Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'riccardo cervi'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Solo Basket
    • Varese e il campionato di Basket
    • Il basket dalla B in giù...passando dalle giovanili
    • Archivio articoli
  • Gruppo Vfb.it
    • Divertiti col gruppo di Vfb.it
    • FantaVFB
    • Il gioco dei pronostici

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 3 results

  1. Riccardo Cervi ha iniziato a fare conoscenza con i meccanismi di gioco dell'Openjobmetis. Primo giorno da biancorosso per il 28enne centro di Reggio Emilia, che ha finalmente cominciato ad allenarsi con il pallone dopo le tre settimane di lavoro differenziato col preparatore atletico Silvio Barnaba. Il cestista del 1991 faceva già a tutti gli effetti parte del gruppo avendo seguito la squadra di Attilio Caja nelle trasferte di Milano, Brescia e Reggio Emilia, dove la società di casa lo ha premiato nel prepartita di sabato per la lunga militanza nella sua alma mater giovanile. Da ieri, però, Cervi fa ufficialmente parte del roster biancorosso, non soltanto in termini contrattuali - firma in calce all'accordo fino al 30 giugno messa nero su bianco - ma anche tecnici, avendo potuto svolgere almeno una parte della seduta pomeridiana. Dopo i lavori individuali col gruppo dei lunghi di ieri mattina e la seduta video per esaminare la gara di sabato in Emilia, il nuovo centro biancorosso ha effettuato una parte dell'allenamento. Sul piano fisico i progressi rispetto ai primi giorni del lavoro differenziato sono notevoli, ma come era logico aspettarsi - vista l'inattività dal termine dello scorso campionato (ultima partita ufficiale disputata il 12 maggio) - Cervi avrà bisogno di qualche settimana per raggiungere il livello di forma dei compagni. Specie in un gruppo nel quale i ritmi d'allenamento mantenuti da Attilio Caja sono molto elevati ed è fisiologico che il primo impatto col campo di un giocatore agonisticamente fermo da oltre 6 mesi fosse ricco di pause forzate. «Per avere Cervi al top ci vorrà qualche settimana, ma non ci aspettavamo nulla di diverso - spiega il g.m. Andrea Conti -. Quando sarà in condizioni ottimali potrà certamente essere un upgrade importante per noi; starà a lui riuscire ad arrivare il più in fretta possibile sulla stessa pagina dei suoi compagni sul piano della condizione, ma non vogliamo assolutamente affrettare i tempi». Per il momento, dunque, non c'è intenzione di forzare i tempi dell'inserimento del nuovo centro sul telaio della squadra di Caja. Tra stasera e domani lo staff tecnico farà il punto della situazione sulla condizione di Cervi in termini di tenuta al ritmo degli allenamenti continuati per decidere se portarlo in panchina già domenica contro Roma, oppure rinviare il suo debutto con due settimane di lavoro nelle gambe al derby dell'8 dicembre a Cantù. Di sicuro Varese non vuole affrettare la situazione per consentire al lungo del 1991 di inserirsi nei tempi giusti all'interno dei complessi meccanismi corali della formazione biancorossa, senza sovraccaricarlo né sul piano delle responsabilità né su quello fisico. Il fatto che il nuovo giocatore dell'OJM si sia già ambientato all'interno del gruppo sarà comunque utile per velocizzare la sua integrazione nel sistema. Oggi come oggi Cervi è più un investimento in ottica futura (peraltro non troppo remoto...) che un rinforzo immediato. Ma nel giro di un mese i suoi 214 centimetri potrebbero davvero aggiungere al sistema Varese una presenza interna su entrambi i lati del campo per integrare il roster attuale con un giocatore con caratteristiche differenti da tutti i suoi compagni in grado di dare una dimensione più importante alle ambizioni dell'OJM. Giuseppe Sciascia
  2. Pallacanestro Varese e Riccardo Cervi, questo matrimonio s'ha da fare. Trattativa formalmente avviata fra le parti per trovare l'accordo definitivo - tra salario e premi ad incentivo - che dovrebbe legare la società del presidente Vittorelli al 28enne centro di Reggio Emilia fino al 30 giugno 2020. La convergenza di fattori positivi che hanno fatto scattare la scintilla nelle ultime settimane tra il club prealpino e l'atleta del 1991 sfocerà in un contratto da siglare nei prossimi giorni, appena prima della riattivazione del giocatore che dopo la trasferta di Reggio Emilia dovrebbe iniziare ad allenarsi con il gruppo guidato da Attilio Caja. Sin dal suo arrivo a Varese per svolgere il percorso personalizzato di recupero e preparazione atletica con la sua vecchia conoscenza Silvio Barnaba, Cervi ha dimostrato di gradire l'ambiente biancorosso manifestando interesse per la possibilità di entrare a far parte del sistema Openjobmetis. Che dal canto suo è pronta a cogliere al volo l'occasione di rinforzare il roster con un giocatore di indiscusso valore (6,8 punti più 4,1 rimbalzi e 1,3 stoppate in 226 gare di serie A disputate tra Reggio Emilia ed Avellino dal 2012 al 2019; 8,6 punti e 5,1 rimbalzi nell'ultima annata alla Grissin Bon), irrobustendo il reparto lunghi con i 214 centimetri per 115 chili dell'atleta del 1991.Ossia un perfetto complemento per Jeremy Simmons, probabilmente l'acquisto estivo più azzeccato nel rapporto tra aspettative e rendimento, ma anche il più utilizzato (34,8 minuti totali, primo assoluto in serie A) nelle prime 8 giornate. Per Varese sarà un upgrade importante per le rotazioni; Cervi potrà dare profondità interna alla manovra offensiva e protezione del pitturato in difesa, garantendo almeno una quindicina di minuti di presenza sotto le plance alle spalle del centro statunitense. Un'alternativa importante nel reparto lunghi che dovrà aiutare l'OJM a reggere meglio l'impatto fisico contro le big. E le coperture? La ventata di entusiasmo garantita dall'impresa casalinga contro Venezia ha creato i presupposti per dare semaforo verde ad un'operazione dai costi comunque contenuti rispetto al pedigree di un giocatore che ha all'attivo due finali scudetto con la Reggiana e una semifinale con Avellino. L'aspetto economico dell'operazione non sarà del tutto indifferente per un club come Varese attento ad ogni dettaglio; ma è chiaramente allettante per l'opportunità di ingaggiare un italiano di livello - sia pur da inserire a poco a poco vista la lunga inattività dai primi di maggio - su cifre ben diverse da quelle dell'ultimo contratto alla Grissin Bon, dato che Cervi ha visto nell'opportunità offerta dall'OJM come l'occasione per rilanciarsi nel contesto di una squadra adatta alle sue qualità. La volontà è che entro il weekend le parti trovino un accordo sui dettagli contrattuali in fase di definizione con l'atieta del 1991 atteso in palestra con la squadra alla ripresa degli allenamenti dopo Reggio Emilia; l'obiettivo sarebbe quello di farlo debuttare nel derby dell'8 dicembre a Cantù, ma se i riscontri del campo saranno positivi è possibile che giochi già qualche minuto domenica 1 contro Roma. L'arrivo del nuovo pivot non presuppone comunque la cessione di Luca Gandini: la volontà di società ed area tecnica è mantenere in organico l'attuale centro di riserva dell'OJM, per non perdere le sue indiscusse doti di uomo spogliatoio all'interno del gruppo e poter amministrare l'eventuale gestione di Cervi in allenamento. Giuseppe Sciascia
  3. Si avvicina il momento decisivo per l'operazione Riccardo Cervi. Il lungo di Reggio Emilia ha superato ieri mattina il test effettuato col preparatore Silvio Barnaba relativo alle sue condizioni di forma dopo i primi 10 giorni di lavoro differenziato in qualità di ospite dell'OJM. Ora il centro del 1991 potrà intensificare i carichi di lavoro degli allenamenti individuali per completare il percorso necessario prima di tornare in campo. Al momento si prevede che nella settimana successiva alla trasferta di Reggio Emilia il giocatore ex Grissin Bon possa svolgere i primi allenamenti con la squadra; nella migliore delle ipotesi comunque Cervi non sarà pronto a scendere in campo fino all'inizio del mese prossimo, fissando tra il derby dell'8 dicembre a Cantù e l'impegno casalingo del 15 contro Pesaro la data dell'eventuale debutto. Eventuale perché il momento di decidere se affondare il colpo formalizzando una proposta contrattuale al centro reggiano si sta avvicinando. Evidente come i 214 centimetri di Cervi potrebbero far comodo ad una Openjobmetis che gradirebbe un'iniezione di centimetri dentro l'area per poter dare maggiore profondità alla manovra offensiva ed essere meno dipendente dalla costruzione e dall'esito delle sue soluzioni dal perimetro. Anche se poi inserire un lungo con caratteristiche atletiche particolari come l'ex Avellino - dotato di statura ma non di particolare stazza e relativamente mobile sugli aiuti sul perimetro che fanno parte del bagaglio base del sistema difensivo di Attilio Caja - renderebbe indispensabile qualche adeguamento tattico per sfruttare al meglio le sue qualità a protezione dell'area colorata. Ma il problema non è certo di natura tecnico-tattica: l'operazione Cervi richiederebbe un extrabudget per il quale servono certezze in termini di coperture economiche, che in tempi di approvazione del bilancio 2018/19 e CdA in scadenza in vista dell'insediamento della nuova governance non sono così scontate. Vero è che rispetto ai costi estivi dell'ex azzurro sarebbe un'occasione decisamente ghiotta per rinforzarsi in un ruolo nel quale c'è un'oggettiva carenza di risorse. Altrettanto vero è che la salute dei conti della Pallacanestro Varese è decisamente migliorata nell'arco degli ultimi 24 mesi, ma la situazione finanziaria necessita un costante controllo per evitare sforamenti a carico dei soliti noti. Mentre Cervi lavora in palestra, dirigenti e proprietà lavorano sulle coperture auspicando di trovare la quadra. Giuseppe Sciascia
×
×
  • Create New...