Jump to content

Cimberio Varese 71 – EA7 Emporio Armani Milano 76


Nicolò Cavalli
 Share

La ricorderemo come la stagione delle sconfitte onorevoli. Archiviata da tempo la scorsa annata di splendida follia, passata a coltivare sogni di Coppe e Scudetto, Varese rinuncia anche alla strenua difesa del Campanile e vede il suo Fortino violato nel derby n. 168.
 
Il film, bene o male, scorre in maniera arcinota. Mancano chili sotto le plance, il [i]playmaking [/i]è un miraggio, i tiri dalla lunga sono una croce e non una delizia. L'avversario sa giocare a pallacanestro e avanza inesorabile. Il primo atto, in realtà, appassiona grazie ad alcuni colpi ad effetto (con il pistolero Banks che prova a discostarsi dalla trama), i quarti centrali scivolano con esito scontato (Milano cambia il ritmo, la Cimberio resta ferma al palo), i titoli di coda scorrono presto. Sembra un film giallo in cui l'assassino conclamato è il maggiordomo: inutile sforzare la fantasia, la storia non cambia.
 
[i][b]Contesa energica. [/b][/i]L'avvio è guardingo su entrambi i lati, come se i dieci uomini in campo percepissero la tensione del derby. Una tripla di Ere, seguita da due giocate preziose del “presidente” Johnson e da un'entrata di Clark, scalda l'ambiente: coach Banchi striglia i suoi con un minuto di sospensione in concomitanza del 10-2. Il tonnellaggio di Samuels e il fiuto da segugio di Moss (tripla dopo palla vagante) riducono il gap, anche grazie a un paio di fischi quanto meno generosi: l'attacco dell'EA7 è coccolato come una specie in via di estinzione. Varese ci mette del suo bloccando la circolazione in attacco, però trova dalla compensazione della terna – fallo tecnico a Samuels – la propulsione per issarsi sul 18-11, targato Banks. Nella convulsa coda del periodo, l'ingordigia della Cimberio (Polonara indovina un contropiede ma sbaglia il successivo) e qualche rimbalzo offensivo di troppo concesso a Gentile sanciscono il 22-16.
 
[i][b]La profondità dei roster ristabilisce i valori. [/b][/i]Milano riprende vigore con gli ingressi lussuosi dalla panchina di Langford, Melli e Lawal, la Cimberio prova a tener botta pescando dal cilindro canestri sporchi con Scekic e ancora con Achille: 28-24. La differenza tra le seconde linee, sebbene per l'EA7 tale dicitura sia un azzardo, rappresenta uno scontato preludio al pareggio (30-30); l'ottima zona predisposta dai meneghini fa il resto puntellando la primi mini fuga ospite. Rush, De Nicolao e Sakota vengono cannibalizzati come esploratori dispersi in Papuasia, allora Frates predica calma per evitare psicodrammi sul 34-42. La risposta arriva timida dall'attacco (2+1 di Polonara, dardo di Clark), ma è una chimera in difesa. Riproponendo il canovaccio di inizio gara – cattiveria agonistica e mani addosso – i padroni di casa dimezzano lo svantaggio, quindi Moss timbra il 42-28 sulla sirena.
 
[i][b]La bagarre non basta. [/b][/i]In avvio di ripresa un assist di Clark per Johnson (gravato di tre penalità, con buona dose di ingenuità) produce una schiacciata da fantascienza, utile ad accendere la passione di Masnago – stracolma ma a tratti dimesso, in perfetta sintonia con i suoi ragazzi – e a ridare un fugace meno quattro ad Ere e compagni: 48-52. Hackett dall'angolo e Banks in entrata deliziano i palati fini, Mei viene lanciato nella mischia con la missione di alzare il tono della difesa. In un climax ascendente di pathos, Varese si dimentica di far funzionare le sinapsi e il pubblico ricade nel brutto vizio di gettare palle di carta in campo (e meno male che la società ha lanciato una campagna benefica con i proventi delle auspicate mancate multe …). L'Emporio con autorità plana sul più nove, 42-51, quindi rincara la dose con la tripla frontale di DH, nemesi per eccellenza dei fedelissimi prealpini (11 punti + 8 rimbalzi nel paniere di Dany Boy). La forbice rimane aperta fino al termine della frazione, con un meno dieci che mette la Cimberio con le spalle al muro.
 
[i][b]Reazione tardiva. [/b][/i]Il guizzo dell'ex Kangur, ripescato da Banchi dopo aver accumulato polvere in panchina, e l'ennesimo disastro di Sakota sono un macigno dal quale Varese prova a liberarsi con malaugurati tiri dalla lunga (percentuale misera dall'arco, 4/22). L'antisportivo comminato all'abulico Dusan affonda le ultime speranza biancorosse con lo scoccare del 56-71, inducendo Milano ad alzare un po' troppo presto le mani dal manubrio. Un parziale di 8-2 non trova felice seguito, anche perché l'eccellente Langford – MVP con 16 punti e 7/8 dal campo – aggiunge alla sua collezione della serata la tripla ferale del 64-76. Le tossine rilasciate dalla beffarda sconfitta di Istanbul debilitano Milano nel rettilineo d'arrivo, però lo scienziato Clark pensa bene di palleggiare quindici secondi invece di aggredire il ferro. Il finale è pura accademia, con la Cimberio che rosicchia punti senza mai impensierire l'EA7.
 
Non resta che narrare di un pubblico ancora una volta prodigo di passione e voce, fino quasi a sgolarsi, nonostante la quarta sconfitta stagionale tra le mura amiche. La sensazione, non troppo piacevole, è che un analogo finale d'articolo dovrà essere ancora riproposto in questa stagione dalle tinte mediocri. Così mesta da farci rimpiangere i cari, vecchi, film gialli...

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...