Jump to content

Charlie Yelverton «Musica Cimberio suona come il sax»


pxg14
 Share

[font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]Il nome di Charlie Yelverton resta nell'aria come un assolo di sax: passano gli anni, ma è talmente bello che non se ne vuole andare. Lui è uno dei più grandi talenti che abbiano mai calcato i parquet di casa nostra, interprete strepitoso di una pallacanestro vissuta senza fiato, genio e follia, coerenza e testa alta in tutti i gesti che hanno caratterizzato la sua vita.[/size][/font]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Seduto all'inno Usa[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Campione d'Europa e d'Italia con la maglia di Varese, virtuoso del basket e anima libera. Nel 1973, da stella della Nba, decise di restare seduto durante l'esecuzione dell'inno americano per protesta contro la guerra in Vietnam firmando così la sua condanna a peregrinare in giro per l'Europa perché gli Usa non lo vollero più. Una fortuna per Varese, che grazie al fenomeno di New York vinse una Coppa dei Campioni (1975) e uno scudetto (1978). «Nel 1975 - racconta oggi - venni chiamato da Sandro Gamba per giocare come straniero di coppa: vincemmo il trofeo senza perdere una partita, e mi domando perché quando si parla delle squadre più forti di sempre si cita la Milano di D'Antoni e non quella Ignis». [/font][/size]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Taxista a New York per sbarcare il lunario, campione, sassofonista. La sua città natale non l'ha dimenticato e giusto in mese fa lo ha chiamato per premiarlo, inserendolo nella Hall of fame dei più grandi giocatori della storia di New York. «È stata una bella soddisfazione, e quando sono arrivato la prima cosa che mi hanno detto è stata: "Ma come mai non avevamo ancora pensato a te?". Hanno inserito il mio nome in una lista dove c'erano i più grandi di sempre, gente che nella Nba ha giocato a lungo e ha pure vinto: bello».[/font][/size]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Il mio basket»[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Oggi Charlie vive a Ispra e tifa Varese. «Vedo le partite in tv e mi diverto, e credo che questo sia il segreto della Cimberio: divertono e si divertono, giocando il basket che piace a me. Quale? Penetra e scarica, tiro da fuori, corsa». Il filo sottile che continua a legare Yelveron a Varese porta fino all'attualità più stretta: Bryant Dunston, il miglior centro del campionato, è un prodotto di Fordham: l'università del Bronx dove Yelverton è diventato grandissimo. «Quando Isaac me l'ha detto ho pensato che il mondo è veramente piccolissimo. Ho letto che lui mi conosceva perché aveva letto il mio nome sul muro del College dove ci sono tutti i più grandi. Ho visto giocare questo ragazzo, e non capisco per quale motivo non sia riuscito a trovare spazio nella Nba: forse è un po' bassino, ma ha due braccia lunghissime e una grande mobilità: mi piace, mi piace».[/font][/size]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]«Arriverà in fondo»[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Charlie e il suo sax, con il quale allietava lo spogliatoio ai tempi della Mobilgirgi e che ancora oggi lo accompagna nei locali della provincia o in giro per l'Italia: come quando Yelverton è andato a suonare tra i terremotati dell'Aquila. Per lui il basket è sempre stato come musica: «Armonia: questo deve avere uno spartito e questo deve avere una squadra. Ho visto la Cimberio e mi sembra che l'armonia non manchi, perché quando una squadra vince così tante partite in trasferta significa che lo spogliatoio è forte e solido». [/font][/size]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]E allora che parli il cuore del tifoso, che risponda alla domanda che tutti quanti si stanno facendo: ma quanto durerà questo sogno meraviglioso? «Io sono convinto che questa squadra possa arrivare fino in fondo, perché è partita forte e non ha nessuna intenzione di fermarsi. Ne sono convinto, e lo spero». E poi, l'augurio di Yelverton che va controcorrente: del resto, da uno come lui bisogna aspettarselo. «Auguro a Vitucci di perdere una partita quanto prima, perché spesso le sconfitte servono più di una vittoria». [/font][/size]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...