Jump to content

Cimberio a tutto volume


pxg14
 Share

[color=#000000][font=Verdana][size=1][font=verdana, geneva, sans-serif][size=3]VARESE - Suona a tutto volume l’orchestra Cimberio, che intona il nono coro sinfonico e festeggia simbolicamente sulle note della notissima opera di Beethoven la prosecuzione senza ostacoli del suo percorso netto. Anche la matricola Reggio Emilia, giunta a Masnago con una striscia aperta di cinque vittorie in fila, deve cedere il passo di fronte alla lanciatissima capolista: match godibile e divertente anche se la truppa biancorossa mette al sicuro il risultato solo nell’ultimo[/size][/font]

[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]quarto, con capitan Ere solista d’eccezione (9/17 al tiro e 9 rimbalzi) nella fluente "polifonica" varesina (5 in doppia cifra col 50% dal campo) con Dunston (5 stoppate) che riempie di benzina il motore e un rombante De Nicolao "andante con brio" dalla panchina. Approccio difensivo non immediatamente “graffiante” per la Cimberio con Reggio Emilia che accetta di buon grado il “run&gun” balistico caro ai padroni di casa con i muscoli di Brunner che si fanno sentire sotto entrambi i tabelloni. [/font][/size][/size][/font][/color]

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Varese prova a lasciare il segno con le iniziative in avvicinamento di Ere (già in doppia cifra dopo 8’, virata a quota 13 al 10’ ) ma la Trenkwalder “battezza” stabilmente Green sul perimetro e dopo la tripla del 9-6 al 4’ l’attacco a metà campo fluisce ad intermittenza. Rotazioni rapide per Menetti visti i 2 falli di Antonutti al 5’; nonostante lo 0/5 del primo quarto per Taylor (ben limitato dall’ala nigeriana) gli ospiti trovano verve dall’azzurro Cinciarini tengono comunque il passo (19-20 all’8’ con tripla di James) con Vitucci che cerca energia difensiva dalla panchina trovando risposte positive soprattutto dalle mani rapide di De Nicolao . [/font][/size][/size][/font][/color]

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Una tripla fortunosa “col rinterzo " e una sospensione dopo palla rubata del play padovano creano il primo mini-allungo varesino nel momento in cui le penetrazioni di Banks vanno a segno (31-26 al 14’); nonostante il precocissimo quarto fallo di Filloy le sospensioni di Jeremic e[/font][/size]
[size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Cinciarini tengono comunque in scia la squadra di Menetti (35-33 al 16’), e nonostante una nuova fiammata di Ere (18 con 7/11 al tiro e 19 di valutazione alla pausa lunga) nel finale di tempo si accende anche Taylor (7 nella seconda frazione) permettendo alla Trenkwalder di andare al riposo con un ritardo limitato (46-41 al 20’) in un primo tempo giocato stabilmente all’arrembaggio (52% per i padroni di casa e 50% per gli ospiti).[/font][/size][/size][/font][/color]

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Dopo la pausa lunga il bomber ex Casale Monferrato è subito protagonista e riporta gli ospiti a meno 1, ma con Dunston che sale di tono sotto entrambi i tabelloni la difesa varesina inizia a mostrare segnali di crescita: il primo assist sull’asse Green -Dunston arriva al minuto numero 23 e il ritmo più sostenuto permette a Banks di regalare prodezze acrobatiche di vaglia ai 4500 tifosi di Masnago. Con il play di Philadelphia che inizia ad attaccare stabilmente Cinciarini la Cimberio trova più spazi in avvicinamento; Reggio continua a graffiare dall’arco ma 4 punti in entrata del regista ex Cantù e 4 da sotto del pivot ex Hapoel Holon siglano il 60-52 del 25’. [/font][/size][/size][/font][/color]

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3][font=verdana, geneva, sans-serif]Menetti gioca la carta della zona 2-3 per togliere circolazione di palla ai biancorossi, ma dopo la prima “doppia cifra” di vantaggio timbrata da un dardo in transizione di Banks (63-52 al 27’) è la difesa di casa a calare di tono, mentre la verve degli esterni emiliani continua a lasciare il segno in avvicinamento (64-59 al 29’). Trenkwader di nuovo a uomo nella versione “doppio lungo” e poi con 4 piccoli a supporto del solo Brunner ; si viaggia sempre ad elastico con terzo e quarto fallo di Dunston in pochi secondi che inducono Vitucci ad un cambio “conservativo”, ancora spunti positivi da De Nicolao (2+1 per il 72-64 del 33’), ma quando gli ospiti riprovano la carta della zona 2-3 due triple velenose di Ere e Rush allo scadere dei 24 secondi valgono un margine finalmente rassicurante (79-69 al 35’). E con Dunston padrone dell’area colorata a dispetto dei 4 falli a carico Varese allarga la forbice regalando spettacolo ai quasi 4500 del PalaWhirlpool; massimo vantaggio casalingo il 91-76 del minuto 39, con i cori pro-capolista misti ai sogni su scala internazionale (prontuario veloce per il tifoso varesino: per l’Eurocup basta la semifinale, per l’Eurolega serve la finale scudetto).[/font][/size][/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...