Jump to content

Braccia aperte a Martinoni


Lucaweb

Recommended Posts

di Giuseppe Sciascia

Porte spalancate in via Sanvito e braccia tese da parte di Stefano Pillastrini e Cecco Vescovi per abbracciare il "figliuolo prodigo" Niccolò Martinoni di ritorno nella sua Varese?

E’ ancora presto per festeggiare il lieto fine di questa "mini-novela" estiva, ma rispetto alle sensazioni fortemente negative delle settimane scorse, con l'ala del 1989 pronta ad obbedire all'ordine di richiamo dalla "casa-madre" Treviso (che ne amministra i diritti contrattuali fino al giugno 2012), ora la società biancorossa sembra avere buone speranze di portare a quota sei l'elenco dei confermati rispetto alla squadra che ha conquistato la promozione in serie A1, contando sulle certezze contrattuali di Passera e Cotani e sui rinnovi da definire in tempi rapidi con Galanda e Childress.

Sul fronte Martinoni, Cecco Vescovi non vuole sbilanciarsi troppo ribadendo comunque la volontà di dirigenza e staff tecnico di dare fiducia al giocatore: «Attendiamo notizie sicure da Treviso, tenendo conto che la decisione più sensata per la crescita del ragazzo sarebbe quella di farlo restare a Varese dove troverebbe un allenatore e una società che nutrono grande stima nei suoi confronti, disposti a garantirgli spazi e minuti che non potrebbe avere a disposizione nelle file della Benetton», afferma il g.m. biancorosso.

Dal Veneto filtrano ancora incertezze circa le scelte finali della dirigenza e del coach Frank Vitucci sulla composizione finale del roster biancoverde («I giovani da inserire in organico verranno decisi dopo gli arrivi dei tasselli mancanti da reperire sul mercato», aveva affermato il g.m. Enzo Lefevre), ma l'ingaggio dell'ala bosniaca Hukic (un "3" che può giostrare anche da "4") riduce ancor di più gli spazi di Martinoni, che dopo le conferme di Nicevic, Wallace e Renzi e il probabile arrivo di un altro "interno" (si parla della 19enne stellina lituana Motiejunas) potrebbe diventare addirittura il quinto lungo, con spazi pressochè infinitesimi a disposizione. E lo stesso agente dell'atleta avrebbe ottenuto garanzie dal tecnico della Benetton di ottenere il "via libera" al rinnovo del prestito di Martinoni qualora non ci fossero concrete possibilità di ritagliargli dei minuti.

Sul giocatore del 1989 avrebbero preso informazioni anche altre formazioni (sicuramente Biella, oltre ad un altro paio di club di LegAdue), ma la società biancorossa confida nella volontà del giocatore di rimanere nella sua città natale per provare a "rompere il ghiaccio" in A1 dopo l'esordio professionistico dello scorso anno (7,7 punti e 3,0 rimbalzi in 16 minuti medi) che è valso al varesino l'attenzione costante del Settore Squadre Nazionali: «Le chances di confermare Niccolò sono sicuramente in aumento - conferma Max Ferraiuolo - Anche noi abbiamo sentito dell'interessamento di altre società, ma di certo nella testa del giocatore, se Treviso dovesse optare per prestarlo nuovamente, c'è la volontà di tornare a Varese, così come da parte nostra la certezza che lo accoglieremmo a braccia aperte».

Sull'agenda di Cecco Vescovi la prossima sarà dunque una settimana ricca di appuntamenti: oltre alla trattativa-Martinoni con Treviso, ci sarà da approfondire i discorsi relativi ai rinnovi contrattuali di Childress e Galanda, affrontando concretamente i dettagli economici con i rispettivi agenti che comunque sembrano relativamente certi della "preferenza assoluta" accordata dai due veterani alla prospettiva di rimanere in maglia biancorossa.

«Con Randy e Giacomo siamo rimasti stabilmente in contatto e nei prossimi giorni entreremo concretamente sul discorso del rinnovo - conferma Vescovi - E' chiaro che la nostra offerta sarebbe certamente inferiore al passato e dunque se dovessero arrivare proposte diverse è possibile che decidano di lasciare Varese, ma sono fiducioso nell'esito positivo della trattativa perché entrambi conoscono bene il nostro ambiente e sanno che tipo di garanzie potremo offrirgli».

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...