Jump to content

«Fretta e critiche fanno male a Varese. Volete sostenerla?»


pxg14
 Share

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]Vent’anni fa Marino Zanatta era general manager della Pallacanestro Varese. Gestì l’era DiVarese, l’era Ranger e i rispettivi “dopo”: squadre che implosero dopo aver fatto sognare. «Ma i paragoni sono impossibili, per tanti motivi - dice - A cominciare dal fatto che DiVarese e Ranger costituirono momenti diversi del medesimo ciclo: c’era il vincolo sui cartellini dei giocatori. Oggi vanno e vengono come gli pare, anche a campionato in corso: la Cimberio di Vitucci non poteva che durare una sola stagione».[/size][/font][/color]

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3][b]Un esempio?[/b]
Pittman, giocatore straordinario e amatissimo da tutti. Se non si fosse infortunato gravemente non l’avremmo mai tagliato: quando si fece male anticipammo l’arrivo di Maury, che già stavamo seguendo in prospettiva. Fu una decisione d’emergenza, non di mercato: tanto più che gli americani da regolamento erano solo due.
[b]Quindi?[/b]
È assurdo fare confronti con l’anno passato, quando a basso costo si allestì un dream team che andò oltre ogni aspettativa: ovvio che la nuova squadra fosse meno forte. In Italia solo pochi club ricchi possono prima scegliere e poi tenere quelli bravi[/size][/font][/color]

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3][b]Lei è deluso o fiducioso?[/b]
Ho fiducia e pazienza, vorrei che fosse così per tutti i tifosi. Cambiando tre-quattro pedine chiave non si può pretendere di trovare subito la chimica giusta. Gli Indimenticabili furono una splendida eccezione: di norma ci vuole tempo, diamolo a questa squadra e a questo coach per costruire un’identità che al momento non c’è. Lecito sperare che il cammino fosse più facile, ma non è il caso di indignarsi per i trentelli: sono episodi, per quanto sgradevoli.
[b]Qualcuno critica Vescovi.[/b]
Questo è comico: ma la gente, si sa, ha la memoria cortissima. Ricordo che la stagione dopo la stella, quando andò male l’Eurolega, non il torneo di Buguggiate, parte del pubblico prese a insultare Bulgheroni. Fai sacrifici per dieci
anni, vinci lo scudetto e basta così poco perché vogliano farti fuori? Bisognava dirgli solo grazie, come a Cecco adesso.
Frates non è mai stato amato del tutto. E ora qualcuno lo addita...
L’allenatore vede i giocatori tutti i giorni, sa come stanno e cosa possono dare. Chi guarda da fuori non ha tutti questi elementi: su che basi fischia? Frates è capace, intelligente, esperto: può stare simpatico o no, ma questo non conta. Diamogli la possibilità di esprimersi con il gruppo al completo e sano, poi sarà il momento di giudicare i risultati. Nessuno di noi conosce il valore della squadra, perché non è mai stata integra e non ha ancora un gioco collaudato.
[b]Eurolega ed Eurocup: occasioni perse o palcoscenici troppo grandi?[/b]
Io le coppe le farei sempre: danno visibilità, sono affascinanti e istruttive, fanno crescere tanto. Però il basket continentale è diverso, per reggerlo devi avere esperienza ed essere a posto fisicamente. Perché viaggi tanto e ti alleni poco, quindi ti stanchi di più, nel corpo e nella testa. Era giusto provarci.
[b]Clark serve o no?[/b]
È un giocatore atipico. Non è un play classico, né una guardia tiratrice: però sa portare palla e ha momenti da ottimo tiratore. Di sicuro non ha l’inventiva dei creativi: quando ha la palla comincia un gioco, ma non detta giocate. Fatte le debite proporzioni, la soluzione potrebbe essere gestire lui e De Nicolao come fece Banchi a Siena con Hackett e Brown, anche se non c’è la stessa esplosività. Nella famosa identità del gruppo da costruire è compreso pure l’utilizzo giusto di Clark.
[b]Hassell ha futuro?[/b]
Che sia meno forte di Dunston è evidente ed era prevedibile. Però in difesa soffre, e in attacco i compagni non lo cercano spessissimo. Siccome non si sa quanto sia colpa sua e quanto no, bisogna lavorarci, crederci. E lui deve migliorare, soprattutto in difesa e a rimbalzo.
[b]I rimbalzi, mistero doloroso. [/b]
Sono un mix di coraggio e umiltà. In attacco devi buttarti e volerli. In difesa senza tagliafuori non li prendi mai: il tagliafuori è un fatto mentale, di abitudine cristallizzata in allenamento. Anche qui, meccanismi difensivi stabili genereranno statistiche migliori.
[b]Il paradosso è che la classifica è buona, e il calendario pure.[/b]
È presto per guardare la classifica: sono convinto che questa squadra alla lunga darà esattamente per quello che ha.
[b]Cosa la preoccupa di più?[/b]
Questa fretta, questa mancanza di fiducia che serpeggia e può contagiare lo spogliatoio: quando si comincia a fare le pulci diventa un problema.
[b]Varese-Brindisi: cosa vedremo?[/b]
Loro sono una squadra quadrata e convinta: dobbiamo disputare partita attenta, solida, concreta.
[b]Se perdiamo?[/b]
Non mi aspetto conseguenze drastiche, sarebbero fuori luogo. Cosa direbbe alla gente di Masnago? Di sostenere la Cimberio, perché in momenti così l’ambiente sereno è fondamentale.
Stefano Affolti[/size][/font][/color]
 

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...