Jump to content

«Sfruttiamo l’iniezione di fiducia»


pxg14
 Share

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]Cecco Vescovi ritrova il sorriso dopo il lungo digiuno dell'Openjobmetis interrotto dal sofferto quanto importante raid di Brindisi. E il g.m. biancorosso ammette che, dopo tanti episodi avversi, stavolta la fortuna nel rush finale è stata amica di Varese.[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]

«Una boccata di ossigeno puro arrivata nel momento giusto. Dopo tante beffe stavolta la fortuna ci ha aiutato, ma l'importante è che il ritorno alla vittoria possa restituirci quella serenità necessaria per evitare errori banali. Le 23 palle perse e quegli errori finali che hanno rischiato di compromettere tutto sono stati frutto della tensione. Cerchiamo di sfruttare al meglio questa iniezione di fiducia: non esistono sfide impossibili, le ultime sei dell'andata sono tutte da giocare».
- Una vittoria frutto di un atteggiamento difensivo adeguato alle necessità del momento...
«L'impatto di Eyenga è stato fondamentale: alla luce della consistenza che ha garantito sabato, la sua assenza a Cremona è stata determinante. Con un elemento della sua duttilità siamo riusciti a far funzionare meglio i meccanismi ed i risultati si sono visti; un giocatore con il suo atletismo e la sua energia ci mancava a livello difensivo e ci garantisce la possibilità di aumentare la propulsione in campo aperto. E non dimenticando che ha giocato la seconda partita dopo sei mesi di inattività sono convinto che abbia ancora margini di crescita in attacco».
- La vittoria di Brindisi ha modificato la volontà di intervenire sul mercato nel reparto playmaker?
«I nostri play erano entrati in un loop negativo legato ai risultati e all'assenza di un punto di riferimento come Kangur; l'auspicio è che anche loro si sblocchino grazie alla vittoria. Il mercato? Lo monitoriamo sempre, quando le cose vanno male è normale prendere in considerazione quel che ci viene proposto. Ma la principale preoccupazione è quella di recuperare al meglio i giocatori che fanno già parte dell'organico: non mi riferisco solo a Robinson ma anche a Deane, che deve trovare il modo di far emergere le sue qualità. L'obiettivo è aumentargli le responsabilità per avere risposte definitive».
- L'episodio della conferenza stampa di Brindisi ha rimesso Pozzecco al centro dell'attenzione, anche se incolpevole. Come giudica la vicenda?
«È stato un malinteso, frutto di circostanze sfortunate perché è evidente che non conoscevamo la gravità dell'infortunio di Simmons. Detto questo, è chiaro che Gianmarco è costantemente nel mirino di chi è pronto a puntare l'indice contro di lui a prescindere, dunque bisogna fare attenzione a limitare le occasioni che possono dar adito a incomprensioni. Ma concentriamoci sul basket giocato e pensiamo a Bologna: non vinciamo in casa da più di due mesi, cerchiamo di dare continuità all'impresa di Brindisi e risalire la china in attesa che Kangur torni in campo a gennaio».
Giuseppe Sciascia[/size][/font][/color]
 

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...