una reazione d'orgoglio dopo le ultime 5 sconfìtte in fila. Alla vigilia della trasferta di Pesaro il coach dell'Openjobmetis risponde così a chi domanda se ha ancora fiducia nel gruppo: «Da parte mia la fiducia è totale, però ogni giorno e partita dopo partita è necessario fare valutazioni, sia da parte di chi sta sopra di me che dei giocatori alle mie dipendenze. Personalmente rivendico ogni scelta compiuta, col
  13. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] Un bel raggio di sole a spazzare via la cappa del pessimismo calata sulla Cimberio dopo il tonfo casalingo contro la Sutor (nella foto Ciamillo in alto un'incursione di Adrian Banks).[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] Il colpo esterno di Pesaro ha riportato il sereno nell'ambiente varesino, ma Cecco Vescovi non si accontenta della vittoria scaccia-crisi e stimola la squadra alla ricerca di continuità per cercare di chiudere la stagione nel miglior modo possibile. «È arrivata la risposta che ci si aspettava per cancellare
  14. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] Un'altra fulgida figura è scomparsa portando lutto a una leggenda. Quella di una Pall. Varese che diventò potente nel mondo sotto la regia di Giancarlo Gualco astuto e illuminato stratega, impareggiabile e unico nell'intrecciare mirabilmente realtà e sogni, ben oltre le risorse di una famiglia dominante e dichiaratamente ambiziosa come quella dei Borghi. Per vincere non bastava chiedere s'el custa e poi cumprà, avendo i dané, bisognava possedere fiuto nello scovare lo straniero giusto che, in tempi nei quali marketing, scout e comunicazione non esistev
  15. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] La Cimberio va in cerca della svolta nella delicata trasferta sul campo del fanalino di coda Pesaro. [/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] Dopo che ieri la squadra ha svolto un allenamento alla comunità di San Patrignano (nella foto red a destra assieme al team di Prima Divisione sponsorizzato Cimberio composta dai ragazzi della comunità), stasera all'Adriatic Arena (ore 18.15 con diretta su Rete55) la formazione di Stefano Bizzozi proverà a cercare la vittoria scaccia-crisi per chiudere a quota 4 la serie negativa (ultimo hu
  16. [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Basta un imponderabile, come lo è un infortunio, per disseminare interrogativi su un cammino trionfale. L'assenza di Ere equivale, in soldoni, a una perdita di punti pesanti e di solidità difensiva, referenze che sin qui hanno efficacemente contribuito a quell'esaltante equilibrio di squadra cui, per qualche settimana, la Cimberio dovrà opporre rimedi da pronto soccorso. Fortunatamente la miniera biancorossa è varia e ben rifornita di materie prime di valore, già estratte - si fa per dire - in altre occasioni e con
  17. [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]C'è un primo traguardo parziale da cogliere per la capolista Cimberio in occasione della trasferta di Pesaro che inaugurerà il 2013 biancorosso.[/size][/font][/size][/font][/color] [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il testa-coda odierno sul campo dell'ultima della classe Scavolini (ore 18,15 all'Adriatic Arena, diretta su Rete55 Sport) potrebbe regalare con un turno d'anticipo il platonico titolo di campione d'inverno, ma soprattutto lo status di testa di serie numero 1
  18. [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Se saremo veramente bravi, domani a Pesaro potremmo sfruttare l'occasione per accrescere le nostre risorse tecniche in chiave futura[/size][/font][/size][/font][/color] [color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Frank Vitucci parte dall'assenza di Ebi Ere per introdurre il tema della trasferta di domani sul campo di Pesaro. [/font][/size] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Per la prima volta la Cimberio si trova ad affrontare una situazione non ottimale in termini di org
×
×
  • Create New...