Jump to content

Attrazione fatale, la Cimberio piace


Lucaweb

Recommended Posts

Risale la china anche nella classifica degli spettatori una Cimberio che, nella versione dell’ultimo mese, non soltanto vince ma pure convince il pubblico di Masnago. Eloquente l’impennata delle presenze sulle tribune del PalaWhirlpool: se nelle otto gare dell’andata la media registrata era a quota 3313 - pur con un incasso superiore di quasi 7mila euro a partita rispetto al dato del 2009/2010 vista la nota politica di riduzione degli omaggi – le quattro partite disputate nel girone di ritorno hanno fatto segnare una media di 3680 spettatori con un incremento superiore al 10 per cento.

E mentre la squadra prepara il match di domenica contro Caserta auspicando di mantenere il trend positivo delle ultime settimane (ieri “riattivato” Goss, oggi dovrebbe tornare in palestra anche Alex Righetti) Michele Lo Nero sottolinea il lavoro “capillare” svolto dalla società per avvicinare nuovi tifosi: «Sicuramente le vittorie ci hanno aiutato a portare più gente a Masnago: la gente si diverte e torna volentieri, ma bisogna dare atto all’ottimo lavoro svolto da Raffaella Demattè e Davide Minazzi nell’ambito del progetto “Basket come scuola di vita” e da Bruno Bianchi col settore giovanile: giusto riconoscere meriti a persone che si stanno dando da fare con impegno ed entusiasmo. Poi certamente le iniziative sono state utili a farci conoscere: con Marco Zamberletti abbiamo concordato di procedere in questa direzione per stare vicini alla gente, lo dimostra anche la scelta della nuova sede in piazza Montegrappa per stare il più possibile nel cuore della città».

E per i tifosi biancorossi sono ancora allo studio diverse novità, a partire dalla “festa del basket” da collocare attorno alla metà di giugno che sarà svolta nell’area del palasport di Masnago in collaborazione con il nuovo marchio Carlsberg: tre giorni di “happening” con campi all’aperto e iniziative promozionali di vario tipo durante i quali dovrebbe essere lanciata la campagna-abbonamenti “anticipata” con sconti vari per chi sceglierà di sottoscrivere la tessera senza conoscere l’organico della stagione futura.

«La campagna abbonamenti è ancora allo studio, entro fine aprile vogliamo arrivare ad avere un progetto chiaro: sicuramente ci piacerebbe lanciarla durante la festa del basket, iniziativa promozionale che stiamo studiando per aprirci ulteriormente ai giovani ed alle famiglie e far avvicinare alla Pallacanestro Varese anche chi non segue abitualmente. Stiamo parlando con il Rugby Varese per una collaborazione senza sovrapporci con il loro evento, l’idea è di vivere un weekend di festa nell’area di Masnago…».

Intanto ieri è stato ufficializzato l’accordo con Handicap Sport per il rilancio del basket in carrozzina che per i prossimi 3 anni porterà il nome della Pallacanestro Varese ("Ci teniamo molto all’aspetto sociale legato a questo accordo, lo sport non è soltanto agonismo" ci tiene a sottolineare Lo Nero); un’altra iniziativa approvata dalla recente assemblea dei consorziati, con l’auspicio di compiere il grande regalo dell’accesso ai playoff a pubblico e soci.

E spostando più avanti l’orizzonte temporale l’obiettivo nel medio periodo è quello di riportare Varese in Europa, anche se potrebbe esserci una “scorciatoia” già per l’anno prossimo (pur in una coppa “minore” come l’Eurochallenge, la terza dietro EuroLeague ed Eurocup) piazzandosi al sesto o settimo posto finale: «La prima vittoria del consorzio è quella di chiudere col bilancio in pareggio rispettando tutti gli impegni presi come promesso al momento della sua costituzione; la seconda sarebbe quella di ottenere un grande risultato sportivo con l’accesso ai playoff. Il ritorno in Europa? È un traguardo cui un club come Varese deve ambire, anche alla luce della storia passata che attraverso le competizioni internazionali ha fatto conoscere la città per tutto il Vecchio Continente. Non vogliamo bruciare le tappe preferendo tenere i piedi per terra, ma se quest’anno l’obiettivo era quello di consolidare il consorzio, in futuro sarà un traguardo che a medio-lungo termine dovremo tentare di raggiungere: continueremo a lavorare duro anche per questo».

Giuseppe Sciascia

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...