Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'varese-cremona'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Solo Basket
    • Varese e il campionato di Basket
    • Il basket dalla B in giù...passando dalle giovanili
    • Archivio articoli
  • Gruppo Vfb.it
    • Divertiti col gruppo di Vfb.it
    • FantaVFB
    • Il gioco dei pronostici

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 23 results

  1. Assurda, pazzesca, tremenda, favolosa, irreale: scegliete voi l’aggettivo per definire la vittoria della Openjobmetis – la seconda consecutiva, in appena 4 giorni – ai danni della Vanoli Cremona. 110-105 il finale che contiene in sé tanti dei termini di cui sopra: un punteggio per raggiungere il quale sono serviti due tempi supplementari e una infinità di colpi di scena dall’una e dall’altra parte. Alla fine la spunta Varese, tornata così nel giro di un amen in piena lotta-salvezza dopo che la sconfitta di Cantù aveva allontanato la squadra di Bulleri dal gruppo delle altre pericolanti. N
  2. Seconda vittoria in fila per Varese a distanza di 3 giorni dall’ultima gara disputata in quel di Masnago in una partita che definire emozionante ed altalenante è riduttivo. A pochi secondi dalla fine Cremona conduceva di 2 ma Varese pur sbagliando la prima conclusione grazie ad un tap in di uno Strautins fino a quel momento evanescente riesce ad agguantare i supplementari. Non bastano i primi 5 minuti che finiscono ancora in parità, servono uno Scola e un Beane in formato NBA per far gioire i biancorossi che agganciano Cantù a pari punti in fondo alla classifica. Ma veniamo alle valutazioni de
  3. Quella andata in scena questa sera a Masnago potrebbe essere la partita della svolta per il proseguo del campionato di Varese e l’approccio prima e la conduzione poi rasentano la perfezione per i ragazzi di coach Caja che conducono in porto la nave arricchita di 2 punti nella stiva tanto importanti quanto convincenti anche se ora si prospetta un calendario tutt’altro che semplice ed il rammarico per la sconfitta contro Avellino diventa ancora più bruciante. Ma veniamo alle valutazioni: Archie 7,5 : partita praticamente perfetta salvo poi perdere la trebisonda commettendo 5 falli in un ame
  4. L'Openjobmetis spiana l'ostacolo Cremona e riparte di slancio verso il traguardo playoff. La compagine di Attilio Caja allunga la serie positiva all'Enerxenia Arena contro la Vanoli (vittoria numero 10 su altrettanti confronti) e si prende una sonora rivincita della sconfitta del mese scorso alle Final Eight di Coppa Italia. La Varese più bella dell'anno per il mix di lucidità offensiva e intensità in retroguardia con il quale ferma a quota 6 la striscia vincente della terza forza di Meo Sacchetti e intasca un prezioso 2-0 negli scontri diretti con i biancazzurri (dal canto proprio penalizzati
  5. L'Openjobmetis non porta l'abito di gala nella grande festa della Coppa Italia. Per la quarta volta su cinque partecipazioni dalla versione Final Eight in vigore dal 2000/01 l'avventura di Varese dura soltanto 40 minuti. Cede il passo ad una Vanoli più concentrata e reattiva nell'arco di 40 minuti contrassegnati da due fattori decisivi nel frustrare le velleità dei biancorossi. Il primo è il gelido 6/26 da 3, seconda peggior prestazione stagionale dall'arco appena 4 giorni dopo il record stagionale di Trieste a quota 18/34: brava Cremona a togliere fluidità alla circolazione di palla di Ferrer
  6. L'Openjobmetis impone la legge del PalA2A nello spareggio contro Cremona e scrive la pagina più bella della storia recente. L'ottava meraviglia contro la Vanoli garantisce alla truppa di Attilio Caja la certezza aritmetica della qualificazione ai playoff: 5 anni dopo gli "Indimenticabili" di Frank Vitucci, la società di piazza Monte Grappa torna tra le protagoniste della corsa allo Scudetto, coronando un girone di ritorno stellare con un'altra perla all'insegna della coralità. Prestazione di alto livello sul piano tecnico ed agonistico per i biancorossi, che giocano la solita partita arre
  7. Partita che sancisce l’aritmetica qualificazione ai playoff dopo 5 anni per Varese che si mette in testa sin dal primo quarto e poi non si gira più indietro a guardare chi la insegue anche se la Vanoli si gioca tutte le sue carte fino in fondo regalando ai 5000 di Masnago uno spettacolo davvero avvincente e divertente. Questa sera per i biancorossi sono diversi i protagonisti ma tutti gli effettivi meritano la standing ovation per il risultato ottenuto con una giornata di anticipo sulla conclusione della stagione regolare. Ma veniamo alle valutazioni : Avramovic 8 : parte a razzo come or
  8. Dopo 5 anni di attesa, l’Openjobmetis conquista i playoff con una meritata vittoria: la squadra è riuscita ad interpretare con la giusta intensità ogni situazione, spinta dai tifosi del PALA2A. Ottima partita per Avramovic, autore di una prestazione da 17 punti, 3 assist e 3 rimbalzi, che gli è valsa il titolo di MPV. Non passano in secondo piano i 22 punti dell’americano Okoye e i 16 dell’estone Vene. I 21 assist di Varese rappresentano la forte coesione e il profondo legame tra i giocatori e a nulla sono serviti i 23 punti di Johnson-Odom, che ha cercato di motivare i suoi fino alla fin
  9. La Pallacanestro Varese continua a soffrire di "mal di canestro". La pausa per la Nazionale non ha guarito la truppa di Attilio Caja dalle sue attuali difficoltà balistiche: l'amichevole ufficiale contro la Vanoli Cremona ribadisce la crisi dell'attacco biancorosso quando si tratta di finalizzare la manovra a metà campo. Varese ci mette volontà e intensità, pur con qualche sbavatura di troppo (18 perse); ma se le esecuzioni complessivamente lucide non producono punti sul tabellone per via del gelido 5/23 totale dall'arco, gli sforzi corali vengono vanificati dal ripetuto "clang" del ferro.
  10. La Pallacanestro Varese riprende confidenza con l'agonismo sfidando la Vanoli Cremona. Match ufficiale oggi a Gallarate (palla a due alle 18,30 in via Sottocosta, ingresso gratuito) tra la compagine di Attilio Caja e la truppa del et. della Nazionale Meo Sacchetti reduce dall'eccellente abbrivio della sua nuova avventura in azzurro. Si tratta del retour-match dell'amichevole svolta ad inizio settembre che inaugurò ufficialmente la stagione casalinga della formazione cremonese; la sfida di campionato è ancora lontana (il calendario la prevede alla quattordicesima giornata, l'andata si giocherà
  11. Ultima uscita ufficiale per quanto riguarda la stagione 2016/17 che viene onorata con una partita buona per 38 minuti e che viene rimessa in discussione da un sussulto dei Cremona, che cerca di restare aggrappata alla massima serie fino all’ultimo ma che alla fine deve arrendersi ad una Varese parsa superiore in tutto e per tutto retrocedendo in A2 dopo il sorprendente quarto posto dell’annata scorsa. Ma veniamo alle valutazioni : Johnson 7 : forse è la guardia più forte e completa che ha vestito la casacca biancorossa negli ultimi anni e sicuramente le sirene di club più facoltosi e con
  12. Coi Resuscitabili non ci si annoia mai. Con i Resuscitabili ci si diverte. Con i Resuscitabili ci si incazza, ma sapendo che il perdono arriverà presto. Con i Resuscitabili ci si commuove, davanti al calore di un addio e ai campioni veri che salutano il basket. Con i Resuscitabili ci si mangia anche le mani, infine, pensando a quello che avrebbe potuto essere e invece non sarà. Nell’analisi di Varese-Cremona, l’ultima di Masnago, partiamo proprio da qui: stai a vedere che alla fine dei giochi la Openjobmetis resterà fuori dai playoff per la classifica avulsa... Con il successo contro
  13. L'Openjobmetis saluta con una vittoria il pubblico del PalA2A e condanna Cremona alla retrocessione in serie A2. La compagine di Attilo Caja si congeda con un bell'acuto finale dai tifosi biancorossi, onorando il terzo dato di presenze della stagione 2016-17 con una prova gagliarda per 37 minuti nonostante le motivazioni di classifica ormai azzerate. Di sicuro Varese rispetta l'equità competitiva del campionato molto più della capolista Milano, che dopo aver indirizzato il rush finale playoff "regalando" punti a Pistoia e Brindisi, fa pendere la bilancia della volata salvezza in favore di Pesa
  14. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]L'uomo che sussurrava ai purosangue. Immaginatevi Attilio Caja con cappellone da cowboy che domenica scorsa, alla fine di un primo tempo inconcludente (0/4 al tiro), prende da parte Andy Rautins (foto Blitz). Prima gli allunga un paio di amorevoli carezze, poi gli sussurra un paio di parole all'orecchio ed il canadese, rincuorato, al rientro sul parquet sfodera un terzo quarto da fuochi d'artificio: 12 punti con le 4 triple siderali che fanno saltare il banco e la difesa, fin lì ferrea, di Cremona.[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][si
  15. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]Attilio Caja (foto Blitz in alto) punta sulla continuità e sulla qualità del lavoro in palestra per proseguire nel percorso di crescita ormai in fase di sviluppo da oltre tre settimane. Il coach pavese fa affidamento su una condizione fisica in crescita costante (fatto salvo il problema muscolare che mette a rischio la presenza di Diawara) e su automatismi più rodati dopo un'altra settimana di allenamenti per provare a battere Cremona nella prima di due gare casalinghe consecutive per i biancorossi: «Abbiamo proseguito il lavoro per migliorare le nostre
  16. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] Varese vince, ma i playoff si allontanano. Sempre più difficile la rimonta della Cimberio alla luce delle imprese “fuori pronostico” di Pistoia e Caserta sui campi di Roma e Sassari. A 80 minuti dalla conclusione della stagione regolare, la squadra di Bizzozi non ha più margini di errore: per sperare ancora nell’ottavo posto dovrà battere Siena ed Acea, rispettivamente seconda forza del campionato ed una delle “sei sorelle” di vertice che all’andata aprì ufficialmente la crisi biancorossa portando al cambio Hassell-Johnson. E arrivare a quota 30 punti
  17. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] Come passare la notte sui libri per rimediare: chiamali, se vuoi, esami di riparazione. Ci sembra un po' questa l'immagine del momento per una Cimberio, ancora in gioco per la promozione ai play off nonostante le molte scene mute di campionato, la più clamorosa e imbarazzante in una materia facile facile come lo era la dimessa Montegranaro che, passando impietosamente a Masnago, sprofondò l'umore dei tifosi nel sottosuolo della delusione, persino al limite di uno sconsolato disfattismo. Poi, però, auspice anche un calendario non terrificante, la squadr
  18. [color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] Vincere per sognare ancora i playoff. La Cimberio non ha alternative al segno 1 nel derby lombardo di stasera al PalaWhirlpool (palla a due alle ore 18.15) contro la Vanoli Cremona. La truppa di Stefano Bizzozi insegue un successo basilare nella sua rincorsa all'ottavo posto, riaperta grazie al colpaccio sul campo della Virtus Bologna. [/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3] La quarta vittoria nelle ultime 5 gare di una squadra che nell'ultimo mese sembra aver trovato coralità, equilibri e gerarchie; ma soprattutto quell'identi
  19. [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]La squadra corre, salta, segna, schiaccia, e alla fine vince. Coinvolgendo i tifosi, che si godono lo spettacolo beandosi dell’energia degli interpreti del "Cimberio style": in campo ci si diverte e lo stato d’animo si trasmette anche in tribuna, che con il suo entusiasmo ed il suo calore carica a mille i giocatori. Un circolo virtuoso che rende a mille in classifica, non soltanto in termini di punti in cassaforte ma anche in quella delle presenze a Masnago: 4520 spettatori per oltre 65mila euro di incasso per una s
  20. [color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]VARESE - (G.S.) Capodanno sul tetto del basket italiano per la Cimberio, che supera in scioltezza anche Cremona e mantiene la leadership solitaria della classifica. La legge del PalaWhirlpool vale anche nei confronti della Vanoli, che pur giocando una partita orgogliosa senza rassegnarsi mai alla supremazia della capolista deve inseguire sin dall’avvio (14-2 al 3’ e 34-18 al 13’) in una partita "marchiata" dall’abituale concentrazione messa in campo dai padroni di casa. Fuochi d’artificio anticipati di 24 ore per i
  21. [color=#000000][font=Verdana][size=1] [font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Masnago come il Salone delle Feste. Che s'addice al periodo, di vero furore per gli amati padroni di casa e il loro appassionato seguito, carico di pazza gioia. Questione di ore per un bel brindisi a un anno nuovo e vita vecchia (quella degli ultimi mesi), ci sembra questo l'augurio migliore da porgere a tutta la Cimberio, dal presidente in poi, sino ai più oscuri lavoratori perché, se così accadesse, sulla scia di una marcia quasi trionfale, la squadra di Vitucci (foto Blitz), in giugno, si giocherebbe qualche co
  22. [color=#000000][font=Verdana][size=1] [font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]La Cimberio vuole chiudere col botto nel congedo casalingo dell'anno solare ormai agli sgoccioli: stasera a Masnago (palla a due alle ore 18,15) sarà ospite la pericolante Vanoli Cremona. Dopo il bel regalo natalizio confezionato ai tifosi biancorossi con il “sacco del Forum” la truppa di Vitucci (Banks nella foto Blitz in alto) è attesa da un altro derby lombardo, anche se l'appeal - per tradizione e spessore dell'avversaria di turno - è ovviamente ben diverso rispetto al big-match di domenica scorsa a Milano. Ma
  23. [color=#000000][font=Verdana][size=1] [font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Nessun volo pindarico dopo il derby di Milano, tenendo ben chiare le priorità immediate legate alla sfida con Cremona e all'orizzonte temporale fissato al termine del girone d'andata. [/size][/font][/size][/font][/color][color=#000000][font=Verdana][size=1] [size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Idee chiare per Frank Vitucci, che non si lascia tentare dalla grande vetrina creatasi attorno alla Cimberio all'indomani del raid di Assago («Scudetto? Non ci penso e non mi interessa se gli altri ne parlano, per me
×
×
  • Create New...