Jump to content

«Un mezzo esame di laurea»


[font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Derby numero 130 tra Varese e Cantù ma derby numero 1 per Frank Vitucci, che attende con curiosità di vivere da protagonsita sul parquet di Masnago una delle rivalità più sentite del panorama tricolore nella serata in cui la Cimberio vuol chiudere la serie negativa di sei sconfitte consecutive contro i brianzoli e lo stesso coach biancorosso vuole fermare a quota 6 la sua serie di sconfitte con il tecnico avversario Andrea Trinchieri: «Il derby tra Varese e Cantù è una delle sfide più storiche del basket italiano; ne ho sempre sentito parlare ma da fuori non si percepisce il vero clima che si respira attorno alla partita di lunedì. E' chiaro che si tratta di una gara estremamente sentita da entrambi i club e le rispettive tifoserie; personalmente sono molto curioso di viverlo da protagonista sperando di fare risultato…». [/size][/font]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Una sfida al vertice che la Cimberio vive da capolista dopo che negli ultimi anni ha sempre dovuto inseguire i brianzoli, ma il primato in classifica è vissuto come uno stimolo positivo e non dà alla testa del gruppo: «Il primato in classifica e l'entusiasmo del pubblico sono stimoli positivi e non motivi di pressione: la squadra ha il piccolo merito di aver acceso il pubblico creando un clima che probabilmente in occasione del derby sarebbe stato analogo, ma sta dando una spinta supplementare all'ambiente in un circolo virtuoso che dà carica reciproca. I tifosi rispondono agli stimoli della squadra e danno ulteriore energia ai ragazzi, che sentono il fattore ambientale ma sono consapevoli che c'è ancora molto da fare». [/font][/size]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Il coach veneziano sottolinea comunque il valore dell'avversaria e la necessità di giocare una partita al massimo della concentrazione evitando i passaggi a vuoto delle ultime due uscite: «Cantù ha perso solo allo scadere a Sassari dopo aver conquistato la SuperCoppa e superato con autorità i preliminari di Eurolega: con Milano è la squadra più quotata del lotto e, al di là dell'atmosfera del derby, ci aspetta una partita molto difficile contro una squadra che ha fisicità e panchina lunga. Sarà una gara dispendiosa e impegnativa: mentalmente siamo pronti, fisicamente abbiamo ancora qualche acciacco ma vedremo di sistemarlo per lunedì». [/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E contro una Cantù dalla doppia dimensione tecnica con l'aggiunta degli atleti Smith, Brooks e Tyus ad aggiungere vigore a una squadra che negli ultimi anni aveva fatto della qualità delle esecuzioni la sua arma vincente servirà una Cimberio aggressiva come al solito in difesa ma più lucida nelle scelte di gioco in fase offensiva: «Servirà ancor più attenzione del solito nella gestione dei possessi offensivi: dovremo avere molta pazienza nelle scelte e lavorare bene in difesa e rimbalzo con i cosiddetti “intangibles” che saranno importantissimi. Possibili chiave tattiche? Potrebbero essere più di una perché tutti i settori, dalla regia a quello dei lunghi, saranno determinanti in una gara così importante. Noi chiaramente dovremo spingere sulle soluzioni che sappiamo interpretare meglio, ma certamente serve crescere in altri aspetti a partire dal gioco a metà campo. Stavolta più che un test di maturità ci aspetta un mezzo esame di laurea…». [/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Giuseppe Sciascia [/font][/size]


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...