Jump to content

«Varese e Poz, avanti così»


[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]Cecco Vescovi non imita Matteo Renzi. Dopo l'esaltante vittoria nel derby inaugurale contro Cantù coronando l'esordio casalingo e il ritorno del Poz, il GM biancorosso (foto Blitz) non vuole prendersi rivincite contro gufi e rosiconi che avevano già bocciato la nuova Openjobmetis senza neppure averla vista all'opera al completo: «Una partita speciale per molti motivi, con una regia da premio Oscar che ha creato tutte le premesse per vivere una domenica da ricordare a lungo. Gufi e rosiconi? Non ci faccio caso perché ci saranno sempre, ma non voglio comunque esaltarmi troppo dopo una sola giornata e con 8 mesi di cammino davanti a noi. Adesso dovremo essere bravi ad archiviare le bellissime emozioni dell'esordio ed a guardare avanti verso la prossima tappa a Pesaro, preparandoci bene ad una trasferta che potrebbe darci una ulteriore spinta verso l'alto». Dunque più di un precampionato in maschera per assenze ed infortuni contava la fiducia di GM e coach alla vigilia del match: «L'elevata qualità degli allenamenti dell'ultima settimana ci aveva dato sicurezza: eravamo certi che nella versione completa la squadra non sarebbe stata quella del precampionato. Prima della partita io e Gianmarco eravamo fiduciosi. La risposta del campo ha confermato le premesse sulle quali avevamo costruito la squadra in estate, certo molto merito va a Pozzecco che ha saputo trasmettere il suo entusiasmo e la sua voglia di vincere al gruppo». Ed ora la spinta emotiva del bagno di folla di Masnago può davvero dare la carica al gruppo: «Avevo detto ai ragazzi che quella con Cantù era una gara che poteva darci una grande spinta in caso di vittoria. E la serata di domenica, che ha ripagato l'entusiasmo e il calore con cui ci hanno seguito i nostri tifosi, può garantirci un eccellente abbrivio per mettere le basi per un avvio di stagione brillante. A patto di riuscire a riprodurre la stessa intensità e la stessa energia decisive nel derby: questa squadra non può prescindere dall'aggressività im difesa per sfruttare al meglio le sue caratteristiche». E proprio questa sarà la chiave per dare continuità a una Varese che secondo Vescovi può comunque crescere ancora molto: «La carica emotiva di domenica era legata a una partita particolare, ma sono convinto che con la giusta concentrazione e il giusto approccio saremo in grado di mettere in campo la stessa energia anche a Pesaro. Motivazioni ed atteggiamento dovranno essere ancora determinanti; e poi sono convinto che ci siano ancora ampi margini di miglioramento. Ad iniziare da Rautins, un giocatore dal grande talento offensivo reduce da un lungo stop e da un precampionato travagliato. Lo stesso Deane, comunque brillante come sesto uomo domenica, è con noi da neppure 20 giorni e può crescere in termini di condizione. Infine Casella ed Okoye: contro Cantù non sono entrati ma in una stagione lunga ci sara spazio anche per loro, e dovranno essere bravi a farsi trovare pronti come è stato il caso di Balanzoni».[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]

Giuseppe Sciascia[/size][/font][/color]
 


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...