Jump to content

Openjobmetis Varese 74 - AEK Larnaca 72


Nicolò Cavalli
 Share

Priva di Wayns, escluso per un colpo alla testa in rifinitura, una Varese – che nel calcio definiremmo spuntata – trova un successo sporco e sofferto staccando il biglietto per gli ottavi di finale. La prestazione zoppicante, a tratti grottesca, viene salvata grazie al carattere che emerge in un finale punto a punto.
 
[i][b]Inizio soft. [/b][/i]Moretti sceglie un quintetto di partenza fisicato (Kangur da “tre”) capace di pescare, a più riprese, un Davies arzillo sotto le plance: 9-6 a metà primo periodo. Varese allieta i pochi intimi del PalaWhirlpool con un po' di accademia – stoppata volante di Faye e pregevole circolazione di palla a smarcare KK – prima che qualche fischio di troppo della terna addormenti il ritmo e i neuroni dell'OJM (due omaggi clamorosi in un amen a favore dei campioni di Cipro) fino al 17-14 del decimo minuto.
 
[i][b]Davies contro tutti. [/b][/i]Il gradito ritorno di Luca Campani coincide con la sciarada di punti di McFadden, poi è Brown a capitalizzare (23-26) i due erroracci di Varanauskas e di Golloway: il time-out di Moretti, con tanto di rimbrotti anglo-aretini, prova a placare gli animi. Eppure lo striscione indirizzato al #55 (“Galloway game over”) non può passare inosservato. L'approvvigionamento continuo di palloni a Davies, agevolato dall'assenza del veterano Brezec tra le fila dell'AEK, riporta i padroni di casi in avanti, dunque un guizzo sull'asse Kuksiks-Ferrero vale il 37-33 della pausa lunga.
 
[i][b]A scartamento ridotto. [/b][/i]Una gara tranquilla sul piano agonistico viene destata dall'espulsione – per doppio fallo tecnico – dell'allenatore ospite Gavriel: a livello arbitrale, evidentemente, [i]tutta Europa è Paese[/i]. I ciprioti, inciampati sul meno otto, si issano sul 42-39 e non si muovono da lì per lunghissimi minuti. L'Openjobmetis non fa molto meglio (ancora una serata no nel tiro pesante, il dato finale sarà di 4/16) e trova nei soli viaggi in lunetta il timido abbrivio per toccare il 53-47, vantaggio dimezzato a fil di sirena dal fortunoso ciuffo di Panteli.
 
[i][b]Finale thrilling. [/b][/i]Larnaca, con una serie di folate offensive, sforna il ribaltone condendolo con il 2+1 di Bowman e l'entrata di Petrovic (55-59). Moretti e i suoi ci capiscono poco, soprattutto nei cambi di uomo in difesa, e si aggrappano alla mani riscaldate di Varanauskas e Ferrero per smorzare la fuga targata AEK: 64-66. Il disastro tecnico assume connotati paradossali da entrambi i lati del capo: Faye litiga con il ferro dopo i rimbalzi in attacco, Davies passa la palla a un compagno immaginario fuori dal campo, i verdi veleggiano sul più tre. Titoli di coda? No, perché Ferrero segna in contropiede, Faye (pessimo a lunghi tratti) timbra da otto metri e il play lituano scrive un nuovo vantaggio. Sul 72-70 l'OJM opta per il fallo. L'impressione è che la scelta gradita sia il supplementare per blindare il primo posto del girone visti i problemi di falli degli ospiti. Ma Ovidijus, non sappiamo se eroe o sciagurato, stappa lo spumante della vittoria. Qualificazione raggiunta, ma per il primo posto ci sarà da sudare in Austria.
 
Però, più ancora, ci sarà da sudare in palestra: il volto di Moretti, a fine gara, era tutto un programma. L'antenna di Varese deve risintonizzare le proprie onde. Il ripetitore cestistico del Sacro Monte, che siano prime serate di Coppa o di Campionato, non promette granché di buono per le prossime settimane...
 
 
[i][b]Il migliore: Brandon Davies. [/b][/i]Primo tempo con statistiche da almanacco (18 punti + 6 rimbalzi) sfruttando la leggerezza dei lunghi a referto di Larnaca e il [i]jet leg[/i] che assopisce Leslie. Nel proseguo la difesa avversaria lo bracca con diversi agenti speciali: ne esce qualche pallone perso di troppo, tuttavia 27 punti e 11 rimbalzi sono oro che cola.
 
[i][b]Il peggiore: Ramon Galloway. [/b][/i]Sin troppo facile scegliere il “barba”: per coerenza, ribadiamo, già da tempo meriterebbe essere ai margini del progetto tecnico. Ma anche Faye rischia di salire sul banco degli imputati. Gli alibi della stagione cominciata in anticipo e dell'aggiunta in corsa di Kangur non valgono più, restano sul groppone palloni persi, amnesie e un tap-in da patrie galere sbagliato complice un salto in contro-tempo. La siderale tripla sul finire toglie il retrogusto amaro.
 

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...