Jump to content

«La Cimberio è come i barbari»


pxg14
 Share

[color=#000000][font=Verdana][size=1][color=#2F2A2B][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]L’ultima volta che Marino Zanatta si era ritrovato a parlare di Varese, erano uscite cose belle e vere. Tanto che Frank Vitucci, dopo averle lette le fece proprie rilanciandole e ricordandole in una serie di interviste successive. Conviene rinfrescare la memoria, allora: anche perché in mezzo c’è stata un po’ di roba da raccontare: un derby a Milano vinto, un primato in classifica, un titolo di campione d’inverno sempre più vicino. «Intanto - dice il grande Marino - fatemi mandare un messaggio speciale al mio amico Bob Morse, che compie gli anni. Sessantatre primavere e non sentirle, ma a tirare il gruppo dei vecchi compagni sono sempre io: cuore malandato, ma non mollo».[/size][/font][/color][/size][/font][/color]

[color=#000000][font=Verdana][size=1][color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif][b]«Il primato non pesa»[/b][/font][/size][/color]
[color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Non molla, Zanatta: un po’ come questa Varese, che tiene botta lassù in cima alla classifica. «E noi - dice l’ex Ignis - continuiamo a godercela: questo primato resterà sempre un piacere e un onore, mai un problema o un’ossessione. Ecco il segreto di Varese». E allora via con la domanda da un milione di euro: quanto durerà questo sogno? «Finché questi ragazzi si ricorderanno di giocare come una squadra, perché solo così possono vincere. Un po’ come in cucina: per cucinare un buon piatto di pasta ci vogliono gli ingredienti migliori, ci vuole la bravura del cuoco che li mette insieme, ci vogliono i tempi giusti».[/font][/size][/color]
[color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif][b]«Come un piatto di spaghetti»[/b][/font][/size][/color]
[color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Ecco, la Cimberio come un piatpiatto di spaghetti: «Un ottimo piatto di spaghetti, il piatto più buono del mondo. Riuscitissimo, grazie a tutti ma soprattutto grazie a questi giocatori: hanno capito che non devono dimostrare niente a nessuno, hanno capito che armonia significa vedere il tuo compagno che fa una bella cosa. Godiamocela: mal che vada, perderanno una partita. Che non cancellerebbe tutto il bene fatto fino ad oggi». Intanto, i momenti difficili sembrano essere arrivati: l’infortunio di Ere è una tegola mica da ridere. «Verrà a mancare un giocatore importante, anche se in questa squadra sono tutti importanti: sarebbe stata la stessa cosa se si fosse fatto male Polonara o De Nicolao. Non sarà[/font][/size][/color]
[color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]un’assenza lunga, e credo che la squadra riuscirà a tamponare il problema». La società è stata chiara e perentoria, nel non voler andare sul mercato a caccia di un sostituto a tempo: «E ha fatto benissimo: darà fiducia a chi finora ha giocato meno, e chissà che tra un mese non ci ritroveremo un Rush più convinto e più pronto. La squadra reagirà: noi abbiamo vinto una Coppa dei Campioni senza Meneghin. L’importante è che Ere recuperi con calma, perché gli infortuni muscolari sono subdoli».[/font][/size][/color]
[color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif][b]«Noi eravamo Varese»[/b][/font][/size][/color]
[color=#2F2A2B][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Intanto da Cantù arrivano le parole di Trinchieri: Varese come il Verona di Bagnoli, può arrivare in fondo e stupire tutti. «Fa piacere che il coach di Cantù abbia cambiato idea, visto che qualche mese fa sosteneva che saremmo crollati presto. Ma è normale che sia così, perché la squadra ha convinto tutti strada facendo: e io credo sia partito tutto dalla vittoria di Brindisi. Sotto di sette punti a meno di un minuto dalla fine, quella rimonta ha cambiato la testa di tutti». Tutto, poi è stato un crescendo: «La squadra ha trovato la consapevolezza giusta, la convinzione di essere forte: non ha pietà, non molla nulla. Come il barbaro Brenno quando invase Roma, e mettendo la sua spada sul piatto disse “Vae Victis, guai ai vinti”». E domani, ecco di nuovo Stipcevic: «E chissenefrega. Rok è un buon giocatore, ci mancherebbe: ma quando una squadra è forte come Varese, gli avversari non contano. Nikolic in allenamento non ci faceva mai giocare cinque contro cinque, per abituarci a non considerare gli avversari: avremmo giocato con l’Armata Rossa, il Real Madrid o Milano non sarebbe cambiato nulla. Perché noi eravamo noi, noi eravamo Varese». ■[/font][/size][/color][/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...