Jump to content

Caja si merita una sola cosa: il rispetto Cacciatelo pure, ma diteglielo in faccia


pxg14
 Share

[size=3][font=verdana][color=rgb(0,0,0)]Ormai sembra che il dado sia tratto, più o meno. Il presidente Coppa ha già praticamente scelto: Iozzelli sarà il ds, Caja non sarà l'allenatore. I sussurri dei giorni scorsi si sono via via tramutati in certezze: sono arrivate conferme e non sono arrivate smentite (mica a noi, sia chiaro, ma ai diretti interessati) a quanto scritto dai giornali ieri. Restano sul tavolo, questo sì, un po' di domande che tiriamo fuori puntualmente: siam fatti così, che ci volete fare? Le tante domande Allora. Perché continuare a fare finta? Perché voler incontrare Alberani lunedì quando una scelta è già stata fatta, quando Iozzelli è praticamente il nuovo ds in pectore? Perché perdere (ancora) tempo e far perdere tempo ad altri professionisti? E poi. Con che forza il presidente Coppa sta compiendo il passo della cacciata di Caja (sì, cacciata: visto che il coach era stato confermato sulla parola in più occasioni) dopo che a favore di Caja si erano espressi nell'ordine e con decisione: Rosario Rasizza, Renzo Cimberio, Alberto Castelli, la curva, i tifosi del Pa-laWhirlpool? Con che spirito il presidente Coppa si appresta a delegittimare il suo Cda, che con una votazione avvenuta il giorno dopo la salvezza aritmetica (vittoria con Caserta) si era espresso con una votazione a favore del coach pavese (tre voti favorevoli, uno contrario, Coppa astenuto per non influenzare gli altri)? Non ci nascondiamo dietro a un dito, mai l'abbiamo fatto: ci sia- mo schierati per la conferma di Caja in tempi non sospetti e non ci tiriamo certo indietro. Certo, noi ne facciamo una questione tecnica: siamo con Caja perché con lui e grazie a lui Varese è diventata una squadra e i suoi giocatori hanno capito quello che gli si chiedeva, quindi si è salvata. E saremmo curiosi di vederlo all'opera con la squadra dal mese di agosto dopo averla costruita: perché quando Caja ha avuto in mano una squadra fin dall'inizio, solitamente, ha fatto belle cose. La questione tecnica è opinabile: si può essere d'accordo o meno, e Coppa ha il diritto di credere in un allenatore e il dovere di assumersi le responsabilità di ogni sua scelta. Qui, però, si parla d'altro. Il rispetto guadagnato Qui si parla di rispetto: quello che si deve a un uomo che è stato chiamato in un momento disastroso, un uomo al quale la società si è affidato quando era disperata e non sapeva che pesci pigliare, un uomo che ha fatto il suo lavoro con una professionalità esemplare. Un uomo che ha preso per mano Maynor facendolo tornare a essere il fenomeno che tutti hanno visto, quando in società non sapevano che fare con un giocatore che non aveva ben capito dove fosse finito. Un uomo che si è guadagnato la possibilità di provarci, con una squadra che lui ha salvato, davanti a un pubblico che lui ha conquistato (in pochi sarebbero stati capaci di farlo, dopo il ciclone Pozzecco). E in queste ore Coppa sta mancando di rispetto a Caja, anzi: lo sta prendendo in giro. Una porcheria Chissà come andrà a finire? Sì, arriverà Iozzelli dall'alto della sua esperienza di due anni di serie A e di una vita passata a Pistoia. Capitolo coach. Caja, a questo punto, difficilmente resterà qui: non prendiamoci in giro, che di prese in giro ce ne sono abbastanza. Arriverà Moretti? Uno degli allenatori più pagati della serie A, uno che ha visto svanire i playoff per colpa di una squadra (Varese) venuta a passeggiare sul suo campo anche se non aveva più nulla da chiedere al campionato, per colpa di un allenatore (Caja) che l'ha messo nel sacco con una zona contro la quale il buon Moretti ci ha capito poco o nulla. Arriverà Crespi? Uno che, a parte la stagione miracolosa con Siena, negli ultimi anni non è che abbia fatto poi queste grandi stagioni (un paio di esoneri, uno scudetto da assistente). Non lo sappiamo. Sappiamo solo una cosa: se anche il nuovo allenatore dovesse portare Varese infinale scudetto non cambierebbe la nostra idea su quel che sta succedendo in questi giorni. Sì: una porcheria[/color][/font][/size]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...