Jump to content
Sign in to follow this  

Diawara allontana la nostalgia «A Venezia vogliamo vincere»


pxg14

Yakhouba Diawara ha le idee chiare sulle prospettive dell'Openjobmetis alla vigilia della trasferta di Venezia. 
L'ala francese capocannoniere della serie A a 26,3 punti di media esprime senza mezzi termini la voglia di riscatto del gruppo biancorosso dopo il primo stop casalingo stagionale contro la Grissin Bon: «Dopo la sconfitta contro Reggio Emilia abbiamo tanta voglia di riscatto: ci aspetta una partita difficile, però ci siamo allenati molto bene in settimana e siamo pronti a giocare una gara ricca di intensità: lo stop di sabato sera ci ha lasciato l'amaro in bocca, vogliamo tramutare la delusione in rabbia agonistica». 
Per l'ala del 1982 sarà la più classica delle partite dell'ex, tornando per la prima volta da avversario al Taliercio, il suo campo di casa nella stagione 2012/2013 (lo scorso anno Kuba ha giocato in Francia al Gravelines): «Nel complesso è stata una stagione positiva perché abbiamo raggiunto i playoff, però nel corso dell'annata abbiamo attraversato una lunghissima serie di alti e bassi. E poi abbiamo incontrato subito la Cimberio, per cui la nostra avventura si è chiusa presto. Non c'è più lo stesso allenatore ma sono rimasto in ottimi rapporti con lo staff e con l'ambiente; ho tantissimi bei ricordi, ma ora penso a Varese e a giocare la miglior partita possibile domani sera». 
Altro spunto importante per l'atleta francese è legato alla presenza di Carlo Recalcati sulla panchina dell'Umana: fu l'ex CT azzurro a volere Kuba a Varese nell'estate 2011 dopo la retrocessione in LegAdue con Brindisi, e a rilanciarlo alla grande verso il lucroso contratto strappato a Venezia. 
«Carlo è un allenatore per il quale nutro grande rispetto, lo avevo già incrociato due anni fa giocando a Venezia quando lui allenava Montegranaro;, mi aveva aiutato tanto nell'inserirmi al meglio sul piano tecnico a Varese, sarà bello rivedere una persona che considero tra i migliori tecnici in circolazione». 
E in vista della probabile defezione di Kangur - ieri ancora out e con ogni probabilità indisponibile per domani - Diawara è pronto a caricarsi ulteriori responsabilità: «Non sarà un problema giocare tanti minuti anche domani; certo non è una buona notizia, si tratta di un ottimo giocatore ma tornerà in campo Callahan e nel nostro organico ci sono comunque tanti elementi in grado di farsi valere. Certo ognuno di noi dovrà dare qualcosa in più per nascondere l' assenza di Kristjan: solo dando il 110 per cento si potrà uscire dal campo a testa alta. Sabato scorso la sensazione è che siamo stati noi a fare un regalo alla Grissin Bon, ma ormai le cose sono andate così. Guardiamo avanti verso la partita di Venezia, dove ci attende un compito impegnativo ma stimolante: la squadra è molto unita ed è decisa a provare a riprendersi subito i due punti persi sabato scorso».
Giuseppe Sciascia 
 

Sign in to follow this  


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...