Jump to content

C'erano una volta maglia e cuore. Oggi sono solo una favola per fanciulli


pxg14
 Share

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Rischia di dissolversi la gran Cimberio che ha risvegliato dal torpore i varesini pigri, entusiasmato i fedelissimi e restituito alla città il sogno dello scudetto. Mancava da un sacco di tempo. Così tanto che,pur eliminati dalla finale per il titolo, abbiamo festeggiato in piazza gli sconfitti: era voglia di gioia condivisibile, e segno di riconoscenza cordiale. Cordiale vuol dire che viene dal cuore. Ma proprio a proposito di cuore, in questi giorni siamo a cortissimo d’argomenti. Cuore inteso come anima di una squadra, e simbolo di un’appartenenza popolare. Quando veniamo a sapere dell’allenatore che sta per partire perché invogliato da un contratto sontuoso, e nonostante ne abbia uno in corso che sarebbe tenuto a rispettare; e siamo informati che le valigie verranno fatte dal giocatore vetrina, forse dal capitano, e poi da altri ancora fino a un possibile stravolgimento del roster d’un anno fa; ecco, di fronte a una simile carovana, che cosa possiamo pensare del cuore sportivo? Che non esiste, che è una favola per i fanciulli, che è l’ingenua costruzione buona per riempire le gradinate d’un palasport. Naturalmente per ciascun partente non mancano ragioni a suo sostegno. Ragioni professionali. Ragioni economiche. Ragioni che vengono definite di vita. Se vai dove i soldi ti cambiano l’esistere, è l’osservazione ricorrente, come si può rinunziare ai soldi? Già, i soldi. Sembrano tutto. Sono tutto.Dominano su tutto. Non uno degl’indiziati all’adieu che abbia detto: no,non è vero, c’è dell’altro preferibile ai soldi. C’è, per dire, la storia, la tradizione, la leggenda d’una società che ha segnato un’epoca del basket italiano ed europeo: varrà pure il suo blasone, eserciterà un fascino il suo nome, produrrà un’attrazio nel’insieme di scudetti e coppe conquistati? Pare di no. La dimensione affettiva dell’impegno sportivo vale zero. Vale il calcolo, l’interesse, il profitto. Fare l’allenatore o il giocatore d’una squadra di basket non è un lavoro qualunque, cioè un lavoro come tanti altri lavori; è un lavoro speciale, privilegiato, gratificante. Ma se si deve mettere la firma sotto un contratto, allora diventa - salvo eroiche eccezioni - un semplice, anonimo, grigio mestiere. Diventa una questione di cifre e nulla di più. Diventa un rapporto freddo e distaccato. E agl’infuocati di varesinità che issarono lo striscione con la scritta “Indimenticabili” e che ora ne levano un secondo chiamando Vitucci a rimanere, viene il sospetto che lo slogan entrato nel mito debba già uscirvi. “Impersonali”, non “Indimenticabili”. O meglio: indimenticabili sì, impersonali pure. Protagonisti dell’impersonale indimenticabilità d’imprese che rifiutano la romanticheria; preferiscono il realismo, compresa la venalità mercenaria, se c’è l’occasione.[/size][/size][/font][/color]

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Max Lodi[/size][/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...