Jump to content

Il nuovo che avanza sfida il potere costituito


pxg14
 Share

[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]C'è ancora Siena sulla strada verso la gloria della Cimberio. Sette giorni dopo la pesante sconfitta al PalaSclavo, la formazione di Frank Vitucci si rimetterà alla prova contro i pluricampioni in carica della Montepaschi nella sfida conclusiva della Coppa Italia 2013 (palla a due oggi alle 18 al Forum di Assago; diretta su La7D e Sportitalia 2). Quattordici anni dopo i Roosters del '99 Varese torna a giocare una finale, sorretta dall'entusiasmo di una città che oggi invaderà Assago per sostenere Green e soci nella sfida al “potere costituito” della squadra che negli ultimi 4 anni ha fatto piazza pulita di successi tra campionato e Coppa Italia. I primi tre giorni della kermesse del Forum hanno comunque aumentato le certezze del gruppo biancorosso, capace di schiantare con assoluta autorità i padroni di casa di Milano e poi di superare le trappole di una semifinale “da favoriti” contro Roma mettendo a frutto la lezione subita domenica scorsa in Toscana (difficile, rispetto a quella partita, che la MPS recuperi Tomas Ress). Una “sconfitta terapeutica”, per usare le parole di Frank Vitucci, di cui Varese dovrà far tesoro per detronizzare un'avversaria capace di confermare il Dna vincente del suo progetto societario con la furiosa rimonta che ha stroncato sul più bello le velleità di Sassari.[/size][/size][/font][/color]
[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]A livello puramente statistico, il duello è tra lo scintillante attacco della Cimberio e la granitica difesa di Siena, che domenica scorsa ha prevalso nettamente ingabbiando la mente biancorossa Mike Green con un mix di aggressività e carica agonistica in grado di mandare fuori giri i meccanismi biancorossi. La squadra di Banchi ha dalla sua esperienza, duttilità e profondità dell'organico, ma Varese rappresenta il “nuovo che avanza” in un basket italiano che con i biancorossi più Sassari e Roma vuole riportare l'immaginazione al potere, puntando su un gioco spumeggiante e arioso che si coniuga con il risultato del campo.[/size][/size][/font][/color]
[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]E mentre la deludentissima Milano medita l'ultima rivoluzione con Fotsis sull'uscio e la ricerca di una nuova ala forte utilizzando l'ultimo dei 16 tesseramenti disponibili, i riscontri della Coppa Italia confermano le velleità da grande di una Cimberio attesa al test definitivo per legittimare il suo status da prima della classe. L'ultima Coppa Italia vinta risale al 1973, poi in finale solo sconfitte (1984/'85 con Pesaro, 1987/'88 con Caserta e 1998/'99 con Bologna).[/size][/size][/font][/color]
[color=#000000][font=Verdana][size=1][size=3]Stavolta l'occasione è ghiottissima e forse irripetibile, provando a far valere il giorno di riposo in più rispetto ai toscani - in campo per la terza volta nel giro di 72 ore - per esaltare l'entusiasmo degli sfidanti di successo di coach Vitucci e riportare Varese sul tetto del basket italiano.[/size][/size][/font][/color]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...