Jump to content

La batteria dei lunghi si rivela ancora una volta inadeguata


Nicolò Cavalli
 Share

[b]MARKO SCEKIC [/b](2 punti; 1/1 2p; 0/0 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 4,5. [/b]Alla forma fisica lontana da ogni canone del professionismo, abbina scarso tempismo ed inopportuno nervosismo. Serata da tregenda, conclusa anzi tempo in panchina (cinque falli in nove minuti) a vedere gli ex compagni ebbri di gioia.
 
[b]DUSAN SAKOTA [/b](2 punti; 0/1 2p; 0/3 3p; 2/2 tl), [b]VOTO: 4,5. [/b]Riproposizione moderna del classico cane che si morde la coda. Frates è prevenuto nei suoi confronti e gli concede un minutaggio da comprimario. Duki risponde con approssimazione, goffaggine, insicurezza. La notte di Siena sembra lontana anni luce, eppure sono trascorsi solo sei mesi.
 
[b]ERIK RUSH [/b](5 punti; 1/3 2p; 1/1 3p; 0/0 tl)[b] VOTO: 5,5. [/b]La vita e la carriera di una sportivo offrono alcune [i]sliding doors[/i]. Dopo un primo tempo vissuto con ottima energia, Erik fallisce due canestri ferali nel momento della possibile fuga decisiva. Avremmo gradito tutti un finale differente.
 
[b]KEYDREN CLARK [/b](16[b] [/b]punti; 2/4 2p; 4/8 3p; 3/4 tl) [b]VOTO: 5,5. [/b]Il voto, finanche generoso, è il frutto della media aritmetica tra il sette pieno primo tempo (ottimo fatturato e diversi assist) e il quattro stentato della ripresa. Che non fosse un campione era chiaro: ma giocare a nascondino in un torrido derby risulta imperdonabile
 
[b]ADRIAN BANKS [/b](14 punti; 6/11 2p; 0/3 3p; 2/2 tl)[b] VOTO: 6,5. [/b]Illude tutti noi con tre quarti di rara intensità, costellati da canestri puliti, difensori beffati, arguzia propositiva. Nel rettilineo decisivo conclude la corsa con la lingua a terra e il cuore affranto. Non chiediamogli miracoli sportivi, sta facendo abbastanza.
 
[b]ANDREA DE NICOLAO [/b](4 punti; 2/2 2p; 0/0 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 6. [/b]Mastino silenzioso nei momenti d'oro, ronzino annebbiato quando la trottola gira male. È in campo quando le cose paiono andare bene, però non dà la sterzata vincente per attaccare i canturini alla giugulare.
 
[b]FRANKLIN HASSELL [/b](11 punti; 5/12 2p; 0/0 3p; 1/2 tl)[b] VOTO: 5. [/b]Lo sprazzo di vivido orgoglio del terzo quarto rappresenta, insieme al computo dei rimbalzi arpionati (sette), l'unico aspetto positivo di una partita passata a litigare con se stesso e con i suoi palesi limiti tecnici. Va sgrezzato, ma il tempo è poco e la classifica piange.
 
[b]EBI ERE [/b] (15 punti; 3/6 2p; 3/6 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 6,5. [/b]Marcare Aradori rappresenta un compito improbo. Il capitano prova a metterci entusiasmo ed esperienza, con esiti alterni. In attacco brucia la retina e coinvolge i compagni, prima di naufragare nel mare in tempesta del quarto periodo, dove è l'ultimo a mollare.
 
[b]ACHILLE POLONARA [/b](8 punti; 1/1 2p; 2/3 3p; 0/0 tl) [b]VOTO: 6,5. [/b]Egregio nel contenere Leunen, quasi annullandolo, si sbilancia poco in attacco. Le due triple sono però scagliate con successo per ribaltare due vantaggi di Cantù: questa è classe, peccato non sia possibile canalizzarla verso traguardi di spessore.

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...