Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'progetto scuola vfb - liceo cairoli'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • News
  • News
  • News

Forums

  • Solo Basket
    • Varese e il campionato di Basket
    • Il basket dalla B in giù...passando dalle giovanili
    • Archivio articoli
  • Gruppo Vfb.it
    • Divertiti col gruppo di Vfb.it
    • FantaVFB
    • Il gioco dei pronostici

Calendars

  • Basket

Found 6 results

  1. Varese, non fermarti ora!

    Dopo la scintillante vittoria contro Brescia, la OJB ha portato a quattro il filotto di vittorie consecutive, vincendo quattro partite sulla carta proibitive e raddoppiando i punti raccolti in classifica fino al 21 gennaio. La squadra è riuscita a rilanciare una stagione che sembrava già un mezzo fallimento, e nonostante Caja stesso predichi umiltà e perseveranza ("pensiamo a raccogliere in fretta i 4-6 punti necessari per la salvezza il prima possibile"- le sue parole nel post partita), non si può non fermarsi a riflettere su ciò che Varese è riuscita a dimostrare in questo mese. Se molti potevano pensare ad una "vittoria occasionale" per quella al Taliercio, già contro Milano, e contro Cantù soprattutto, hanno dovuto ricredersi. In questo periodo abbiamo visto una squadra capace di giocarsela con tutti, anche con formazioni ben più attrezzate e forti, con vittorie sì di cuore e sacrificio (Venezia, Milano), ma mostrando anche un'organizzazione tecnico-tattica compatta e ben preparata (e questo grazie al lavoro quotidiano del coach e del suo staff), oltre che una condizione fisica e un'energia invidiabile. Ieri sera, contro la Leonessa, la consacrazione definitiva. Pur avendo un roster non di primissima qualità in quanto a talento puro (senza nulla togliere ai nostri fantastici giocatori), la squadra ha fatto quadrato su se stessa, e grazie al lavoro di Caja non è più quella quasi da retrocessione che perse contro Sassari, Pesaro, Brindisi e Cremona. Una squadra diversa, che ha trovato fiducia, consapevolezza nei suoi mezzi, che può insidiare qualsiasi formazione, se gioca come sa. In questo contesto vanno ad inserirsi il mese in formato MVP di Avramovic, l'efficienza di Okoye e Wells, la fisicità e il grande QI cestistico di Cain, il potere sul pitturato di Pelle (nel bene e nel male, ci mancherà), il processo di integrazione di Larson (apparso sempre più in confidenza e risorsa importante); ma anche il lavoro sporco dei vari Ferrero, Tambone, Vene, giocatori che quando chiamati in causa si sono sempre dimostrati pronti, e che rappresentano l'anima operaia di questa Varese, magari a tratti non bellissima, ma estremamente efficace e "clutch"; una formazione solida e concreta, sia in difesa, dove si notano grandi miglioramenti, sia nell'uno contro uno che sui cambi in pick'n roll, sia sul pitturato che dall'arco, che in attacco, con grandi percentuali dal tiro pesante e anche una certa sfacciataggine nel prendersi e concretizzare tiri difficili (per info chiedere ad Avramovic). Una squadra che potrebbe far venire qualche rimpianto vista la prima parte di stagione, ma vietato anche montarsi la testa (Caja docet), bisogna continuare su questa lunghezza d'onda, non smettere ora di stare concentrati, non smettere ora di lavorare sodo e aver voglia di far fatica, di sacrificarsi e portare quanto più fieno in cascina. Ora arriva una pausa di due settimane (in programma final eight di Coppa Italia e pausa nazionale), per ricaricare le energie spese (molte), e continuare di questo passo. Nulla è precluso, e se la salvezza è praticamente in tasca, d'altra parte non può scappare l'occhio sui 2-4 punti di distanza dalla zona playoff, che non sembrano più utopia, specie se al rientro ritroveremo la Openjobmetis dove l'abbiamo lasciata. progetto Varesefansbasket con Liceo Classico Ernesto Cairoli, Giosuè Ballerio
  2. Openjobmetis Varese 100 – 72 Germani Brescia Continua la serie di vittorie di Varese, che dopo aver battuto Venezia, Milano e Cantù trova due importantissimi punti anche contro Brescia. Al PalA2A si assiste ad un incontro a senso unico, con la formazione biancorossa avanti già dai primi possessi. Ad aprire le danze è Aleksa Avramovic con due triple (specialità della casa) ed una buona penetrazione con appoggio sulla tabella, mentre in difesa un monumentale Norvel Pelle sembra non sentire la pressione delle voci di mercato che incombono su di lui e si mette in mostra con due stoppate nel giro di due possessi. Grande inizio di Varese, dunque, che si porta a +9 dopo soli due minuti: Brescia arranca sia in attacco che in difesa e coach Diana si vede costretto al time-out dopo l’ennesima tripla Varesina, stavolta targata Larson. Dopo la breve pausa, i fratelli Vitali provano a Ri-Vitalizzare la Leonessa, ma non cessa la tempesta di canestri da tre punti di Varese, che sta giocando con grande intensità e precisione; l’unico biancorosso che fatica in campo è Ferrero, che spreca due falli nel giro di un possesso e viene prontamente chiamato in panchina da un sempre attento Attilio Caja. Dopo 5 minuti prova a risvegliarsi la Leonessa, riorganizzando la difesa e quindi arginando la pioggia di triple, attraverso l’intercettazione di buoni palloni sull’arco da parte di un David Moss che sembra avere due paia di braccia; comunque non basta, e Varese chiude sul +11 il primo quarto. La situazione sembra rimanere in favore di Varese anche nel secondo periodo di gioco, ma dopo un contrasto tra Moss e Avramovic si accende il nervosismo in campo e Brescia riesce a portare il distacco sotto la doppia cifra per la prima volta dopo l’inizio del match con due buone azioni personali di Dario Hunt. Il Varese tiene tuttavia sotto controllo la Leonessa grazie ai costanti canestri di Okoye e Avramovic. Affossatasi la Germani, la formazione di casa si porta sul +17 a 5:24 dalla fine del primo tempo, preoccupando Diana che ricorre al secondo time out. Da sottolineare la buona prestazione di Siim-Sander Vene che fa registrare 8 punti alla metà del secondo quarto: non male per un giocatore che ne fa 5 di media a partita. Dice la sua anche Ferrero, con una tripla che fa imbestialire la Leonessa e costringe Pelle a spendere il secondo fallo per reprimere l’attacco bresciano, diventato rabbioso, ma comunque poco efficace; un paio di minuti dopo, infatti, un catch and shot di Okoye dall’angolo regala il +18 a Varese, che si tramuta in +20 al possesso successivo. Non si fermano più i biancorossi, che non subiscono e continuano a segnare con Avramovic, Ferrero e Okoye. Rimane fondamentale Pelle nel pitturato che non perde un rimbalzo neanche sotto minaccia. Si chiude il primo tempo con Varese avanti di 24 punti sulla Leonessa, 63 – 39. All’inizio del secondo tempo è Brescia a trovare per prima il canestro, con una tripla di Marcus Landry da palla persa di Avramovic, ma un canestro da tre punti di Tyler Larson soffoca immediatamente il ruggito bianco-blu. Dopo 3 minuti dall’inizio del terzo quarto la Leonessa non è ancora in campo e Avramovic, espiando il precedente errore, continua a segnare. Moss prova a scuotere i suoi con una tripla a 6’26’’ dalla fine del quarto ma il gioco del Varese presenta un’intensità a cui gli avversari non riescono ad arrivare. Nel terzo quarto c’è spazio anche per Tyler Cain: rimane fuori Pelle che porta sulle spalle il peso di 3 falli. Brescia prova ad arginare Varese in tutti i modi e cerca di mandare in lunetta i biancorossi, sperando in un errore dai liberi per recuperare qualche punto, ma Cain porta Varese sul +21 a 3’28’’ dalla fine del quarto e induce il coach bresciano a chiamare un ennesimo time out; Brescia rimane lo stesso completamente nel pallone, indice di questo è anche un Michele Vitali spaesato, che commette addirittura un ingenuo fallo di campo. Al minuto 29 due liberi di Sacchetti rompono il silenzio cestistico della Leonessa (i Bresciani non andavano a canestro da oltre due minuti), che sembra avere un ritorno di fiamma con due trasformazioni di Lee Moore. Varese si prende una boccata d’aria a 5’’ dalla fine con un time-out e chiude il terzo quarto 84 a 56. L’ultimo periodo di gioco si apre con diversi errori al tiro da parte di entrambe le formazioni, probabilmente stanche per la grande prestazione fisica. Brian Sacchetti si mette in luce con una buona tripla dopo una palla persa del protagonista negativo del momento, Matteo Tambone, subito cambiato da coach Caja. Un canestro da tre di Avramovic ridà vigore ai biancorossi e Brescia smette di esistere, perde palloni ingenui e concede il tiro da ogni posizione. I Varesini, tuttavia, non sfruttano l’occasione, abbassando la fino a quel momento buonissima percentuale al tiro di squadra. Caja ributta allora in campo Avramovic, uscito poco prima, vedendo la difficoltà dei suoi, per un finale glorioso: Il Pala2a chiama i 100 punti, ma Varese si fa ingolosire, sconcentrandosi e concedendo punti e possessi a Brescia, o più che altro a Landry, unica zanna della Leonessa che ancora prova a graffiare. Nel finale c'è spazio per i giovanissimi Parravicini e Bergamaschi, rispettivamente classe 2001 e 1998, ed è proprio Matteo Parravicini che regala la tripla cifra sul tabellone ai Biancorossi, facendo esplodere il PalA2A per l’ultima volta nella serata: Varese 100, Brescia 72. Luca Guerrini, progetto liceo classico “E. Cairoli” con Varesefansbasket
  3. Immancabile secondo protagonista della serata è stato Gianmarco Pozzecco, ex cestista ed allenatore ma anche cronista, insomma un personaggio emblematico di questo fantastico sport. Prima dell’inizio della cerimonia ufficiale anche Gianmarco, come Dino, ha risposto a noi di Varesefansbasket, che immancabilmente siamo andati al palazzetto per assistere a questo evento chiave non solo per i numerosi appassionati di basket, ma anche per l’intera città di Varese. Dopo un iniziale “scontro” con altri cronisti e giornalisti di raisport, skysport e tele7laghi, anche noi di Varesefansbasket siamo quindi riusci ad intervistare Gianmarco, che con la sua spontaneità ed ironia ci ha risposto ad alcune semplici domande. - Inevitabile, è stato iniziare con: “Che sentimenti ed emozioni prova nell’attesa di ricevere la cittadinanza onoraria varesina?” Io sono totalmente, clamorosamente, legato alla città di Varese e da un certo punto di vista mi sono sempre sentito varesino dentro. Da oggi, lo sarà per sempre e questa mia “varesinità” è stata riconosciuta ufficialmente. Questo mi ripaga molto, perché a chi pratica uno sport fa sempre piacere essere riconosciuto come un campione, un fenomeno (… ed ovviamente sto parlando di Dino e non di me!), ma è anche vero che contemporaneamente sei un uomo, un ragazzo che vuole essere apprezzato anche da questo punto di vista. Se nel ‘99 abbiamo vinto lo scudetto, raggiungendo da questo punto di vista un obbiettivo sportivo, oggi invece ricevo un obbiettivo di grande importanza sul piano umano. Un buon sportivo deve essere un esempio anche per i più giovani: io non sono stato un grande esempio per loro, ho fatto anche delle “stronzate” (scusa il termine!), ma alla fine penso ugualmente di esserlo stato. - Di conseguenza, per rimanere in tema con la nostra “città giardino” gli abbiamo chiesto: “Qual è il luogo della nostra città, al quale tu sei maggiormente legato?” Il Sacro Monte, secondo me, è un posto spettacolare, perché mi dava la possibilità di isolarmi: ogni tanto prendevo ed andavo su per (ri)ossigenarmi. Sinceramente però io non sono tanto legato ai luoghi, quanto alle persone ed alle relazioni che ho conosciuto e coltivato in questa città, come i proprietari del ristorante Vela. A me è sempre piaciuto stare in compagnia, socializzare, conoscere persone e trascorre il mio tempo con tutti coloro con i quali mi trovavo bene. - “Quando hai iniziato a giocare a pallacanestro e cosa ti aspetti dal futuro in questo ambito?” A me la pallacanestro piace ed ho iniziato a giocarci a quattro anni; spesso mi fanno questa domanda ed io automaticamente preferisco rispondere da quando ho iniziato a camminare. Ecco, per me la pallacanestro è come camminare, come parlare di mangiare e di bere: la pallacanestro farà sempre parte della mia vita. In questo momento, non so ancora cosa aspettarmi di preciso dal futuro, ma senz’altro la pallacanestro non mi abbandonerà mai. - “Nei giovani di oggi riconosce un "nuovo Pozzecco"?” Secondo me, un nuovo Pozzecco non c’è: oggi purtroppo c’è una sorta di comunismo, in cui tutti i giocatori devono essere uguali. Io invece nel bene e nel male ho sempre cercato di essere un personaggio unico, ecco perché non vedo nessun "nuovo Pozzecco". Matteo Molinari, progetto liceo classico “E. Cairoli” con Varesefansbasket PALA2A Masnago - VA, 30-01-2018
  4. Una serata speciale, diversa dal solito, che ha visto grandi campioni essere omaggiati e anche emozionarsi, nel ricordo di quei successi che li hanno resi grandi. Ieri sera, al PalA2A (o meglio, al Lino Oldrini, come quando questi campioni ci giocavano), e non poteva essere altrove, le due leggende del basket varesino e moderno Dino Meneghin e Gianmarco Pozzecco hanno ricevuto dal consiglio comunale e dal sindaco Galimberti la cittadinanza onoraria di Varese, perché “grandi uomini e grandi sportivi, con i loro meriti e le loro imprese sportive hanno scritto pagine indelebili nello sport varesino e italiano”. In un clima nostalgico e famigliare, è stato insignito per primo Dino Meneghin, pivot ed emblema della Ignis dominatrice degli anni sessanta e settanta, in Italia, in Europa e anche nel mondo. Dopo un breve videoclip che ripercorreva le sue giocate, Dino ha pronunciate parole sentite, toccanti, dimostrandosi un grande campione anche a livello umano, queste le sue dichiarazioni: “è un grande onore, per certi versi inaspettato, ma che mi rende felice per ciò che abbiamo fatto. Perché sì, magari io ero il giocatore più rappresentativo, ma tutta la squadra era formata da grandi campioni, davvero un gruppo affiatato. Era il gruppo la nostra arma vincente; quegli stendardi appesi non li ho vinti io, li abbiamo vinti insieme. Non si diventa a caso la squadra che offriva la migliore pallacanestro europea, se non mondiale, la squadra capace di arrivare per dieci anni consecutivi in finale di coppa dei campioni, senza un gruppo, senza giocatori forti, senza allenatori e dirigenti (che colgo l’occasione di ringraziare) capaci, e senza dei tifosi meravigliosi. La cosa più importante era la grande umanità di queste persone, la bellezza delle relazioni, il rispetto, la passione che ci unisce ancora. E non dovete ringraziarmi voi e darmi un premio, ma io ringraziare voi per quello che mi avete fatto vivere, per le emozioni vissute insieme, per le vittorie, per i sacrifici, per i bei momenti passati insieme, grazie di cuore. E se posso, chiederei a voi giunta comunale, un piccolo favore, umilmente: se è possibile dare anche ai miei compagni questo riconoscimento, perché anche loro sono simbolo di quegli anni, sono loro che hanno permesso di scrivere quelle bellissime pagine di storia, sportiva ed umana.” Parole importanti quelle di Meneghin, che ha dimostrato ancora una volta la sua straordinarietà. E anche noi di Varesefansbasket eravamo presenti, e tra skysport, raisport e 7laghi, ci siamo fatti avanti per rivolgere qualche domanda a Dino e al Poz. Queste riportate le domande rivolte a Meneghin, poco prima della cerimonia. Come si sente a ricevere un riconoscimento così speciale e prestigioso? È innanzitutto una grande occasione per vedere persone che non incontravo da anni, e poi è un’onorificenza che non mi aspettavo, quindi ancora più gradita, ma sinceramente un po’ fuori luogo, perché il mio non è uno sport singolo, ho fatto uno sport di squadra, e quindi insieme a me, oggi, idealmente, ci sono tutti i miei compagni di squadra, i dirigenti, gli allenatori, il pubblico che ci ha sempre sostenuto, specie nei momenti più difficili; basta vedere gli stendardi che sono appesi lassù. Gente con cui ho avuto il piacere di condividere quegli anni di successi, sensazioni incredibili ed irripetibili. Se non si lavora insieme, se non si ha un unico scopo, un’unica passione senza invidie e gelosie, non si va da nessuna parte. Che cambiamenti hai notato, che evoluzione vedi nel basket, che differenze tra la pallacanestro da te giocata e quella di oggi? Ma guarda, io ho ancora a casa le pellicole in bianco e nero che ogni tanto ho il piacere di guardare… ed è sicuramente uno sport diverso da quello praticato oggi. Il basket di adesso è molto più veloce, tecnico, più forte fisicamente, più rapido, si gioca ad un’intensità diversa. Si gioca per fortuna in palazzetti migliori, parquet migliori, scarpe e attrezzature migliori, la preparazione fisica è molto più mirata e fondamentale. Insomma, è cambiato in meglio in molti aspetti… l’unica cosa che non mi piace tanto del basket odierno è quest’apertura totale a tutti gli stranieri; una volta Varese, Cantù, Milano, erano squadre che vivevano e vincevano grazie al loro vivaio che cresceva in casa, dando tempo di creare un gruppo unito, compatto, la possibilità di affezionarsi. Adesso sembra quasi di essere in un hotel con una porta girevole, dove molti giocatori vanno e vengono, creando anche confusione nei tifosi. Io ho giocato a Varese per 15 anni, e con me altri miei compagni, e la gente aveva modo di affezionarsi e identificarsi con te, gioire e soffrire insieme. Adesso andare a una partita e come andare al cinema, a vedere uno spettacolo, paghi il biglietto e se ti piace applaudi o fischi. Sembra quasi che manchi quest’umanità che c’era ai nostri tempi. Lei ha giocato a livello agonistico dai 16/17 anni fino a 44, tanto da giocare contro suo figlio; qual è stato il segreto di una carriera tanto longeva? Beh innanzitutto ho avuti sì diverse fratture, ma mai decisive, quindi diciamo che il fisico ha retto bene (ride, ndr), con anche un po’ di fortuna, vedendo atleti con un talento straordinario ma stroncati da infortuni; poi ho giocato in squadre che puntavano a vincere, a Varese e Milano, dove se arrivavi secondo era un fallimento, quindi la spinta emotiva e la voglia di fare e la tensione erano sempre quelle di vincere. Ma soprattutto la passione: io ho amato il basket in maniera folle, quindi non mi è mai pesato allenarmi, fare sacrifici o fare fatica per raccogliere le vittorie, anzi era per me una gioia. Adesso per restare in forma devo pagare per andare in palestra, una volta stavo bene, vincevo e mi pagavano anche Tra poco anche le domande e le parole di Pozzecco, a cura del mio collega Matteo Giosuè Ballerio Progetto liceo classico Cairoli con Varesefansbasket
  5. Openjobmetis 76 - AJ Milano 72

    Progetto VFB-Liceo Classico Cairoli / Giosuè Ballerio e Martina Rossato Nel posticipo della 17esima giornata, Varese riesce a spuntarla su Milano in una partita bella ed equilibrata. A vincerla è stata soprattutto la voglia, l’energia e il cuore che la squadra di casa è riuscita a mettere in campo, contro un’Olimpia apparsa stanca e quasi permissiva. Mattatori i soliti Wells (23 pti. totali per lui) e Avramovic, 18 pti. col 67% da 3). Varese si presenta fin dai nastri di partenza energica e propositiva, trovando facilmente la via del canestro nei primi minuti di gioco. Milano invece trova fluidità nella manovra e solidità in difesa, riportando presto la situazione in parità e anzi riuscendo a portarsi sul più 2 a fine primo quarto. Alla ripresa del gioco Varese piazza un parziale di 8-0 tanto da costringere coach Pianigiani al time out. L’Openjobmetis continua sui propri passi e riesce a toccare il massimo vantaggio di +10, grazie alle triple di Avramovic, ma giungendo alla pausa lunga sul punteggio di 42-36. Alla ripresa continuano i tentativi di assalto di Milano con due bombe di Micov, a cui Varese però riesce a replicare bene, grazie alla buona verve di Okoye, Wells e lo scatenato Avramovic. È un continuo scambio di inerzia, che fa tornare Milano sul -3 a fine terzo quarto. Si entra così nell’ultima frazione in un’atmosfera a dir poco incandescente, dove continuano i tentativi di rimonta dell’EA7, che però la squadra di casa ricaccia indietro grazie all’intraprendenza dall’arco di Okoye e Wells. Nel finale la situazione è tesa e nervosa per gli ultimi attacchi di Milano, ma ci sono tanti errori da una parte e dall’altra del parquet, che portano comunque la squadra di Caja alla vittoria, grazie ai 2 liberi di Wells, costringendo Milano al quarto stop di campionato. Come già detto, serata on fire per Wells (23 punti, 7 rimbalzi, 5 assist) e Avramovic, MVP della partita con 18 punti. Per Milano, che si è affidata troppo al tiro da lontano, da segnalare i 18 punti di Micov e i 14 di Goudelock. Serata speciale anche grazie alla presenza di Gianmarco Pozzecco, sempre rimasto nei cuori dei tifosi, che domani riceverà la cittadinanza onoraria di Varese insieme a Dino Meneghin. Esordio per Tyler Larson, partito in quintetto e apparso con una buona voglia e vivacità. L’ultimo arrivato deve tuttavia ancora entrare nei meccanismi della squadra ed esce dalla serata poco brillante al tiro (20 % dal campo).
  6. E' in fase di definizione un progetto che convolgerà Varesefansbasket ed il Liceo Classico Cairoli di Varese. Verrà offerta ai ragazzi aderenti al progetto la possibilità di vivere una esperienza da giornalista sportivo. I ragazzi del triennio, a turno, potranno vivere, in occasione delle partite casalinghe , una esperienza come "giornalisti" con la possibilità di redigere la cronaca della partita dalla tribuna stampa e vivere anche le conferenze stampa del dopo partita. Il tutto in accordo con Pallacanestro Varese che si è mostrata molto disponibile verso questo progetto. Un grosso in bocca al lupo ai ragazzi.
×