Jump to content

Animi in subbuglio, si cerca la luce in fondo al tunnel


pxg14
 Share

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]Animi in subbuglio e musi lunghi, come dire di paura e sofferenza che brutalmente assalgono chi ha sbagliato potendo, probabilmente, fare poco per rimediare come si vorrebbe alle proprie cantonate. Come non pensare agli strateghi biancorossi i quali, vien da dire impietosamente, avrebbero dovuto fare bene prima, supponendo in loro - per una lunga e gloriosa storia personale sui campi - la capacità di discernere fra scelte opportune e obblighi di spesa, soprattutto per effetto di una competenza imposta dal proprio ruolo al fine di mettere insieme individualità funzionali a un collettivo più possibilmente competitivo e rassicurante. Così non è accaduto l'estate scorsa mancando, evidentemente, intuizione e lungimiranza.[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]
Che questa Pallacanestro Varese fosse una squadra piccola e con poca qualità lo credevamo, personalmente, sin dai primi di agosto. E ora la ritroviamo senza anima né pathos, quindi oppressa e sfiduciata, in un solo termine povera in canna, nel più profondo sud della classifica. La quale le antepone persino Capo d'Orlando, ripescata in extremis dalla serie B o Lega Gold come recita pomposamente la denominazione di un campionato inferiore alla serie A.[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]
Non solo ma a impressionare non poco è la perentorietà con la quale la formazione siciliana (molto cara a Gianmarco Pozzecco - foto Blitz -, almeno sino alla scorsa primavera) s'è sbarazzata di Sassari, annoverabile fra le antagoniste-scudetto di Milano, non senza adombrare fra noi la possibilità di una più robusta competitività rispetto a una Varese corrosa fatalmente dai suoi equivoci. Ora, a parte l'inno di Mameli imposto dal copione federale, fors'anche utile fra stranieri nel ricordare che si gioca il campionato italiano, possono diventare un paradosso le molte iniziative festose di contorno così come la presentazione all'americana della squadra. Semplicemente non vorremmo che tutto ciò, improvvisamente, possa stridere, quindi apparire come l'imperterrita orchestrina a bordo del Titanic. Si dirà che la macchina del marketing segue per sua vocazione la strada delle proprie finalità, tirando dritto e ben oltre il dimesso rendimento della squadra. Fortunatamente il popolo di Masnago non sottilizza troppo su possibili distinguo, incline com'è all'entusiasmo e al sostegno incondizionato della squadra, soprattutto se essa, pur patendo, mostra grande cuore e tanto impegno. Ed è bello questo già immaginando la madre di tutte le gare, d'un pezzo di stagione, fatalmente cruciale qual è la prossima in casa nella quale, contro la Virtus Bologna, sarà vietato sbagliare. Prima, però, gli uomini di Pozzecco - che li seguirà come spettatore - affronteranno Brindisi in una gara che i pronostici danno per segnata dovendo riconoscere al drappello di americani guidati da Bucchi atletismo e talento, qualità che, in teoria, alla distanza fanno la differenza.[/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...