Jump to content

«Coppa Italia? So come si vince»


pxg14
 Share

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Veloce sul campo, addirittura imprendibile fuori. Iwan Bisson, prototipo dell'ala moderna, vero antesignano del ruolo di “4 tattico”, era presente quel pomeriggio del 1973, quando l'Ignis delle meraviglie completava nel miglior modo possibile una memorabile stagione. Quella in cui vinse tutto ciò che era stato messo in palio: scudetto, Coppa dei Campioni e, appunto, Coppa Italia. L'ultima della pluridecorata storia del club.[/size][/size][/font][/color]

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]«Dico la verità: quel pomeriggio, a Brescia, io e miei compagni avevamo solo voglia di chiudere una stagione semplicemente fantastica con un “triplete” che aveva definitivamente consacrato l'Ignis come una delle migliori squadre di tutti i tempi. Però, proprio per tali ragioni, l'annata era stata stressante e tanto per cambiare molto faticosa, con la consueta coda dello spareggio contro il Simmenthal Milano che vincemmo 74-70. Così, arrivati in grande forma all'appuntamento bresciano, ci sbarazzammo facilmente del Saclà Asti (94-65) per andare sparati a goderci qualche giorno di vacanza. Pochi, in realtà, perché subito dopo la fine del campionato arrivavano le convocazioni per la Nazionale e, via, si ricominciava un'altra volta a sudare».[/size]
[size=3]Lei, raccontano, quell'«andare sparati» lo prese fin troppo sul serio.[/size]
[size=3]«Scommetto - chiede con un sorriso Iwan - che il “delatore” è Massimo Lucarelli, vero? In effetti, appena entrati in autostrada per fare ritorno a Varese venni superato da una Ferrari ed io, che in quel periodo avevo il piede pesante sull'acceleratore, alla guida della mia Porsche ingaggiai un duello rusticano sul filo dei 230 all'ora col ferrarista che, ovviamente, non voleva saperne di farsi da parte. Arrivati in un attimo alle porte di Milano, tra un folle sorpasso e l'altro, le nostre strade di separarono, mentre al mio fianco stava Bob Morse, che in seguito mi accorsi essere paralizzato dalla paura. Sui sedili posteriori stava “Lucky” che, invece, divertendosi come un matto mi prendeva in giro perché, a suo dire, avevo perso la corsa».[/size]
[size=3]Torniamo al basket giocato e alla Coppa Italia edizione 2013: quali le sue previsioni per la Cimberio?[/size]
[size=3]«Varese arriva al match di domani al Forum di Assago dopo la sconfitta di Siena ma, ne sono convinto, dallo stop subìto con i toscani saprà trarre importanti motivazioni e il giusto atteggiamento mentale per affrontare una Milano che, dopo essere stata la squadra più deludente della stagione, grazie ai cambi effettuati in corsa inizia a mostrare qualcosa di buono. Ciò detto, il mio tifo sarà tutto per Varese e non solo per motivi sentimentali. Mi piace che una squadra come la Cimberio si ritrovi a sfidare ad armi pari la ricchissima EA7 nonostante un budget infinitamente ridotto rispetto a quello meneghino. Quello lanciato da Varese è un segnale chiaro per tutto l'ambiente e anche un messaggio di speranza: lavorando bene, con intelligenza, si può riempire il gap economico e giocarsela a viso aperto contro chiunque. In tal senso è giusto attribuire grandi meriti allo staff tecnico varesino, ma soprattutto alla squadra dirigenziale: Vescovi e Lo Nero in testa».[/size]
[size=3]Tecnica e tattica: quali i duelli chiave del derby?[/size]
[size=3]«Il risultato sarà determinato dallo scontro a "centrocampo" tra i due Green e sotto canestro tra Bourissis e Dunston. Insomma, come da tradizione, tra Milano e Varese vincerà chi farà meglio sull'asse play-pivot e se la Cimberio riuscirà a superare l'ostacolo, anche psicologico, arriverà fino in fondo».[/size]
[size=3]A questo punto, completi per noi il tabellone dei pronostici per i quarti di finale.[/size]
[size=3]«Cantù-Roma: Cantù, con Mancinelli già in forma, è favorita. Siena-Reggio Emilia: Mps senza dubbio. Sassari-Brindisi: il quarto più spettacolare con un pronostico che, in una gara secca, è da tripla. Ma il mio cuore dice Meo Sacchetti: uomo serio e grande allenatore».[/size]
[size=3]Massimo Turconi[/size][/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...