Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'varese-capo'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Solo Basket
    • Varese e il campionato di Basket
    • Il basket dalla B in giù...passando dalle giovanili
    • Archivio articoli
  • Gruppo Vfb.it
    • Divertiti col gruppo di Vfb.it
    • FantaVFB
    • Il gioco dei pronostici

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 11 results

  1. La Pallacanestro Varese riparte di slancio facendo leva sulle sue certezze. Dopo tre sconfitte in fila e più di un mese di digiuno, la truppa di Attilio Caja torna a ruggire al PalA2A, soffocando una tenera Betaland nelle spire della sua difesa graffiante. Ferrerò e soci cancellano le difficoltà balistiche degli ultimi tempi con una prova tutta ritmo e aggressività, che nasconde i problemi di messa in moto ( 1/9 da 3 nei primi 15' ma 9/24 alla fine) riproponendo la vecchia ma sempre attuale ricetta "difesa&contropiede". La vittoria che serviva alla classifica - di nuovo a più 4 sull'ultimo posto occupato da Brindisi - ottenuta nel modo che serviva per dimostrare che gli ultimi rovesci non erano figli di una crisi di sistema, ma di perdurante sfiducia balistica. Una vittoria ampia, come già accaduto contro Cantù e Trento, frutto proprio dello stile di gioco casalingo della compagine biancorossa: la staffetta Wells-Tambone toghe ossigeno al caro ex Maynor (3/10 al tiro e un solo assist per un Eric lontanissimo dalla migliore condizione), mentre dalla panchina la verve di Avramovic e Ferrero spacca una partita inizialmente "ingessata" dalla zona e dai ritmi lentissimi utilizzati dalla Betaland. Così Varese prende fiducia correndo, con l'assetto a trazione posteriore in modalità tre piccoli che alza il volume ed apre meglio il campo, e poi spacca la partita quando Wells ascolta gli ordini di scuderia attaccando Maynor per un terzo quarto da spellarsi le mani in attacco (26 punti col 73% dal campo). Una vittoria di sistema sulla base di un "egualitarismo" offensivo che permette di raccogliere ruoli da primattori a giocatori votati al lavoro oscuro come Tyler Cain e Giancarlo Ferrero. Uomini di fatica che salgono sul proscenio finalizzando la preparazione della squadra per costruire canestri ad alta percentuale: il centro del Minnesota è dominante sotto i tabelloni contro avversari tecnici ma non fisici, e raccoglie i frutti delle incursioni di Wells e Avramovic convertendo puntualmente ogni scarico. Il mancino di Bra "martella" in contropiede e dal perimetro ribadendo la sua importanza nelle esecuzioni corali di una squadra senza stelle tra scelta e necessità. Wells e Waller si vedono in attacco solo nella ripresa ed Hollis ribadisce la sua difficoltà a sposare la causa di un basket ruvido del quale Varese non può prescindere in casa? Tocca ad altri salire sul proscenio, con i 33 punti prodotti dalla panchina (novità Ferrero e ritorno Pelle col quintetto cambiato riproponendo Cain e lanciando Hollis rispetto alle ultime 4 uscite) che risultano determinanti nell'economia della gara. I discorsi su gerarchie basate sugli stipendi e sui passaporti sono decisamente stucchevoli nel contesto di un sistema che funziona perchè dà ad ognuno la possibilità di essere protagonista a rotazione. La Varese in versione casalinga vince solo se difende tutta insieme, corre il più possibile e cavalca di volta in volta la vena del singolo - Okoye contro Cantù, Wells contro Pistoia, Pelle contro Trento e Cain contro Capo d'Orlando - più avvantaggiato dalla conformazione fisica e tecnica dell'avversario di turno. Squadra operaia con poco talento complessivo e nessuna punta designata? Questo può essere vero in trasferta, al netto di un paio di colpacci andati a vuoto per un nonnulla. Ma in casa i limiti diventano punti di forza se come ieri tutti remano dalla stessa parte, riscuotendo il meritato tributo di applausi del PalA2A. Giuseppe Sciascia
  2. Aspetti Maynor e arriva un centro che fa della generosità e del lavoro una carta d’identità. Per una volta da sbattere in copertina, a seguito di una prestazione statisticamente clamorosa, praticamente perfetta. Aspetti Maynor e arriva il giocatore che sugli almanacchi risulterà come suo successore. Un Calimero che a differenza del collega non finirà mai sulle passerelle cestistiche, ma che ieri ha adombrato la bellezza dell’ex con l’umile ruvidezza dell’applicazione difensiva. Aspetti Maynor e arriva capitan Ferrero. Uno che come il compagno Tyler dove lo metti sta, che risponde presente sia quando parte in quintetto che quando lo fa dalla panchina. Uno che non ha paura di niente: di marcire in fondo alle rotazioni (Moretti who?), di sbagliare tiri su tiri, dei giudizi che lo ritengono inadeguato alla massima serie. Uno che ha pazienza: e infatti la sua ora arriva sempre. Aspetti Maynor e arriva Matteo Tambone da Graz. Arriva con una tripla che in unico fruscìo di retina si porta via la tristezza di mesi di errori, quelli che ai tiratori - che vivono per i ciuffdomenicali - fanno male dentro. Un canestro, un simbolo, il benvenuto di un campionato in cui nessun esordiente può permettersi di dire bugie: serve lavoro e serve sudore per essere accettati. Nel battesimo anche Matteo lascia il suo ricordo all’ex di turno, contribuendo insieme al socio Cameron ad azzerarlo (1/6 da tre e un solo assist per Eric da Raeford, North Carolina). Aspetti Maynor e arriva Ale il serbo, la frenesia al potere che un allenatore di Pavia sta riuscendo a incanalare sui binari della produttività. Difesa asfissiante, primo passo fulminante, manca ancora il tiro ma ci stiamo lavorando: il talento grezzo di Avramovic da qualche tempo a questa parte serve a qualcosa. È questa la notizia. Aspetti Maynor e arriva Attilio Caja. Che non se ne era mai andato, per carità, ma che ieri ha dimostrato una volta di più di non essere un Narciso innamorato delle proprie scelte strategiche, di avere la malleabilità per essere concavo e convesso a servizio del bene della sua squadra, di avere in pugno il corpo e soprattutto la mente dei suoi giocatori. Anche dopo tre sconfitte. Cain e Hollis in quintetto base sono una mossa che dice tanto: a) non c’è gerarchia solidificata che sia più importante del momento, del lavoro e dell’opportunità; b ) quando serve sostanza l’Artiglio sa dove pescare (vedi Cain al posto di Pelle); c) non ci sono nè figli, né figliastri in questa squadra: Caja ci prova e ci proverà con tutti. E fa nulla se Hollis non si dimostra in grado di sfruttare l’occasione: state certi che arriverà anche il suo momento. Aspetti Maynor e arriva Varese. Che risponde presente dopo un mese e oltre di digiuno. Che doveva fare di più in attacco rispetto alle ultime partite e ci riesce, dando finalmente plasticità realizzativa a quanto costruisce (59% da 2, 37% da 3) e trovando il modo di giocare coinvolgendo tutti, anche quelli che stanno sotto canestro (19 assist). Poi il +24 lo leggi nella difesa, attenta sullo spauracchio con il numero 3 ma anche su tutti i suoi compagni, pronta nei cambi sistematici, dura sulla palla (11 recuperi), ispiratrice di tanti contropiede che fanno anche spettacolo. Se alla proverbiale chiave tecnica di questo gruppo (l’abnegazione difensiva, appunto) si aggiunge anche l’imprevedibile offensivo, se alla costante si aggiunge la variabile, beh... questa Openjobmetis non solo vince: esagera. Più 31 contro Cantù, +27 contro Trento, +24 ieri: tre indizi fanno una prova. E in un successo più buono di una lasagna dopo un mese di brodini insipidi, in un successo che mantiene Varese lì dove deve stare, tra il fondo e il mezzo della classifica (ovvero lì dove rimane lecito il sogno di qualcosa di più ma soprattutto - è la cosa più importante - si può essere esenti da preoccupazioni), spiccano tanti singoli. Quelli già citati - Cain: 39 di valutazione, 10/10 dal campo, 14 rimbalzi; Ferrero 14 punti, 2/2 da 3; Wells solo 4 punti ma 7 assist; Avramovic 9 punti e ben 6 assist in 18 minuti- e quelli che ancora non hanno avuto menzione. Su tutti Stan Okoye, 14 punti silenziosissimi, conditi da 5 rimbalzi. Una conferma, più che un arrivo, nel giorno in cui si aspettava Maynor. Fabio Gandini
  3. Vittoria scaccia crisi per Varese che si impone su una Capo d’Orlando che resta in partita solo per il primo quarto e poi, complice anche una prestazione con più ombre che luci del grande ex Maynor, rimane in balia di una Varese che scioglie l’empasse iniziale e trova in maniera costante la via del canestro. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 7,5 : è lui con il suo ingresso in campo a dare la prima sferzata e cambio di ritmo ai suoi che fino a quel momento, fatta eccezione per Cain, faticavano in maniera abnorme a trovare il fondo della retina. Ordinato e controllato nelle sua versione Avra 2.0 trova anche 6 assist davvero di pregevole fattura. UPGRADE Pelle 5 : minutaggio molto limitato questa sera per il caraibico che in realtà fa anche poco per meritarsi di più; distratto e spesso svogliato fa diversi passi indietro rispetto alle sue ultime prestazioni. GAMBERO Bergamaschi N.E. Natali S.V. Okoye 6,5 : anche la sua partenza è glaciale contornata da errori troppo banali per essere veri, poi trova fiducia e aggiusta anche le sue percentuali sia da 2 che dalla lunga; da rivedere l’atteggiamento difensivo per diventare un fattore sui due lati del campo tant’è che coach Caja gli concede anche meno minuti del solito. SWITCH Seck N.E. Tambone 7 : finalmente il giovane play romano torna a fornire una prestazione confortante e convincente sotto tanti punti di vista (anche se resta un po’ di fatica nel portar su palla). Trova fiducia realizzando una bomba e poi è una macchina dalla linea della carità con un 5 su 5. Con Wells ancora in difficoltà è lui insieme ad Alexa che guida i suoi al primo break decisivo. CAPARBIO Cain 9 : Dopo qualche partita riparte in quintetto quasi come se il suo allenatore se lo sentisse; prestazione immacolata al tiro con 10/10 da 2 2/2 ai liberi, 14 rimbalzi 2 assist 2 recuperi che si sommano al solito lavoro sporco che non entra nelle statistiche, che altro aggiungere?! Mr. PERFECT Ferrero 7,5 : a sorpresa parte dalla panca ma il capitano sembra non risentirne in quanto, a parte una prima conclusione da sotto sbagliata in modo abbastanza clamoroso, poi si riprende con gli interessi chiudendo con 14 punti e una prestazione difensiva assolutamente convincente dovendo fronteggiare gente sempre più stazzata di lui. TRASCINANTE Wells 5,5 : primo tempo ampiamente insufficiente, ripresa migliore ma nel suo complesso la prestazione non può essere valutata in maniera positiva; alla fine gli assist sono 7 ma rimangono gli stessi dubbi di sempre sullo sviluppo della manovra e sui tanti palleggi sul posto senza attaccare praticamente mai il pitturato. FREEZZATO Waller 6 : anche lui ad inizio partita si iscrive al contest del ciapanò e tristemente continua col trend negativo delle gare che hanno preceduto l’odierna. Poi un minimo di disgelo e infatti chiude con un non malvagio 3/7 dalla lunga. Forse anche lui per trovare spaziature migliori dovrebbe variare maggiormente le sue esecuzioni offensive. MONOCORDE Hollis 5 : finalmente ha l’occasione di dimostrare che merita fiducia come tutti i suoi compagni ma nei primi 5 minuti prende 4 conclusioni con poco ritmo sbagliandole tutte anche se recupera diversi rimbalzi. Riparte nel terzo quarto ma questa volta non prende più nessuna iniziativa e dura altri 5 minuti per poi sedersi in fondo alla panca fino al suono della sirena. ESTRANEO
  4. Nel presentare la sfida interna contro Capo d’Orlando (palla a due domani alle 17, diretta su Eurosport 2), Attilio Caja non manca di tornare con dispiacere sull’ultima sconfitta maturata nel finale a Pesaro per via del canestro incredibile di Dallas Moore: «Sono un po’ dispiaciuto per le critiche eccessive che sono arrivate alla mia squadra dopo la partita disputata a Pesaro - dichiara amareggiato Caja - perché questa è una squadra che lavora tutti i giorni nel modo migliore e ha affrontato la partita con grande impegno. Non sempre però si riesce a fare ciò che si vuol fare. Credo sia giusto criticare se mancano disponibilità e buona volontà, però noi sappiamo fin dall’inizio che ogni partita per noi può essere difficile. Non mi è sembrato di dover gridare allo scandalo per aver perso nel finale a Pesaro, la partita è stata decisa da un episodio nel finale». Detto questo, il focus si sposta inevitabilmente sull’impegno di domani al PalA2A, fondamentale per rialzarsi dopo tre sconfitte consecutive (Avellino, Sassari e appunto Pesaro): «Chiusa questa parentesi, il primo pensiero per questa partita contro Capo d’Orlando va sicuramente a Eric Maynor, che è un giocatore che rivediamo sempre con grande piacere, perché ricordiamo tutto quello che di buono e di bello ha fatto nelle sue due parentesi a Varese. Credo che Eric si sia fatto sempre apprezzare per la sua dedizione alla squadra. Egoisticamente, pur essendo contento che lui abbia trovato una squadra e possa così tornare a giocare, avrei preferito che avesse ripreso a giocare in un’altra partita e non contro di noi, perché averlo di fronte è sempre una complicazione maggiore per chi ci gioca contro. Detto questo la mia gratitudine verso di lui sarà sempre infinita, così rivederlo sarà un piacere». Capo d’Orlando è in un buon momento di forma e negli ultimi due mesi si è ripresa dalle difficoltà di inizio stagione: «Loro stanno bene, aspirano alle Final Eight, sono agguerriti e ambiziosi e tutto questo testimonia la difficoltà della partita. Noi rispettiamo gli avversari ma siamo fiduciosi in ciò che possiamo fare. Servirà una partita difensiva importante su Maynor e su Atsur, i due costruttori di gioco, ma anche su due tiratori importanti come Alibegovic e Kulboka. Sotto canestro hanno Delas, che l’anno scorso ha fatto bene e che quest’anno non sembra ancora esprimersi su quei livelli, e Wojciechowski, che è in grande forma e ha fatto molto bene nelle ultime partite. Su questi giocatori servirà attenzione da parte nostra, dovremo dunque giocare una partita molto efficiente e d’impatto difensivo, per poi prendere fiducia nei nostri mezzi ed avere un grande feeling con il pubblico». Alberto Coriele
  5. Attilio Caja ricambia le parole al miele di Eric Maynor nei suoi confronti in vista del ritorno dell'ex più amato dai tifosi varesini tra le quattro stelle del 2016-17 non rimaste in biancorosso. Il tecnico pavese preparerà ovviamente sulla marcatura dell'ex giocatore NBA la gara di domani contro Capo d'Oliando: «Il primo pensiero va ovviamente ad Eric Maynor: personalmente lo rivedrò con grande piacere, ma sono convinto che tutta la gente di Varese lo accoglierà allo stesso modo, per quello che ha fatto per tutti noi nelle sue precedenti parentesi in maglia biancorossa. E un giocatore che si è fatto apprezzare per la sua dedizione alla squadra e per quanto di buono ha fatto per questa maglia. Da una parte sono contento di rivederlo in campo, dall'altra egoisticamente avrei preferito che avesse iniziato dalla prossima partita, perché trovarselo di fronte è una grande complicazione. Però la mia gratitudine verso di lui e gli altri dell'anno scorso sarà sempre infinita, per cui rivederlo sarà un piacere». "Artiglio" mette comunque sull'avviso i suoi sulla necessità di una gara gagliarda per fermare i molti tiratori della Betaland: «Capo d'Orlando è una squadra agguerrita che punta alle Final Eight di Coppa Italia: sono in un buon momento e per ottenere quell'obiettivo verranno da noi per fare risultato. Come sempre rispettiamo gli avversali, ma siamo fiduciosi nelle nostre capacità e nelle nostre qualità. Servirà prima di tutto una partita difensiva importante, in particolare su Maynor che è capace di accendere i compagni, ma anche su Atsur che gli dà una mano in termini di costruzione e finalizzazione e tiratori temibili come Alibegovic e Kulboka. Sotto canestro attenzione soprattutto a Wojchiekowski che è in grande forma». E una volta di più la chiave del match per Varese sarà la capacità di accendere il motore del contropiede attraverso una difesa aggressiva: «Dovremo giocare una partita di impatto in difesa, e sulla base del ritmo garantito dall'intensità in retroguardia cercare di prendere fiducia in attacco. Il feeling con i tifosi e l'aggressività in retroguardia dovranno essere le chiavi attraverso le quali ritrovare confidenza in fase offensiva: per noi, come sempre, tutto parte dalla difesa». Infine Caja torna sul match di domenica scorsa a Pesaro per puntualizzare la sua opinione sulla prova dei suoi: «Sono dispiaciuto per le critiche un po' eccessive rivolte alla mia squadra dopo la partita disputata a Pesaro. Posso garantire che lavoriamo con grande determinazione tutti i giorni, e anche domenica scorsa abbiamo affrontato la gara con il giusto impegno. Poi può succedere di non riuscire a sviluppate per 40 minuti o in maniera perfetta le cose preparate, però l'impegno è stato massimo e abbiamo cercato di fare il meglio delle nostre possibilità. Non mi sembra scandaloso essere arrivati a giocarci il match punto a punto; purtroppo gli episodi ci hanno punito, tutto si può fare meglio, ma la squadra ci ha provato come fa quotidianamente e farà anche domani». Giuseppe Sciascia
  6. Eric Maynor si prepara a nell'estate del 2016 ho ricevere l'applauso del PalA2A in occasione del suo ritorno da ex con la maglia di Capo d'Orlando. Il playmaker statunitense, artefice delle ultime due rimonte salvezza della Varese di Attilio Caja, ha solo ricordi piacevoli delle stagioni 2014-15 e 2016-17 e tornerà volentieri nell'impianto di Masnago: «Per me sarà una bella giornata: mi mancano tutti quelli che ho conosciuto in due anni ricchi di ricordi piacevoli, e comunque per me importantissimi visto che mi hanno permesso di riuscire a tornare un giocatore di alto livello. Amo i tifosi di Varese e l'organizzazione della società, non vedo l'ora di tornare a giocare al PalA2A». Tra lei e Varese c'è stato un patto di mutuo soccorso: la società l'ha aiutata due volte a recuperare da brutti infortuni, in cambio di leadership e regia da protagonista per risalire la china in classifica. «È esattamente così: sia nell'inverno del 2015 che avuto la possibilità di recuperare da due brutti infortuni. Marco Armenise (il preparatore atletico biancorosso) è stato super nell'aiutarmi a recuperare la forma migliore, e la società in entrambi i casi ha creduto in me dandomi la chance di recuperare. E stato molto bello anche giocare con Attilio Caja, in generale ho cercato di ripagare Varese di quello che mi ha dato e insieme abbiamo fatto tante belle cose, ho ottimi ricordi di quelle due stagioni». Maynor e Caja domenica saranno avversari per la prima volta: cosa prova ad affrontare il coach che ha esaltato maggiormente il suo talento in Italia? «Sarà un grande piacere perché Attilio è uno dei migliori allenatori che abbia mai avuto. Con lui ho avuto un rapporto molto stretto e di grande rispetto reciproco; sicuramente sarà bello rivedere anche lui, anche se un po' strano. Ci conosciamo bene al punto tale di aspettarmi che lui anticiperà le mie chiamate offensive, io d'altro canto posso immaginare cosa chiederà a chi dovrà marcarmi... ». Varese nell'estate 2017 ha fatto scelte obbligate sul piano economico, non c'era alcun margine per rivederla in biancorosso? «Sono situazioni normali nell'ambito della nostra professione; al mio agente avevo chiesto di trovare situazioni diverse rispetto a quello che avrebbe potuto garantirmi Varese, che ha fatto a sua volta altre scelte secondo quelle che erano le sue disponibilità. Questa estate non c'erano le condizioni, posso solo dire che nella vostra città mi sono trovato benissimo, e chissà cosa potrà riservare il futuro... ». Per trovare squadra però ha dovuto attendere metà novembre con la proposta della Betaland... «È una situazione che mi è piaciuta subito e ringrazio Capo d'Orlando per avermi dato l'opportunità di tornare in Italia in un campionato dove mi trovo a mio agio. Sabato scorso abbiamo ottenuto una bella vittoria contro Trento; la squadra è giovane ma ha talento, ci sono tanti giocatori che hanno ottime qualità al tiro, io mi concentro principalmente nel metterli in condizione di prendere soluzioni facili sia con il pick&roll che con gli scarichi. La sensazione è che in questo gruppo potrò divertirmi molto». Cosa si aspetta in vista della partita di domenica a Varese? «In Italia vincere in trasferta è sempre difficile, e in particolare conosco bene il tipo di spinta che può dare il PalA2A con il suo entusiasmo. Non ho visto giocare Varese quest'anno, ma di una cosa sono sicuro: per vincere a Masnago dovremo giocare una partita dura e intensa, so bene come giocano le squadre di Caja e se non saremo duri e intensi, come certamente Attilio avrà preparato ad essere i padroni di casa, non riusciremo a spuntarla». Giuseppe Sciascia
  7. Domenica al PalA2A arriva l’Orlandina, società che in questa stagione, dopo il quarto posto dell’anno scorso, sta vivendo forse il punto più alto e il momento più bello della sua giovane storia. La formazione siciliana allenata da De Carlo è inserita nel tabellone della Champions League e, pur con risultati non esaltanti (una vittoria e sei sconfitte finora), sta comunque vivendo un’esperienza particolare. L’inizio di stagione, nelle primissime partite, non è stato semplice ma gli ultimi due mesi hanno visto una squadra in grande crescita complice anche l’inserimento nel roster dell’ex Varese Eric Maynor. Di questo parliamo con Peppe Sindoni, giovanissimo direttore sportivo (29 anni, premiato l’anno scorso come miglior dirigente del campionato) e artefice del “miracolo Orlandina”: «Negli ultimi mesi abbiamo fatto ampiamente ciò che dovevamo e potevamo fare. Siamo partiti con tre sconfitte consecutive, con Milano, a Bologna con la Virtus e con Pistoia, l’unica forse in cui potevamo fare di più. Però ci siamo riportati in classifica dove pensiamo di poter restare, abbiamo vinto gare importanti a Reggio Emilia e Sassari». L’esperienza della Champions League sta regalando aria nuova e positiva al club: «Come società siamo contenti e pieni di entusiasmo, stiamo vivendo questa esperienza europea con lo spirito giusto, per migliorarci a tutti i livelli. Vogliamo vedere, conoscere, ampilare gli orizzonti. Manca qualche vittoria ma siamo consapevoli che può essere una esperienza importante per noi. Siamo al primo anno, ma questo ci permette di sviluppare una mentalità importante in maniera molto più rapida che giocando una volta sola a settimana». Quindi no, a Capo d’Orlando nessuno si lamenta del doppio impegno: «Credo che l’esperienza europea sia un acceleratore di dinamiche - prosegue Sindoni - dopo tre mesi di stagione ci siamo ritrovati avanti di venti punti a Sassari, e negli anni passati non ci era mai capitato. Il doppio impegno va preso come una cosa positiva: quando ti siedi al tavolo a maggio ed intravedi la possibilità di partecipare ad una coppa, sai a cosa vai incontro. Ci stiamo confrontando a livelli mai provati prima, non possiamo lamentarci. Sai che è così fin dall’estate, nella costruzione abbiamo scelto di svecchiare la squadra e di creare un roster più profondo proprio in questa ottica. Però il doppio impegno ci permette di giocare contro il Paok Salonicco, ad esempio, siamo contenti ed onorati di farlo. Giochiamo il martedì per privilegiare anche il campionato, perché siamo una piccola squadra e dobbiamo comunque portare a casa la salvezza». Immaginerà sicuramente che qualcuno la guarderà storto a Varese dopo essersi assicurato poche settimane fa Eric Maynor, idolo a Masnago: «Sono contento che a Varese Eric sia ben ricordato, lo avevamo percepito già l’anno scorso quando lui fu uno dei protagonisti delle otto vittorie in dieci partite della squadra di Caja, e noi fummo una delle vittime. Ed eravamo in un momento eccezionale. Con l’aiuto di Eric quest’anno proveremo a vincere, ci aspettiamo una partita molto fisica e molto tattica, ci attendiamo molta aggressività proprio su Maynor. Le tre sconfitte di Varese si faranno sentire, Varese avrà una massima attenzione e lotterà su ogni possesso come vuole Caja. Noi stiamo migliorando molto ma dipendiamo ancora dalle percentuali dei nostri molti tiratori. Però pensiamo di poter vincere e di portare a casa un risultato diverso rispetto alla stagione passata». Alberto Coriele
  8. E ora che guardare indietro fa meno paura, ora che i fantasmi sono spariti, ora che i magoni sono dimenticati, ora che l’adrenalina ti ha messo le ali, l’unico limite diventa il cielo. Pazza idea di fare i playoff con lui, Attilio Caja. Anzi con loro, lui e il suo esercito spartano (fu Armata Brancaleone), protagonisti di una della metamorfosi più improbabili della storia del basket: là dove c’era la sconfitta, ora ci sono i sogni. Pazza idea di fare i playoff con Varese. Quando un obiettivo sembra conquistato (e lo è, quasi...) bisogna porsene subito un altro, ancorché difficile se non impossibile: è il sale della vita. Facciamo due conti, prima di raccontare la quinta perla che Varese costruisce ai danni della Capo d’Orlando (74-72 il finale) quarta in classifica. Cremona perde al fotofinish contro Sassari in casa, Pesaro rimane al palo a Trento: l’ultima piazza ora dista 8 punti dai 20 della Openjobmetis, con sei giornate ancora da giocare. Ragionevolmente parrebbe mancare una sola vittoria alla sicurezza. Giriamoci e guardiamo avanti, perché non è più peccato farlo: la settima e l’ottava piazza - in attesa di Reggio Emilia-Brescia di oggi - sono a quota 24, ma tra i biancorossi e la realizzazione di un autentico miracolo c’è una pletora di squadre (Cantù, Brescia, Pistoia, Brindisi e Torino) da superare. Servirebbe allungare il filotto e di molto, servirebbe fare la voce grossa negli scontri diretti (Cantù, Reggio Emilia e Torino), servirebbe un’impresa. Il solo poterla immaginare ad alta voce senza benedire la legge Basaglia che ha chiuso i manicomi in Italia, rende l’idea del percorso fatto dall’Artiglio e dai suoi insospettabili giocatori. Quattro problemi Capo d’Orlando, un problema in quattro parti. La prima: la forza intrinseca della sporca (è il caso di scriverlo) dozzina di Di Carlo. La bidimensionalità di Archie (26 punti con solo tre errori al tiro...) e l’imprevedibilità di Diener sono conferme della vigilia, le mani addosso, la garra, la “tignosità” difensiva e vocale (a portare gli arbitri dalla propria parte) sono una sorpresa. La seconda: la giornata no in attacco dei padroni di casa. Dopo la scorpacciata di Brescia (51% da tre), Varese torna a percentuali “morettiane” (22%) dall’arco e si intestardisce in area (40%), con il suo principale cannoniere Johnson francobollato da Tepic & company, un Maynor prima impreciso poi stordito dal colpo subito nei pressi dell’intervallo e un Eyenga con il motore offensivo spesso e volentieri fuori giri. La terza: i “grigi”. Quelli di giornata sono della peggior categoria possibile tra le tante contemplate dal mondo arbitrale: quella dei protagonisti a tutti i costi. I tre direttori di gara (Mazzoni, Quarta, Bettini) perdono subito il contatto con la realtà di una partita maschia, “cannano” due/tre fischi letali e favoriscono un nervosismo che si traduce in rissa, per la quale fanno le spese Cavaliero e Stojanovic, entrambi espulsi. Non contente, le grandi “A” appioppano tecnici a destra e a manca, fanno perdere il paradiso a Caja e a tre quarti del palazzetto e non riesco a trovare un’uniformità di giudizio nei fischi. Rovinando il match. La quarta: i falli dei lunghi. All’inizio del seconde tempo Pelle commette la quarta penalità, Anosike passa 20 minuti a doversi gestire con tre e Caja è costretto ad andare per molti tratti con il quintetto piccolo (Kangur e Ferrero), tirando il collo all’estone e privandosi - gioco forza - di armi decisive nel recente passato. Una soluzione di gruppo La risposta del gruppo è da campioni, ispirata da un’Artiglio “talebano” nel suo credo (Avramovic non si alza dalla panchina nemmeno stavolta, nonostante la mancanza in itinere del capitano). Come al solito, ha ragione lui. La Varese che non riesce a segnare dall’arco e che un po’ si specchia nella propria ritrovata bravura (tiri costruiti ariosamente ma con qualche fronzolo di troppo) tiene un vantaggio costante grazie a una retroguardia assatanata (11 recuperi e 5 punti concessi a Capo nei primi otto minuti dell’ultimo quarto), nella quale si segnala il sacrificio dello stopper Eyenga, soprattutto su Diener. Dall’altra parte della luna, invece, a decidere sono l’intelligenza del Johnson “spuntato”, che trova buone penetrazioni e poche forzature (15 punti e 7/7 ai liberi), la clamorosa prestazione a rimbalzo di Kangur (10 carambole da chi, un mese fa, non riusciva più a saltare la Gazzetta), l’entusiasmante cammeo di Bulleri (9 punti e un paio di canestri salvifici) e un Ferrero nato pronto da 11 punti in soli 16 minuti di permanenza sul parquet. Una menzione la merita anche Anosike (12 punti e 9 rimbalzi in 18 minuti), che nel “ciapa no” dell’ultimo quarto - e contro un bruttissimo cliente come Delas - segna cesti di lotta e di governo, importanti come una bombola d’ossigeno sull’Everest. Quindi? Quindi prima si respira e poi si sogna. Regalandosi una serata in cui cullarsi al pensiero che una squadra che vince cinque partite di fila, in cinque modi diversi (l’ultima di nervi, con la faccia brutta e cattiva) e contro cinque avversari che non le hanno regalato nulla, ora appartenga più al cielo che agli inferi. Comunque vada a finire. Fabio Gandini
  9. L'Openjobmetis supera a pieni voti anche l'esame di maturità contro Capo d'Orlando. La compagine di Attilio Caja allunga a quota 5 la sua serie positiva (record personale per il tecnico pavese sulla panchina biancorossa), fermando a quota 4 la striscia della quarta forza Betaland, e compie un passo decisivo verso la salvezza visti gli 8 punti di margine a 6 giornate dal termine nei confronti dell'ultima della classe Cremona. Vittoria tanto sofferta quanto significativa per una Varese capace di indossare la tuta blu in un match dai toni agonistici oltremodo vibranti, tra la doppia espulsione per Cavaliero e Stojanovic - mani al collo del capitano al serbo dopo uno spintone con ceffone a rimbalzo; gli arbitri hanno ricorso all'instant replay per decidere la sanzione - e mille contatti ruvidi tollerati sotto entrambi i canestri. La quinta meraviglia dell' OJM arriva in modalità sudore e lacrime in difesa, nascondendo una serata opaca dall'arco (4/18 da 3) e un complessivo 36% dal campo in una gara ruvida e sporca dopo il brillante 65% da 2 del primo affondo (35-25 al 16' prima della scaramuccia costata l'uscita anticipata del capitano). Per tre volte i biancorossi hanno provato la fuga (60-49 al 28' e ancora 69-58 al 34'), capitalizzando il predominio a rimbalzo (41-34 con 17 secondi tiri) e la capacità di creare tiri comunque equilibrati. Ma Capo d'Orlando non si è mai data per vinta, rientrando sempre in scia della squadra di Caja con un finale palpitante risolto dall'ennesima palla rubata dalla difesa di casa (11 recuperi contro 9 perse e 18 "turnovers" per la Betaland) e trasformato nel canestro della staffa da Eyenga (74-70 a meno 3"). Vittoria da squadra vera, capace di nascondere una serata non scintillante in attacco e i problemi di falli dei lunghi (4 per Pelle al 21' e Anosike al 29') con la disponibilità a sacrificarsi di tutti gli effettivi per la causa comune. Nelle pieghe del match è stato fondamentale l'apporto dei veterani Kangur e Bulleri: l'estone -schierato anche da pivot vista l'emergenza - è stato un muro invalicabile in ogni situazione difensiva, mentre il 39enne playmaker di Cecina - preferito da guardia ad un Avramovic ormai "inchiodato" alla panchina per la quinta partita in fila - ha dato punti e verve all'attacco, nascondendo lo 0/7 dal campo di Maynor. Alla fine il punto esclamativo lo ha messo ancora "Dom" Johnson con il 2+1 del 72-67 a meno 1' prodotto eseguendo alla perfezione lo schema chiamato da Caja nel time-out precedente, e tuffandosi sul pallone vagante poi trasformato in contropiede da Eyenga sull'ultimo assalto a meno 2 della Betaland. Alla fine entusiasmo alle stelle per la sinfonia intonata dalla difesa tutta cuore e intensità di Varese al termine di un match da play off per fisicità e livello emotivo di partecipazione in tribuna. La "cinquina" calata contro Capo d'Orlando esorcizza in maniera stabile e definitivo lo spettro della retrocessione: col tonfo di Milano a Pistoia, oggi è l'OJM a vantare la striscia positiva più lunga di tutta la serie A. E i 4500 spettatori in tribuna applaudono a scena aperta l'ulteriore capitolo della "resurrezione" biancorossa griffata da Attilio Caja: Varese è tornata ad amare una squadra che ha saputo ricompattarsi attorno a un'identità forte, e ora spera di vivere altre domeniche esaltanti come quella di ieri. C'è ancora margine per sognare una clamorosa rimonta playoff? Il calendario dice no viste le 4 trasferte nelle ultime 6 gare, partendo dalle due consecutive a Cantù e Reggio Emilia. Ma il derby di domenica a Desio può essere un ulteriore trampolino di lancio verso un finale di stagione intrigante. Giuseppe Sciascia
  10. Questa sera l’orchestra (perché ora non c’è termine migliore per definire la OJM Varese) diretta dal Maestro Caja decide di suonare la quinta sinfonia e la platea dimostra tutto il suo gradimento con scroscianti applausi e facendo tornare a vibrare le mura del PalaA2A. Capo si dimostra avversaria ostica e rognosa e che non a caso occupa i vertici della classifica ma Varese da una dimostrazione di forza e carattere che alla fine vale per i 2 punti in classifica. Ma veniamo alle valutazioni : Johnson 7,5 : partita diversa rispetto a quella di Montichiari dove la conclusione dalla lunga non ne vuole sapere di entrare ma in compenso continua a difendere come un leone, mette tiri ad alta percentuale, è perfetto dalla lunetta e chiude con un confortante zero palle perse. Nel momento di maggior difficoltà, nell’ultimo quarto, segna il 2+1 che decide l’incontro dimostrando la sua leadership. BIG BALLS Anosike 7 : inizialmente fatica a prendere ritmo ma poi è come sempre fondamentale e concreto anche se limitato dai falli (infatti rimane in campo solamente 18 minuti). Lotta su ogni palla e chiude con 12 punti e 9 rimbalzi. CERTEZZA Maynor 6 : partita senza particolari acuti dal punto di vista realizzativo ma sicuramente non si può dire che sia stata del tutto negativa; tanto ordine e qualche assist di pregevole fattura limitando anche questa sera le palle perse. Vorrà dire che i punti pesanti li ha conservati per quando serviranno in futuro. SGRATTT Avramovic N.E. Pelle 6 : anche lui deve subire qualche fischio oltre modo severo e per questo non riesce a dare continuità alla sua prestazione anche se sicuramente non fa male. LIMITATO Bulleri 7,5 : impatto devastante per un ragazzo dalle 39 primavere;pressione asfissiante sul portatore di palla, sempre pronto al raddoppio anche sul lungo e poi stasera segna anche 9 punti pesantissimi e per niente semplici. COCOON Rossi N.E. Cavaliero 6,5 : anche se le prime 2 conclusioni non erano andate a segno stava dimostrando una buonissima predisposizione difensiva fino a quando non ha perso la calma e si è fatto trascinare nella bagarre che ha sancito poi la sua espulsione. TARANTOLATO Kangur 7,5 : se non fosse stato per quelle conclusioni sbagliate nella ripresa da sotto canestro sarebbe stata una prestazione da MVP. Nel primo tempo schiaccia (anche se dolcemente) due punti in entrata. In attacco raccoglie la bellezza di 8 rimbalzi e resta in campo 30 minuti difendendo anche da 5 puro senza far rimpiangere mai nessuno. REDIVIVO Canavesi N.E. Ferrero 7 : partita da incorniciare visto che nei minuti che resta in campo (16 per l’esattezza) ha un solo errore dal campo (2/2 da 2 e 2/3 dalla lunga) e un errore su 2 tentativi dalla linea della carità. Sempre attento e valido difensivamente visto che spesso deve tenere un osso assai duro come Archie. CAGNACCIO Eyenga 8 : nonostante un 4/14 totale al tiro ancora una volta è la scintilla da cui divampa l’incendio marchiato OJM. Se decide che vuole difendere si piazza li e non da respiro al suo diretto avversario (Diener questa notte è probabile che se lo rivedrà chissà quante volte nei suoi sogni) e tutti i suoi compagni seguono il suo esempio. NIGHTMARE
  11. «Dopo la partita di domenica scorsa, l’asticella si alza ancora. Ancora di più». Non fa una grinza e non si tratta solo della qualità degli avversari: il percorso è sempre stato, è e sarà varesino. Contro i propri limiti più che contro l’altro da sè. Pistoia è valsa l’abbaglio di una speranza, Avellino a piazzare il colpo che scompagina le carte, Pesaro a mettere a segno un punto importante nella battaglia salvezza, Brescia a corroborare il concetto di rinascita con una partita di purissima sostanza. Cosa sarà Capo d’Orlando? Se lo chiede anche coach Attilio Caja, nella lunga vigilia che precede l’appuntamento con i siciliani di Di Carlo. Quarti in classifica: «Dopo una vittoria importantissima come quella contro la Leonessa - esordisce il coach in conferenza stampa - ci aspetta un impegno davvero tosto. Capo è 4° in classifica e lo è dopo 23 partite: non c’è nulla di casuale nella posizione che occupa. È una squadra di qualità e sta facendo davvero bene». La disamina degli avversari è lunga e articolata: «Si parta da un grande giocatore come Drake Diener, che a Capo d’Orlando - come, del resto, ovunque abbia giocato - si è dimostrato capace di innalzare il livello dei compagni. Vicino a lui c’è una seconda punta come Dominique Archie, altra costante di una formazione che ha cambiato volto. Archie è molto versatile, ha una doppia dimensione: interna, perchè può far male in avvicinamento a canestro, ed esterna, con un tiro da fuori che dovremo obbligatoriamente tenere d’occhio. Accanto a loro c’è un gruppo di giocatori emergenti e molto interessanti». Quali? «In primis Ivanovic, il sostituto di Fitipaldo, che sta dimostrando di avere grandi qualità offensive e fiuto per il canestro: è un realizzatore e sa tirare anche da molto lontano. Poi c’è Tepic, che non è un terminale d’attacco vero e proprio ma è molto bravo a coinvolgere i compagni. Non dimentico nemmeno atleti come Laquintana, Delas, Stojanovic e Iannuzzi, tutte pedine che sono state in grado di crescere molto nell’arco della stagione». Su Iannuzzi, l’Artiglio spende qualche parola di più: «Lo allenai 5 anni fa nella nazionale sperimentale e mi stupì del fatto che non avesse ancora avuto la possibilità di giocare in serie A. Proprio 2 anni fa, quando ero qui a Varese, parlai di lui con Max Ferraiuolo: “Vai a vederlo ad Omegna - gli dissi - perchè è molto interessante e ne vale la pena». Il coach non lo dice, ma se pochi mesi dopo fosse stato confermato sulla panchina biancorossa, l’ala classe 1991 (208 cm) avrebbe potuto essere uno degli obiettivi di mercato. Tornando al qui e ora, la somma fa un avversario difficile, «da affrontare con una grande attenzione difensiva, rimanendo sempre concentrati su tutte le loro molte opzioni. Dall'altra parte del campo, invece, dovremo essere pronti ad attaccare le diverse difese che ci troveremo davanti». Fabio Gandini
×
×
  • Create New...