Jump to content

Cimberio Varese 81 - Acea Roma 58


Nicolò Cavalli
 Share

Alzi la mano chi ha intravisto la terza forza del campionato impensierire la capolista. Roma, senza tifosi e senza idee al seguito, viene dominata (dati emblematici le 25 palle perse, il 36% al tiro e la valutazione di 35 a 108) per tre quarti e subisce una lezione di pallacanestro che le gioverà per il futuro. Probabilmente dopo un paio di notti insonni e qualche allenamento punitivo.
Dall'altra parte Vitucci, da splendido alchimista, concede un minutaggio mai visto alla panchina. I suoi lo ripagano superbamente, segnando in undici (!) effettivi e sciorinando una prestazione di carattere da primato. Mancano ancora cinque partite di stagione regolare, ma – vista la fase calante di Sassari – la prima piazza appare vicina.

[i][b]Equilibrio allo start. [/b][/i]I due quintetti impattano il match con una notevole abnegazione difensiva, in particolare la [i]zone-press [/i]capitolina insidia la manovra della capolista. Un indemoniato Ere (8 punti) si scambia colpi di classe con l'ex di turno Goss – piuttosto indisponente nel pre-partita nel non ricambiare gli applausi signorili di Masnago – per l'8-6 iniziale. La poderosa schiacciata di Dunston e la serpentina di Banks (12-6) obbligano Calvani alla sospensione tecnica, dalla quale l'Acea esce pescando i primi due punti del talento azzurro Datome e poco altro. Sakota è sartoriale da tre, quindi Roma ricuce con un'entrata di Taylor viziata [i]ab origine[/i] da un'infrazione di passi più evidente del Colosseo: 15-12. Green denota un nervosismo più marcato del solito e cozza contro la retroguardia giallo-rossa, dall'altra parte Lawal è un cliente difficile da gestire ad alta quota. Banks interrompe il break di 0-9 con un bel 2+1, Dunston manda in archivio la prima frazione con una stoppata che cancella il tiro di Lotant. Al mini intervallo la Cimberio guida 18-17.

[i][b]De Nicolao-Polonara, una brezza di gioventù. [/b][/i]La terna d'un tratto decide di sanzionare anche i sospiri dei romani, segnalando tre falli in venti secondi. Varese sciupa varie possibilità di allargare la forbice e trema di fronte allo scivolone di Banks (nulla di grave), fermato da D'Ercole senza cattiveria. La difesa asfissiante di De Nicolao su Taylor è poesia cestistica, mentre l'ennesima scelta sbagliata da Rush è da pura incavolatura. Talts alza i gomiti e, coadiuvato da PolonAir, si confronta in un epico scontro con Lawal nel pitturato. Il quintetto “di riserva” continua a giocare con il coltello fra i denti e corre fino al 28-23, punteggio rimpinguato poco dopo dal dardo inceneritore del solito Ere. L'Acea annega nella rete difensiva della Cimberio e rimane inchiodata tempo immemore a quota 23. Ci pensa allora Goss, con cinque punti di indubbia finezza, a rilanciare le azioni dei suoi: alla pausa lunga i padroni di casa conducono per 33-28.

[i][b]Acea in crisi d'identità. [/b][/i]Varese inaugura la ripresa con buone difese e con i “piazzati” di Ere e Dunston, il tabellone assume un aspetto confortante recitando 37-28. Roma non fa canestro nemmeno in una piscina olimpionica, Calvani allora perde il senno e si vede comminare un fallo tecnico. I laziali escono dalle secche del parziale di 0-8 con la tripla di Taylor e con il sussulto di Datome (41-33), i bianco-rossi denotano la consueta mancanza di [i]killer instinct [/i]ricamando trame con qualche leziosità. Un ciuffo da sette metri di Sakota, conclamato spauracchio dei romani, e una mira aggiustata dalla lunetta ridanno un sapore più speziato al vantaggio varesino: 48-36. Il pressing di Roma viene annichilito dalla fuga di Polonara, bravo a servire un assist al bacio per Talts, e dalla magia di De Nicolao. Il 54-38 del trentesimo minuto scatena gli animi sulle tribune gremitissime del PalaWhirlpool.

[i][b]Ma che musica, maestro! [/b][/i]La contesa si riapre all'improvviso: in concomitanza del contatto di Talts su Lawal, la terna punisce Frank Vitucci con un fallo tecnico tipicamente compensativo. Ma è solo un refolo di vento che non turba la solidissima truppa del coach veneto. Roma assomma 6 punti, Varese (per la prima volta quest'anno con i cinque “titolari” all'unisono in panchina) non si scompone e colpisce con Rush per il 57-44. Calvani è in piena confusione: il suo pressing a tutto campo appare più morbido della colomba pasquale. Talts, Rush e Polonara affondano il coltello e servono sul piatto un dolce candito con scritto sopra 65-46. Gianni l'estone assesta due stoppate da cinema, a cinque minuti dalla fine la sfida è virtualmente chiusa. Il resto è puro pleonasmo, con i ragazzi terribili di Varese (il giovane Bertoglio fenomenale in entrata per l'81-55) a indurre anche il fan più mite a spellarsi le mani.

Una sola riflessione accompagna la fiumana entusiasta bianco-rossa: non vediamo l'ora che arrivi maggio. Con i play-off a risvegliare sogni che da queste parti non si coltivano da tre lustri. Prima classe prenotata, tutti a bordo per conquistare l'utopia a tre colori. Il capotreno Vitucci scalpita per cominciare lungo viaggio, noi ancora di più.

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...