Jump to content

Cimberio, ci vuole l'impresa


pxg14
 Share

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3][color=rgb(37,39,37)]E’ una classicissima dai mille spunti quella che stasera a Masnago (palla a due alle ore 20,30) metterà di fronte Varese e Milano per il duello numero 168 dei 66 anni di storia del derby lombardo per eccellenza. La lanciatissima capolista EA7, imbattuta in campionato dopo l’innesto di quel Daniel Hackett che con la maglia di Siena ha “stoppato” i sogni di gloria della Cimberio per tutto il 2013 (dalla Coppa Italia alle semifinali playoff fino alla Super-Coppa), dovrà misurare lo spessore delle ambizioni playoff di Varese. Rinvigorite sul campo dal brillante raid di Reggio Emilia che ha inaugurato col botto il girone di ritorno, e nella sostanza dall’innesto del veterano Linton Johnson al posto di Frank Hassell nel tentativo di correggere i problemi strutturali più evidenti dal punto di vista difensivo.[/color][/size][/font][/color]

[color=rgb(0,0,0)][font=Verdana][size=3][color=rgb(37,39,37)]EFFETTO LINTON - L’esordio del 33enne lungo di Chicago scelto per le sue caratteristiche di atletismo e verticalità al posto di un centro di posizione come Hassell sarà certamente tra i motivi di maggior interesse di una sfida che metterà subito alla prova il nuovo assetto dinamico scelto dalla Cimberio per completare il restyling del roster. Certo dopo soli 3 allenamenti con i nuovi compagni non si può pretendere che un giocatore agonisticamente inattivo dall’8 gennaio abbia un impatto immediato; ma più che spunti individuali, da Johnson si attendono esperienza e solidità difensiva per far quadrare i conti di una squadra di attaccanti perimetrali. Logico che tutti i tifosi biancorossi sognino l’ennesimo “sgambetto” casalingo alla superfavorita Olimpia; ma le partite chiave nella volata playoff di Varese sono le prossime due trasferte a Venezia ed Avellino, inframmezzate dallo stop per la Coppa Italia. Anche se il derby di stasera contro una squadra sulla carta molto superiore è comunque una partita che la squadra di Frates dovrà affrontare al massimo della concentrazione e dell’energia: una sconfitta non cambierebbe granchè in classifica, ma una vittoria varrebbe un capitale in termini di entusiasmo...[/color]
[color=rgb(37,39,37)]RIMBALZI E VELOCITA’ - Sul piano tecnico le priorità del coach milanese ex di turno sono principalmente due. Il primo è quello di non subire il mix di forza fisica ed atletica di un’EA7 che soprattutto sul perimetro ha una taglia da Eurolega. Il secondo, legato all’effetto Johnson, è quello dei rimbalzi: Varese è sedicesima su 16 squadre di serie A nella classifica di squadra, mentre Milano è seconda. Se i biancorossi vorranno crearsi una chance di fermare la corazzata Olimpia, servirà limitare l’urto sotto i tabelloni e non subire le velenose transizioni di una squadra che a metà campo accusa ancora qualche passaggio a vuoto (vedi i 60 punti di venerdì ad Istanbul al di là del clamoroso canestro da oltre 20 metri allo scadere di Planinic).[/color]
[color=rgb(37,39,37)]DIFESA DI FERRO - La qualità principale della Milano plasmata da Luca Banchi è la forza della difesa, la migliore del campionato sulla base di un roster profondissimo (12-giocatori-12) e ricchissimo di opzioni. E dopo l’arrivo di Hackett, l’EA7 in versione Italia ha assunto il crisma da rullo compressore (5 vittorie su altrettante gare con scarto medio di oltre 18 punti e 62,8 punti subiti): numeri sullo stile della Siena del terzo e quarto scudetto, che hanno portato l’Olimpia dal settimo posto del 23 dicembre al primato agganciato domenica scorsa. Corretti in corsa con Lawal ed il play ex Siena i problemi iniziali in regia e sotto le plance, Milano ha tutte le carte in regola - anche per oggettiva mancanza di avversarie, prima di tutto sul piano economico - per rompere il lungo digiuno tricolore che dura dalla stagione 1995/96. Il match di Masnago è comunque un test significativo anche per gli ospiti, che finora hanno costruito[/color]
[color=rgb(37,39,37)]gran parte delle loro fortune al Forum (14-1 il record casalingo tra campionato ed Eurolega), raccogliendo però molto meno in versione-esportazione (4 vittorie su 15 gare esterne, 3-5 in Italia dove l’acuto più brillante è stato quello di Sassari, ultima partita giocata in campionato da Linton Johnson lo scorso 5 gennaio).[/color]
[color=rgb(37,39,37)]LE CHIAVI PER VINCERE - Il compito della Cimberio è improbo, ma contando sul sostegno di un PalaWhirlpool verso il “sold out” la squadra di Frates vuole confermare gli spunti positivi di Reggio Emilia. Per battere Milano servirà una prova votata alla coralità, al sacrificio difensivo ed all’intensità. E ovviamente una prestazione balistica di spessore. Ma se Varese vuol dimostrare di aver voltato pagina dopo un girone d’andata vissuto lontano dalle luci della ribalta, questa è la notte per provare a "girare" la stagione.[/color]
[color=rgb(37,39,37)]Giuseppe Sciascia[/color][/size][/font][/color]
 

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...