Jump to content

Chiudere le porte girevoli e trovare continuità


simon89
 Share

[size=4][font=arial]L'Openjobmetis ci ha preso gusto. Due vittorie esterne di fila dopo aver vinto due partite su 11 nei primi 4 mesi di stagione corroborano le sensazioni positive espresse nel match inaugurale del 2016 contro Cantù. Infortuni a parte, nell'ultimo mese il mercato ha finito di far vorticare a ritmi da tornado le porte girevoli del roster: e lavorando sugli stessi effettivi con gerarchie ben definite, Paolo Moretti ha saputo dare un volto compiuto al "patchwork" più volte riveduto e corretto della prima fase della stagione.[/font][/size]
 
[size=4][font=arial]Ed anche l'attuale identità operaia può produrre bottini elevati, se la circolazione di palla sa esaltare le qualità balistiche di un roster povero di creativi, ma ricco di mani morbide sul perimetro. E se c'è un solista che va troppo fuori dal coro, sta seduto in panchina: è capitato ieri a Maalik Wayns, rimasto a sedere per ampi tratti della ripresa dopo essere andato fuori dallo spartito. Ma alla luce delle scelte ancora una volta decisive nel rush finale, il messaggio è stato recepito dal play di Philadelphia, di nuovo sui livelli offensivi da prima punta che Varese gli chiedeva fin dalla scorsa estate.[/font][/size]
[size=4][font=arial]E poi c'è l'effetto Kangur, che nel giro di un mese ha prodotto quel miglioramento generale del sistema di gioco auspicato da Paolo Moretti quando l'ala estone era tornata in biancorosso, non senza critiche e mugugni.[/font][/size]
 
[size=4][font=arial]Due punti di riferimento importanti per guidare l'Openjobmetis verso gli obiettivi minimi di salvezza in campionato e ottavi di finale di FIBA Cup; le vittorie di Caserta e Minsk dimostrano che l'attuale versione della squadra di Moretti, riveduta e corretta nell'organico e nel "mansionario" rispetto alle premesse estive, è in grado di timbrare il cartellino su entrambi i fronti. Ma per provare ad alzare l'asticella serve chiaramente quell'addizione sul perimetro - al di là dei recuperi di Cavaliero e Campani - che il mercato continua a non proporre. Logico che i risultati positivi ottenuti in emergenza inducano ulteriormente alla prudenza società e staff nell'individuare con grande accuratezza l'elemento con cui sostituire Ramon Galloway. [/font][/size]
 
[size=4][font=arial]Più che per un discorso play off al momento poco credibile, l'obiettivo vero per l'Openjobmetis può essere quello di arrivare fino in fondo in FIBA Cup. La tanto vituperata "coppetta" può diventare un evento di richiamo, a partire dallo spareggio di mercoledì prossimo per il primo posto con Larnaca: l'accesso alle Final Four garantirebbe un gruzzolo importante (da 50mila per la quarta a 250mila per la prima), con un innesto di qualità superare due turni play off e magari provare a portare l'evento al PalaWhirlpool (c'è il bando per l'organizzazione... ) sarebbe un bel modo di vivere una seconda parte della stagione che con le 4 vittorie dei primi 20 giorni di gennaio ha comunque già preso tutt'altro colore rispetto al plumbeo 2015...[/font][/size]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...