Jump to content

Openjobmetis Varese 80 - Enel Brindisi 69


Nicolò Cavalli
 Share

Certe partite presentano chiavi di interpretazione duplice. Nella visione “varesecentrica” di chi mastica basket sotto le Prealpi, stasera gli omaggi sono da rivolgere a Moretti, capace di condurre in porto un successo cruciale con pochi elementi a referto; sono da ascrivere ad una difese ferrea, a tratti asfissiante, che obbliga Brindisi a sparare a salve per l'intero secondo tempo; sono da gridare a Ferrero e Cavaliero, migliori in campo e mefistofelici nel puntellare la rimonta. Dall'altra parte ci sono i giornalisti di Brindisi, che a fine partita raccontano di una Enel indegna (il simpatico signore pelato mi suggerisce l'aggettivo quella dozzina di volte...), molle sotto canestro, uccisa da egoismi e faide interne, incapace di soffrire.
 
[i][b]Chi sono quelle sagome? [/b][/i]Una platea di Masnago in versione primaverile, con alcuni seggiolini vacanti ben sacrificati in cambio di una gita, assiste a diversi giri a vuoti dei biancorossi: 4-10 con un festival di ferri scheggiati. Al primo time-out di Moretti alcuni coniglietti in cartonato popolano il [i]parquet[/i], ma l'agilità sembra la medesima dei padroni di casa. La regia approssimativa di Wayns e Wright fa da anticamera alle scorribande di Banks (9-15), quindi Varese aggiusta le dinamiche offensive con Kuksiks e Kangur. Un'impennata improvvisa nelle percentuali ribalta le sorti al termine del primo periodo (21-19), eppure il vantaggio non risparmia al presidente Coppa un nuovo striscione piccato dalla Curva Nord.
 
[i][b]Punteggio ad elastico. [/b][/i]Gli ospiti ripartono a marce alte con il neo acquisto Trotter e il pretoriano Zerini sugli scudi, dall'altra parte Cavaliero e Ferrero rendono meno gravoso il[i] break[/i]: 27-29. Il quintetto bonsai schierato da Moretti per risparmiare precauzionalmente Campani (ultima freccia di una faretra di giocatori stazzati ridotta ai minimi termini) crea diversi grattacapi alla formazione di Bucchi: pressing e tiri nei primi secondi dell'azione valgono il 34-29 dopo un antisportivo su Wayns. Il [i]magic moment [/i]biancorosso, con il massimo suggello del +8 sul 39-31, scatena la risposta delle guardie in maglia Enel: le scosse elettriche di Cournooh, Banks e Scott accedono la contesa fino al 45-43 della pausa lunga.
 
[i][b]Poco spazio all'improvvisazione. [/b][/i]Una Openjobmetis affrettata e meno incisiva dal perimetro rompe l'[i]empasse [/i]dopo tre minuti abbondanti, i pugliesi si affidano al totem Anosike per far valere il tonnellaggio di ben altra caratura: 49-51 a metà periodo. La monodimensionalità delle opzioni d'attacco scrive trame di facilissima lettura per la difesa ospite, quindi la situazione assume contorni critici dopo il fallo tecnico comminato a Ferrero (simulazione). Giancarlo e Wright trovano due canestri nel traffico, ma il tocco di Milosevic a fil di sirena arride a Brindisi, in vantaggio 53-57 pur senza sbalordire.
 
[i][b]Ruggiti a tutto campo. [/b][/i]Confermando un [i]trend [/i]connotato da corrente alternata, l'Enel incespica a lungo nelle sue scelte solitarie e viene salvata da due infrazioni di passi (dubbia al limite del paradossale la prima, equa la seconda) in concomitanza del 61-57. L'atteggiamento della terna scontenta tutte le parti in causa, ma è l'OJM a doversi cospargere il capo di ceneri ardenti mancando tre ghiotti possessi sul 63-58 con bonus acquisito. Wayns perde un pallone sanguinoso, Ferrero si vede recapitare un antisportivo tornando in difesa (ma non c'era cattiveria alcuna nell'intervento su Scott...) e il segnapunti torna sul 65-64. A rompere gli indugi, questa volta in maniera risolutrice, è capitan Cavaliero: subisce una stoppata da Banks, però sulla rimessa brucia la retina con una tripla dall'immenso peso specifico. Il finale, con Davies e Ferrero a riscuotere applausi per la commovente abnegazione sotto le plance (il dato dell'ultimo parziale, 20-5 per Varese!), porta in dote sorrisi e serve a ribaltare perfino il doppio confronto dell'andata.
 
Perché se rappresenta un'eresia nominare i play-off, stanotte nessuno rimuginerà sulla vittoria allo scadere di Torino contro Trento. Piuttosto sarà cruciale recuperare le forze in vista dei quarti di finale di Fiba Cup: il trampolino dell'autostima è azionato, ora serve la spinta giusta per scavalcare Anversa.

 Share


User Feedback

Recommended Comments

There are no comments to display.



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...