Jump to content

Coppa Italia: Cimberio Varese 81 - Acea Roma 71


Nicolò Cavalli
 Share

Trenta minuti di pura sofferenza sportiva: palloni persi in sequenza, rimbalzi lasciati all'avversario, dettagli trascurati. Poi d'un tratto Varese ha assunto il volto della capolista, macinando energia e punti. L'Acea si è sciolta, perdendo per falli la batteria dei lunghi (Czyc, Lawal, Jones), e ha concesso il fianco alla capolista.

La Cimberio questa sera ringrazia un meraviglioso Sakota (21 punti e 5/7 dalla lunga) e cuore di capitano Ere (capace ricucire lo strappo nella fuga capitolina). Dopo un primo tempo di vivida tensione in cui i ragazzi di Vitucci hanno condotto (35-32 alla pausa lunga) ma non sono riusciti ad andare in fuga, nella ripresa Roma ha accelerato con Goss e Taylor fino a toccare i quattro punti di vantaggio. A quel punto Dunston è diventato un fattore, occupando l'area e costringendo la formazione di Calvani a rifugiarsi in sbilenchi tiri dall'arco: 3/21 totale. Nel finale, dopo l'ultimo tentativo di rimonta laziale, il leader Green – stasera un pò sottotono – ha assestato i colpi decisivi. Dopo una nottata di difficoltà sotto le plance (33-41), di “braccino” tennistico e di poca fluidità, i biancorossi si sveglieranno comunque domattina con la consapevolezza di poter tornare i grandi.

Ventiquattro ore e poi sapremo se potremo continuare a sognare a occhi aperti: il popolo di Masnago vorrebbe destarsi dai voli onirici il più tardi possibile...

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...