Jump to content

«Squadra figlia della società». Vescovi "spiega" così la Cimberio


Lucaweb

Recommended Posts

Clima di attesa ma senza "ansie da prestazione" per la Cimberio che lavora di buona lena in palestra preparando la sfida di giovedì contro Montegranaro: il presidente biancorosso Cecco Vescovi "legge" il giusto piglio negli occhi della squadra in vista di una partita da affrontare con la giusta concentrazione. Se le due precedenti pause per Final Eight ed All Star Game hanno generato sempre effetti positivi sullo stato psicofisico della squadra, ora c’è l’auspicio che lo stop dello scorso weekend sia servito per “fare il tagliando” in vista dei playoff: «Stiamo lavorando nel modo giusto per arrivare ad un appuntamento importante: i 10 giorni di pausa sono stati l’occasione di riassorbire qualche problema fisico, ora siamo in piena efficienza. Ci attendono due partite importanti in tre giorni, l’auspicio è che come in occasione delle due pause precedenti la squadra possa avere un impulso positivo e agguanti definitivamente i playoff. I giocatori sono consapevoli anche più dell’ambiente dell’occasione importante che si presenta giovedì, dunque si prepareranno al meglio per sfruttare questa chance scendendo in campo con la giusta determinazione».

L’obiettivo playoff alle porte è chiaramente un grande stimolo per tutto l’ambiente varesino, ma il presidente della Cimberio guarda oltre focalizzando l’attenzione sui passi avanti compiuti sotto molti profili nel corso della stagione: «La svolta fondamentale è arrivata a livello societario, poi sicuramente il risultato sportivo è stato soddisfacente e se riuscissimo ad arrivare ai playoff sarebbe ancora più brillante.

Se lo scorso anno nell’ultima partita in casa ci giocavamo la salvezza ora abbiamo l’opportunità di riportare Varese tra le prime otto: un passo avanti comunque significativo che sarebbe la ciliegina sulla torta di un’annata comunque positiva. Adesso ci siamo fatti la bocca buona guardando la classifica, ma l’aspetto davvero importante è stato quello di aver sistemato e dato stabilità alla società; quanto accaduto sul campo è la conseguenza diretta di questa condizione…».

Nelle idee di Vescovi il traguardo playoff rappresenta dunque il coronamento di un percorso e non un obiettivo determinante per dare un giudizio su una stagione che, comunque si concluda sul campo, ha permesso di mettere le basi per un possibile "circolo virtuoso" sia sotto il profilo dell’azione societaria che per quanto concerne la possibilità di ripartire da una solida ossatura tra allenatore e giocatori per costruire una Cimberio "da playoff" sin dall’inizio della prosisma stagione: «Tra società e squadra si è creato un rapporto assai proficuo: noi abbiamo messo le condizioni affinchè il gruppo potesse lavorare nel migliore dei modi e i risultati del campo hanno dato visibilità al nostro progetto. Abbiamo inaugurato una strada che seguiranno in tanti e siamo diventati un modello per altre realtà come dimostra l’esempio di Caserta; ora vogliamo proseguire programmando ulteriori passi avanti, per questo sarebbe delittuoso fermarsi nella crescita del consorzio, così come sarebbe delittuoso per la squadra fermarsi sulla soglia dei playoff. Ma grazie alle basi solide che abbiamo posto dall’estate scorsa la gestione sportiva può avvenire con più efficacia; non dico che d’ora in poi la strada sarà in discesa, ma abbiamo dato una traccia delineata sulla quale proseguire per puntare in alto».

Giuseppe Sciascia

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...