Jump to content

Moretti, timeout sul futuro «Cavalcare l’entusiasmo»


pxg14
 Share

[font=arial]Paolo Moretti non vede l'ora di iniziare a lavorare sull'Openjobmetis versione 2016-17. Il coach toscano rimanda alle nomine ufficiali qualsiasi giudizio su Claudio Coldebella («Per rispetto nei confronti di Stefano Coppa e perché non spetta a me giudicare chi in società sta sopra di me»), ma ha tanta voglia di partire nella programmazione futura: «Abbiamo tempo, ma non buttiamo via tempo: al momento stiamo portando avanti operazioni facili, ma per essere operativi al 100 per cento c'è bisogno di essere al completo e per ora non lo siamo. Non c'è ansia, però la carne da mettere al fuoco è molta; intanto fa piacere l'interesse, pur con sfumature diverse, da parte di tutti i giocatori con cui ho avuto colloqui nei giorni scorsi».[/font]
 
[font=arial]Il punto di partenza è rappresentato dai 4 contratti con Cavaliero, Ferrero, Campani e Molinaro e dalla volontà di ripartire dagli uomini della svolta Kangur e Wright: «Con gli italiani cercheremo di trovare l'equilibrio illustrando quel che sarà il loro ruolo: è giusto che sappiano cosa ha in mente l'allenatore. Abbiamo avuto un buonissimo feeling con Kangur con chances concrete di mettersi d'accordo presto; più complicato il discorso con Wright, visto che la nostra prima offerta è stata giudicata non all'altezza. Stiamo lavorando su una nuova proposta legata alla sua disponibilità a rimanere, ma nel frattempo ci stiamo guardando intorno». [/font]
 
[font=arial]La prima decisione strategica per il mercato estivo sarà quella relativa alla questione coppe, in attesa di capire se e a quale competizione l'Openjobmetis potrà partecipare: «è il primo snodo da affrontare, poi toccherà al budget, confidando in numeri definiti entro i primi di giugno, ed alla scelta dello schema. L'indicazione di massima è per il 5+5 ma non è un obbligo, dipenderà dal tipo di impegno da portare avanti. Se si disputerà una coppa europea il budget andrà spalmato su una rotazione da 10 giocatori, e trovare due italiani competitivi sarebbe piuttosto complicato».[/font]
 
[font=arial]Moretti confida comunque nella spinta di una città tornata ad amare il basket anche grazie a lui: «Dobbiamo ripartire dall'entusiasmo riacceso negli ultimi due mesi e mezzo: dopo mesi di critiche giustificate la città ha ritrovato la passione, e sarebbe bello alimentarla migliorando il risultato del 2015-16 con il ritorno ai playoff. Qui c'è competenza, e se a volte la storia opprime, ci ha dato gli stimoli giusti per dare sempre il massimo: non si porta così tanta gente in piazza Monte Grappa o in giro per l'Europa se alla base non c'è un amore viscerale per il basket». [/font]
 
[font=arial]Di certo Moretti ha conquistato Varese con la serietà del suo lavoro in palestra ed è un punto fermo fondamentale per la programmazione futura: «Che l'allenatore sia al centro del progetto tecnico lo considero un diritto e un dovere; però io lavoro con l'obiettivo di coltivare qualcosa per lasciare un'impronta seria e non razziare per il bene immediato. Il vantaggio della conoscenza dell'ambiente e del club mi consentirà di migliorare alcuni aspetti al di là della composizione della squadra; per questo stiamo lavorando per implementare uno staff già eccellente».[/font]
 
[font=arial]Giuseppe Sciascia[/font]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...