Jump to content

Budget sempre più ridotto. Caccia all'affare aperta


pxg14
 Share

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]
Prima il budget, poi i programmi per il futuro. E la battaglia del grano si sta giocando proprio ora, partendo nel periodo giusto dell'anno per provare ad avere più certezze nel costruire la Varese che verrà. E se la società di piazza Monte Grappa dovesse ridurre ulteriormente il budget rispetto al meno 15 per cento dell'estate scorsa? Non è detto che sia un problema insormontabile, a patto di far tesoro degli errori commessi nel 2013. Innanzitutto nel tarare in maniera giusta le ambizioni rispetto alle possibilità economiche: alzare l'asticella degli obiettivi farà sognare i tifosi e di conseguenza vendere abbonamenti, ma alla prova del campo il risveglio può essere traumatico. E per un club che ha bisogno di visibilità ed entusiasmo l'effetto boomerang rischia d'essere pesante.[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]
Poi la scelta dell'allenatore: se con Pillastrini, Recalcati e Vitucci il presidente Cecco Vescovi ha sempre saputo scegliere il tecnico e l'uomo adeguato ai tempi, mettendolo nelle condizioni ottimali per operare, così non è stato per Fabrizio Frates. Anche alla luce dei troppi vincoli tecnici ed emotivi legati agli Indimenticabili già in organico che hanno finito per diventare un fardello, visti i condizionamenti ambientali dei tifosi.[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]
Dunque, prima di tutto serve stabilire il budget e sulla base delle risorse disponibili stilare un programma tecnico da affidare ad un allenatore che sia adatto a portarlo avanti secondo i dettami della società. Che con pochi vincoli contrattuali in essere dovrà avere mano libera su qualsiasi scelta tecnica, così come la ebbero Pillastrini nel 2008, Recalcati nel 2010 e Vitucci due anni fa.[/size][/font][/color][color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3]
Infine l'aspetto motivazionale, in quest'annata mancato all'appello: le scelte sull'usato sicuro (stile Clark - foto 1 Blitz, Coleman e Scekic - foto 2 Ciamillo - ma anche lo stesso Frates) non hanno pagato dividendi. In ottica futura meglio tornare a scommettere su giocatori affamati, pescati da categorie inferiori o leghe minori: basti pensare a Green, Banks (foto 3 Blitz) e Dunston, ma in passato anche a Goss e Kangur. Dopo il 100 per cento di decisioni azzeccate dell'estate 2012 è subentrata inconsciamente l'idea che nell'ambiente di Varese anche giocatori dai limiti (e dai pregi) conclamati in anni di basket italiano potessero adattarsi alle esigenze della Cimberio. Così non è stato e i risultati sono sotto gli occhi di tutti; ma con meno aspettative e più coraggio la coppia Vescovi-Giofrè, ripartendo da zero o quasi, dovrà far fruttare i talenti che la società metterà a disposizione. La caccia all'affare (su italiani per la panchina e qualche prospetto straniero) è aperta: se la capacità di spesa è poca, il valore dello scouting aumenta in maniera esponenziale...[/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...