Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'varese 2021/2022'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Solo Basket
    • Varese e il campionato di Basket
    • Il basket dalla B in giù...passando dalle giovanili
    • Archivio articoli
  • Gruppo Vfb.it
    • Divertiti col gruppo di Vfb.it
    • FantaVFB
    • Il gioco dei pronostici

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 19 results

  1. Come giocherà la prossima Pallacanestro Varese? «Lo vedremo in base ai giocatori che sceglieremo e lo valuteremo dopo averli visti allenarsi insieme». Con che tempi verrà costruito il roster? «Non ci siamo dati scadenze: alcune sono scritte sui contratti dei giocatori con le possibilità di uscita, altri sono già certi di restare. Abbiamo tempo, non ho fretta di andare in vacanza a luglio: da qui in avanti siamo pronti a lavorare». Adriano Vertemati detta così la rotta: non una road-map con punti da rispettare a tutti i costi per costruire la nuova Openjobmetis, ma un foglio (quasi) tutto
  2. L’Openjobmetis inaugura ufficialmente l’era Adriano Vertemati. Dopo l’annuncio del Bayern Monaco della conclusione del rapporto con l’ormai ex assistente di Andrea Trinchieri, la società del presidente Vittorelli ha potuto comunicare la firma del 40enne tecnico di Cornaredo, che guiderà il nuovo progetto triennale della compagine biancorossa con un accordo garantito per due stagioni più opzione per una terza. Vertemati esordirà su una panchina di serie A alla guida dell’Openjobmetis dopo una lunghissima militanza da capo allenatore in A2 a Treviglio (9 stagioni consecutive prima di lasciare pe
  3. Istruzioni per l’uso del mercato OJM, firmato Andrea Conti. Il g.m. biancorosso racconta le strategie iniziali della campagna acquisti 2021: «Il 5+5 è figlio della continuità rispetto ad un gruppo di italiani sotto contratto che possono garantire solidità. Il motivo economico è secondario, la volontà è costruire un gruppo nel quale senso di appartenenza, fame e voglia di trasmettere entusiasmo ai tifosi siano la base. Stiamo lavorando sull’ossatura degli italiani per poi scegliere senza fretta gli stranieri». Si parte dalle conferme dei due play italiani, come prosegue invece il discorso
  4. Varese e Giancarlo Ferrero sono pronti a dirsi nuovamente di sì? Tira sempre più forte il vento di conferma per il capitano dell’OJM, con la possibilità di allungare il rapporto in versione quasi “vitalizia” per il giocatore che veste il biancorosso dal 2015. Dopo qualche settimana in pensatoio, la società del presidente Marco Vittorelli sembra aver imboccato la corsia dei 5 senior italiani per il roster 2021/22. E in questa strategia l’ala mancina farà ancora parte dei piani tecnici della squadra, partendo come nella stagione appena conclusa dietro l’ala forte titolare straniera (sarà Ja
  5. Il gioco delle coppie per l’Openjobmetis che verrà. In vista della nuova stagione che partirà il 26 settembre, ecco lo stato dell’arte dei 10 spot da occupare per il team biancorosso, ferma restando la volontà di mantenere la formula regolamentare con 5 italiani e 5 stranieri. Play: le certezze Ad oggi è il ruolo più coperto, se Michele Ruzzier - come ribadito dal giocatore triestino a Prealpina - avrà ancora in mano le chiavi della squadra, e alle sue spalle Giovanni De Nicolao proverà a mettere a frutto la cura Vertemati dopo la crescita costante nel corso della stagione d’esordio
  6. Salgono le quotazioni della conferma di Jalen Jones come primo straniero dell’Openjobmetis che verrà. Gli esiti dei test effettuati dal preparatore biancorosso Silvio Barnaba e delle visite dal dottor Rodolfo Rocchi (il luminare di Reggio Emilia che lo ha operato a dicembre 2020 al tendine d’Achille) hanno riscontrato un completo recupero dall’infortunio e una condizione atletica comunque soddisfacente sette mesi dopo l’intervento. L’ala texana ha svolto anche qualche esercizio col pallone all’Enerxenia Arena assieme agli italiani sotto contratto tornati a lavorare martedì con gli assiste
  7. Alla scoperta di Adriano Vertemati con una guida d’eccezione. In attesa di scoprire dal vivo il coach che avrà il timone del progetto triennale per il rilancio di Varese, a raccontare chi è e come lavora il nuovo tecnico dell’OJM è Alberto Mattioli. Ossia colui che lo ha avuto dal 2011 all’estate 2020 in A2 a Treviglio, e lo aveva caldeggiato al Settore Squadre Nazionali per la guida della Nazionale Under 20 (prima della neutralizzazione degli Europei dello scorso anno causa Covid). Trattandosi della persona che dal 1996 al 2008 ha avuto la delega della FIP per lavorare con la Nazionale A, ope
  8. L’Openjobmetis inizia a ragionare sul parco giocatori con vincoli contrattuali in attesa dell’insediamento di Adriano Vertemati. Dialogo concreto da aprire in settimana sul primo snodo in vista della costruzione della Varese che verrà: il club biancorosso ha 5 italiani senior sotto contratto e nella logica della squadra versione 2021/22 vuole “asciugare” le rotazioni a 4 promuovendo in prima squadra un giovane dell’Academy (quotazioni elevate per l’azzurrino Nicolò Virginio). Ma il discorso è più ampio rispetto alla semplice dicotomia fra Giancarlo Ferrero, vera bandiera dei tempi moderni
  9. Toto Bulgheroni guarda con rinnovata fiducia al futuro di una Openjobmetis rinforzata sul piano delle ambizioni, delle risorse e della progettualità dalla futura new entry dirigenziale Luis Scola. Il consigliere biancorosso, che conosceva a perfezione i retroscena dell’operazione con la stella argentina i cui dettagli saranno definiti a settembre, conferma i venti di rilancio legati all’entusiasmo del “General” e del main sponsor Rosario Rasizza: «Abbiamo preso atto con soddisfazione della volontà di Scola ad entrare in società, come confermato martedì sera dallo stesso Luis sia pure con modal
  10. Luis Scola è vicino al ritiro, anche se la decisione finale avverrà soltanto durante l’estate. Lo spiega lo stesso giocatore – una leggenda del basket mondiale – collegato via internet dalla sua Argentina dove dovrebbe iniziare a preparare le Olimpiadi ma dove ha trovato una situazione difficile a causa del Covid-19, «l’equivalente della zona rossa italiana» spiega. La platea è ridotta e coinvolge i giornalisti che abitualmente seguono la Openjobmetis, una scelta precisa perché Varese resta molto presente nelle parole di Scola, sia parlando di basket sia di vita. SMETTO DOPO I GIOCHI
  11. L’Openjobmetis è pronta ad affidare ad Adriano Vertemati le chiavi del progetto pluriennale di crescita indicato da Rosario Rasizza come conditio sine qua non per rilanciare le ambizioni del club. Varese ha rotto gli indugi e preso la sua decisione sull’erede di Massimo Bulleri: l’uomo nelle cui mani la società biancorossa vuole affidare il timone è il 40enne coach di Cornaredo, attualmente vice di Andrea Trinchieri al Bayern Monaco. Il profilo di Vertemati, inizialmente indicato dal g.m. Andrea Conti come elemento ad hoc per sviluppare il capitale tecnico della Varese che verrà, sarebbe
  12. La Pallacanestro Varese non si è fidata a ripartire con Massimo Bulleri. La decisione di puntare su di lui dopo il traumatico e repentino divorzio da Attilio Caja, la fiducia sempre confermatagli anche nei momenti sportivamente più neri della stagione appena trascorsa, gli apprezzamenti pubblici una volta conquistata la salvezza: tutto questo non ha avuto più peso quando le bocce si sono fermate e il gioco ha lasciato il posto a una riflessione profonda. Sfociata, nel pomeriggio di oggi, nella decisione di dire addio al coach di Cecina dopo solo nove mesi di rapporto, sfruttando la clauso
  13. «La scelta è mia, non è stata semplice sul piano umano e tengo a ringraziare davvero di cuore Massimo Bulleri per quello che ha fatto con la nostra squadra nel corso del campionato. È cresciuto e ci ha salvato la stagione evitando la retrocessione». A parlare è Andrea Conti, direttore generale della Pallacanestro Varese, colui che ha comunicato al tecnico toscano la decisione della società di non proseguire nel rapporto di collaborazione. Una clausola presente nel contratto che legava il “Bullo” alla Openjobmetis: «Il termine per esercitarla era quello del 30 maggio – spiega Conti – mi è
  14. Da capocannoniere sul campo a pilastro della società nella stanza dei bottoni. Il prossimo passo di Luis Scola nella versione da cittadino acquisito di Varese sarà quello da giocatore a membro del consiglio di amministrazione? Nel suo ultimo colloquio prima della partenza per l’Argentina dove si allenerà per conto proprio tenendosi in forma in vista del raduno del 16 giugno per le Olimpiadi di Tokyo, «El General» avrebbe infatti espresso ed interesse per entrare nel capitale azionario della società biancorossa. Il ruolo sarebbe da definire con esattezza, ma l’ipotesi al vaglio è quel
  15. La Pallacanestro Varese attende la decisione di Luis Scola sulla prosecuzione dell’attività agonistica dopo le Olimpiadi di Tokyo. Ma dal cauto ottimismo di qualche settimana fa, il mood dell’ambiente biancorosso sembra essersi modificato verso un pessimismo realista. Solo sensazioni, senza certezze, dato che El General non ha ancora sciolto la sua riserva sul futuro dopo i Giochi giapponesi. Ma col passare dei giorni aumentano i dubbi sulla possibilità di rivedere in maglia OJM il lungo argentino nel 2021/’22. Le garanzie tecniche Le riserve esposte da Scola nell’incontro di fine ap
  16. Sarà la scelta dell’allenatore il primo tassello per costruire la Pallacanestro Varese del futuro. Se sul fronte giocatori c’è la volontà di operare con calma adottando tempistiche meno frenetiche rispetto al passato, la decisione del club biancorosso sulla conferma di Massimo Bulleri è uno snodo da delineare in tempi rapidi. La questione non è solo di natura burocratica, dato che la scadenza della clausola rescissoria inserita nel contratto 1+1 è fissata al 30 maggio. Ma coinvolge un ragionamento più profondo sulle prospettive della stagione 2021/22 e sulle conseguenti strategie di mercato. I
  17. La Pallacanestro Varese fissa la rotta verso la salvezza anche fuori dal campo e inizia ad abbozzare le prime basi per l’anno che verrà. Riunione plenaria del CdA aperta anche ad Andrea Conti e al rappresentante della proprietà Alberto Castelli per la chiusura contabile del 2020/21 in vista delle scadenze per l’iscrizione e le prime ipotesi sulla programmazione futura con l’auspicio di dare seguito alla volontà di far tornare il segno “più” alla voce budget (se tornerà il pubblico l’obiettivo è un 10 per cento in più). I conti tornano? La parte principale dell’appuntamento ha riguard
  18. Un progetto a lungo termine che vada oltre l’eventuale ultima stagione da giocatore per corroborare la scelta di campo di stabilirsi a Varese. Il primo confronto tra la dirigenza della Pallacanestro Varese e Luis Scola - 41 anni domani, venerdì 30 aprile - ha messo a fuoco le prospettive future del rapporto tra El General e la società del presidente Marco Vittorelli. Un’analisi a 360 gradi che è andata oltre la volontà della dirigenza biancorossa di riproporre il capocannoniere della OJM 2020/21 come prima conferma straniera del 2021/22. Istruzioni per l’uso Sul piano squisitamente t
  19. La Pallacanestro Varese targata Openjobmetis si gode la salvezza aritmetica staccando la spina fino a giovedì 29 aprile in attesa della conferma al 10 maggio dell’ultimo impegno sul campo di Brindisi. Ma in attesa di mettere a punto la programmazione per la stagione prossima ventura, ha già una serie di vincoli e impegni già definiti. Ecco, di seguito, il portafoglio contratti nella cassaforte della società del presidente Marco Vittorelli per aiutare a comprendere le basi della costruzione della Varese che verrà. L’AREA TECNICA - Massimo Bulleri ha già il contratto per la stagione 2021/’2
×
×
  • Create New...