Jump to content

Dai fischi all'amore. Questa squadra ha già vinto


simon89
 Share

[size=4][color=rgb(0,0,0)][font='Times New Roman']Dalla pioggia di fischi dello sconcertante esordio contro Caserta agli applausi scroscianti nell'ultima tappa casalinga della regular season. Sono serviti 7 mesi per ricucire definitivamente il rapporto tra l'Openjobmetis e il PalaWhirlpool, condizionato da quell'esordio choccante. Ma la Varese graffiante in difesa e rombante in campo aperto che ha abbattuto la corazzata Grissin Bon con tutta la voglia di riscatto dei suoi 8 uomini d'oro ha definitivamente riconquistato Masnago. [/font][/color][/size]
 
[size=4][color=rgb(0,0,0)][font='Times New Roman']L'Openjobmetis di aprile, capace di abbattere in rapida successione Pistoia, Venezia, Cremona e Reggio - ossia 4 squadre che attualmente occupano la metà alta della classifica - vale abbondantemente i playoff per coesione e rendimento sui due lati del campo. Cavaliero e soci pagano però i primi 5 mesi sull'ottovolante, tra errori di mercato e infortuni, che li condanneranno ad un ultimo turno all'inseguimento di  4 o 5 incroci favorevoli per agganciare in extremis l'ottavo posto. Ma la vittoria di ieri, con il fondamentale apporto del trio Cavaliero-Ferrero-Campani per piegare la squadra col miglior parco italiani della serie A, ribadisce un aspetto più importante della contingenza dei risultati. Ossia che dopo tre rivoluzioni e mezza (contando il restyling in corso d'opera Kuksiks-Wright-Kangur) in tre anni, con un turnover selvaggio che dal 2013 a oggi ha visto succedersi 45 giocatori, 5 allenatori, 4 presidenti (tra società e consorzio) e 4 tra g.m. ed.s., la versione attuale Openjobmetis ha raggiunto un livello di feeling ottimale tra squadra e coach e tra i giocatori stessi. [/font][/color][/size]
 
[size=4][color=rgb(0,0,0)][font='Times New Roman']Altro che tutto da buttare: con alcuni ritocchi mirati, tra organico e stanza dei bottoni di una società alla quale va dato merito di aver sempre sostenuto coach Moretti e la squadra, si potrebbe costruire un progetto in grado di dare continuità al gran lavoro svolto negli ultimi due mesi. Una possibile chiave per un futuro consolidamento ad un livello più alto è l'atto finale della Fiba Cup: se l'attuale versione biancorossa è in grado di superare l'ostacolo Reggio Emilia, anche la sfida a Chalon nonostante il fattore campo avverso diventa possibile per questa OJM. Che proverà a far sognare anche i 410 tifosi che la seguiranno al Colisèe.[/font][/color][/size]

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...