Jump to content

«Un derby per crescere»


pxg14
 Share

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]Attilio Caja stuzzica l'orgoglio dell'Openjobmetis alla vigilia della trasferta sul campo imbattuto della prima della classe EA7 Milano.[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]

Il derby numero 170 - con il coach pavese e capitan Kangur come ex di turno - sembra sulla carta a pronostico chiuso, ma Varese vuole confontarsi contro la squadra da battere per capire dove e quanto migliorare ancora. 
«Prima di tutto dovremo aver voglia di competere contro la miglior squadra italiana, unica rappresentante nostrana tra le 16 più forti d'Europa - afferma il tecnico che guidò l'Olimpia dal 2002 al 2004 e nel 2007/2008 -. Per noi dovrà essere una grande sfida per provare a reggere l'urto fisico di una big e verificare il nostro livello contro la capolista. Certo servirà una grande partita corale per non subire la loro fisicità, visto che in ogni ruolo possono avere un mis-match favorevole in termini di stazza e centimetri». 
Per provare a restare in partita al Forum di Assago servirà dunque una partita senza sbavature, anche se Caja guarda oltre al risultato del derby e considera il match di domani come una tappa importante in chiave futura. 
«Oltre alla resistenza fisica servirà anche concentrazione mentale - spiega il coach -: due aspetti imprescindibili per restare attaccati agli avversari, e sfruttare questa partita come tappa per proseguire nel nostro percorso di crescita. In una gara del genere inutile aggrapparsi a soluzioni di breve respiro, meglio proseguire su un discorso più ampio che può dare certezze in funzione delle ultime 8 giornate». Nonostante i piccoli acciacchi che hanno limitato Diawara, Kangur e Maynor, il lavoro settimanale è proseguito sulla falsariga della massima attenzione: «Abbiamo lavorato per migliorare alcune situazioni, in particolare nella fluidità e nelle spaziature offensive: contro Roma abbiamo combinato qualche pasticcio indipendentemente dallo schieramento avversario. Problemi di posizionamento e di cattiva qualità nei passaggi che hanno causato confusione e palle perse e ai quali abbiamo prestato particolare attenzione. Inoltre abbiamo posto grande attenzione sulle situazioni di gioco spalle a canestro nelle quali Milano può metterci in difficoltà; c'è stato qualche acciacco ma tutti hanno sempre dato il massimo a livello fisico e mentale».
Dunque domani al Forum nuovo test per valutare la crescita di Maynor, decisamente rinfrancato nelle ultime due uscite, e Rautins favorito su Okoye nel ballottagio per l'ultimo posto a referto per gli stranieri: «Eric era reduce da una lunga inattività, ora il ritmo elevato degli allenamenti gli sta consentendo di crescere. Per quanto riguarda Rautins lo valuteremo ancora oggi e domani, ma i primi riscontri sono stati positivi. A seconda delle risposte valuteremo tra Andy ed Okoye; con Stan non abbiamo ancora parlato ma non l'ho visto a disagio per il rischio tribuna, deve comunque continuare a lavorare forte in allenamento». 
Giuseppe Sciascia[/size][/font][/color]
 

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...